Con la Volvo 343, gli svedesi hanno avuto un problema di immagine

Alla domanda se si tratti di una vera Volvo si può rispondere con la Volvo 343 con un sì. Ok, ora i critici diranno, non è davvero un DAF? Ecco cos'è, ed è in realtà il grande DAF che, progettato con il numero di progetto P900, avrebbe poi portato il nome DAF 77.

Ma ciò non è accaduto, Volvo aveva precedentemente rilevato la divisione autovetture del gruppo DAF e gli svedesi avevano già alcune carte in gioco. Già durante la fase di sviluppo, gli ingegneri DAF avevano accesso alla tecnologia Volvo. In termini di sicurezza e carrozzeria, il 343 è stato un vero vichingo sin dall'inizio.

Volvo 343 (1980)
Volvo 343 (1980)

La Volvo 343 ha un problema di immagine

Ma Volvo aveva un problema di immagine con il 343. Il variomatic continuo era speciale quando fu lanciato nel 1976, ma soprattutto era molto tipico per DAF (Link). E anche gli acquirenti erano la tipica clientela più tranquilla che avrebbe ordinato un DAF 66.

Non era così che si era presentata la Volvo.

I problemi sono stati rapidamente individuati. L'atmosfera era DAF e non Volvo e il variatore era il vero problema. Nel 1977, un anno dopo il suo lancio, il 343 ricevette la sua prima trasfusione di DNA. La compatta ha i sedili della Volvo 242, gli interruttori per il controllo del riscaldamento e un cruscotto nero più prezioso nello stile del marchio.

Poi nel 1978 il colpo successivo. In autunno gli svedesi introdussero finalmente il proprio cambio a 4 marce in alternativa al variomatic che fino ad allora era stato l'unico disponibile. Il risultato è stato immediatamente disponibile nelle statistiche.

I dati di vendita sono saliti immediatamente.

Inoltre, un anno dopo, è seguita la Volvo 345, un modello a cinque porte tanto atteso, e sono seguite altre linee di equipaggiamento, creando un ambiente di lusso tipico del marchio.

Volvo 343 – in qualità Volvo

In effetti, la 343 cominciava ormai a farsi vedere sulle strade tedesche, ma l'immagine era ancora quella di una vettura a variatore poco entusiasmante. Per cambiare la situazione, l'importatore tedesco ha adottato contromisure. Insieme all'accordatore Oettinger (Link) la filiale Volvo ha lanciato una serie speciale potenziata delle prestazioni della Volvo 343, che è andata subito esaurita.

Pubblicità per la Volvo 343 (1980)
Pubblicità per la Volvo 343 (1980)

Il marketing pubblicò annunci nelle riviste tedesche, promuovendo la qualità Volvo della 343. Suona un po' strano, ma era una ferita aperta che non sembrava essersi ancora rimarginata dopo i problemi di qualità nella fabbrica olandese durante la fase di start-up.

Nel giugno 1980, il produttore ha sottolineato l'eccellente qualità del corpo della piccola serie, l'economia e l'equipaggiamento completo. Semplicemente qualità Volvo. Chiedere?

Solo pochi mesi dopo, gli svedesi regalarono alla loro progenie olandese un altro profondo miglioramento. I paraurti, che sono stati tirati ulteriormente attorno al corpo, erano visivamente sorprendenti. Solo ora sono finiti ai passaruota e dovrebbero garantire un aspetto più muscoloso, simile a Volvo.

Non è stato del tutto riuscito. Perché la serie 300 è rimasta con l'odore di stalla DAF fino alla fine del 1991.

8 pensieri su "Con la Volvo 343, gli svedesi hanno avuto un problema di immagine"

  • E infine, Volvo ha messo gli occhi sulla GTI. I PS erano a un livello altrettanto alto e, per quanto ne so, la differenziazione proveniva più dal principio del transaxle, ingranaggi sull'asse posteriore. Non è una cattiva alternativa per chi non è Vauweler o Opelaner. I successori 440 e 480 sono ancora una volta ambiti esotici, in particolare il 480 turbo.

    • Sì, puoi ancora vedere il 480 sulla strada. Ha già qualcosa!

      E anche il 343 era migliore della sua immagine. Lei aveva 18 anni, io 16. La mia prima ragazza aveva...
      Un interruttore con le modifiche già menzionate qui. mi sentivo come una volvo dentro e fuori, abbastanza simile al modello 245 del 1984 dei miei genitori abbastanza da vedere e sentire chiaramente l'affiliazione al marchio. E il telaio era forse anche migliore. I 240 erano sostanzialmente ancora basati sul telaio dell'Amazone dagli anni '1950 fino alla fine, avevano una carreggiata incredibilmente stretta e inizialmente anche un passo molto, molto corto, fino a quando non hanno preso il posto dei 260 leggermente più lunghi. Le Volvo 140, 160, 240 e 260 sembrano sempre ea volte sembrano troppe auto su un telaio troppo piccolo, sia in positivo che in negativo. I piccoli cerchi di sterzata sono leggendari e sono stati pubblicizzati ancora e ancora. Spingere queste scatole nei parcheggi più stretti è un gioco da ragazzi e le dimensioni del telaio funzionano sorprendentemente bene anche su campi e sentieri forestali. Queste cose possono essere sconfitte senza pietà e talvolta persino vincere il Midsommar nella loro classe davanti a diverse Porsche di qualche anno più giovani...

    • Avevo la 480 Turbo sul mio radar prima di acquistare la mia prima nuova auto Saab. Pensavo che la Volvo fosse un pezzo di design e mi sarebbe piaciuta. Tuttavia, la tecnologia non era così convincente, il Turbo (Renault) non si avvicinava a tenere il passo con il 900.

      Ma mi piace ancora oggi la forma del 480.

      • Il 480 è solo una classe di veicoli al di sotto del 900. Nessun confronto! In qualche modo ancora buono.

        È la moderna piccola auto svedese per gli appassionati di design che Saab non ha mai avuto ...
        La coda con la citazione di vetro della bara di Biancaneve ha qualcosa. Anche la parte anteriore e c'erano cerchi originali e distintivi che gli stavano bene...

        Ma è speciale e anche un po' disfunzionale. Dovevi volerlo esattamente com'era o comprare un'auto diversa. Probabilmente rientra nella categoria di molto attraente ma alla fine non convincente. Almeno è così che mi è sempre sembrato...

        Oggi è un classico e ha superato tali standard.

        • In teoria hai ragione. Non è così in pratica, ma la colpa è del 900. È piuttosto stretto e, sebbene mezzo metro più lungo, è anche di poco inferiore in larghezza al 480. Il senso dello spazio è quindi simile nei sedili anteriori (e anche la Volvo ha un aspetto più moderno).

          Allora erano davvero solo il motore e il fascino particolare del 900 a fare la differenza.

          • Ragione sufficiente.

  • Il piccolo motore da 70 CV con cilindrata di 1,4 litri
    veniva anche dalla Renault.
    Nella 400 e nella prima serie 40 c'erano ancora alcuni motori e trasmissioni della Renault.
    Tutti questi veicoli sono stati costruiti anche in Olanda.

    • Era solo un tempo in cui i 6 cilindri (Euro V6) delle Volvo erano molto francesi...

      Qui trovo la storia della Volvo sorprendentemente simile alla storia della Saab. C'è stata una lunga fase in cui Volvo aveva solo motori a benzina e solo 4 cilindri da 2,0 (Italia) o 2,1 o 2,3 litri da una coerente progettazione e produzione interna. Tutti gli altri motori sono stati acquistati o il prodotto di una partecipazione ...

I commenti sono chiusi