Per le lunghe distanze non ne troverai una migliore: l'Audi 100

Nel 1976, Ingolstadt pubblicizzò la nuova Audi 100 e le sue qualità per le lunghe distanze. Non troverai niente di meglio sulle lunghe distanze, diceva il marchio dei 4 anelli. Era così? La Saab 9000, il luminare a lunga distanza dalla Svezia, non era ancora stata inventata, quindi l'Audi, vista attraverso gli occhiali di Saab, aveva reali possibilità.

Dopotutto, è stata la prima grande Audi creata sotto la significativa influenza di un certo signor Piëch, che voleva portare il marchio al vertice. Il melodioso cinque cilindri in linea era la sua composizione, e rimasi ancora molto deluso quando anni dopo portai in pista l'Audi.

Conduceva da Francoforte a Berlino Ovest, con una deviazione nel cuore del vero socialismo, e ritorno. La delusione – è comprensibile ancora oggi.

Audi 100 - per il lungo raggio
Audi 100 – per il lungo raggio

Audi 100 – su una lunga, lunga strada

Il transito verso Berlino Ovest è leggendario, i viaggiatori esperti di Berlino Ovest preferivano il valico di frontiera a Helmstedt, che prometteva il percorso più breve attraverso l'Est. Il mio storico passaporto verde è pieno di timbri, il 90% dei quali provengono dal valico di Marienborn.

Ho guidato il Transit solo una volta con un'Audi 100 CD (C2) e dopo i primi chilometri mi sono pentito della scelta. L'Audi, una tarda C2 Avant a 3 cilindri, cambio automatico a XNUMX velocità, era un'auto rumorosa, ubriaca e scomoda. Una scatola terribile, ecco cosa mi è passato per la testa in quel momento. E dovrebbe essere un'Audi?

Odiavo l'Audi ed ero felice quando il viaggio era finito e potevo restituirla a Francoforte il giorno dopo. Il 100 Avant era davvero così male?

L'Audi 100 C3 è il nemico del C2

La corsa ha avuto luogo nel 1984 o nel 1985. In realtà, stavo già guidando il successore (C3), l'Audi 100, che ha attirato molta attenzione con il suo design aerodinamico. Era davvero una buona macchina, un'auto di ingegneria, come veniva chiamata internamente. Era veloce, era avaro di combustibili fossili, era ottimamente realizzato e aveva uno spazio infinito. Ho usato tre copie della C3 in successione prima di passare alla C4 e la mia carriera in Audi è finita bruscamente.

Per questo tour memorabile, però, ho dovuto utilizzare un'Audi 100 (C2) Avant della flotta aziendale perché la mia auto era in officina.

Uno shock culturale.

Invece di una linea aerodinamica moderna ed elegante, c'era il lusso, invece dell'efficienza, un alcolico cinque cilindri con cambio a tre velocità, e invece della calma all'interno, la scatola tintinnava in ogni angolo e il materiale e la lavorazione erano schifoso.

Naturalmente, la mia impressione è stata ancora una volta grazie a quel certo signor Piëch, che ha spinto Audi in avanti con tutta la sua energia. C'erano galassie tra C2 e C3 Audi 100. Il C3 è stato un salto di qualità che ha fatto sembrare il suo predecessore piuttosto brutto dall'oggi al domani.

La nuova grande Audi, ma il suo successore è ancora migliore
La nuova grande Audi, ma il suo successore è ancora migliore

L'Audi 100 (C2) era una buona macchina quando fu presentata per la prima volta. Anche qui Audi aveva fatto un balzo in avanti, il marchio si è posizionato per poter attaccare i mercati di esportazione. I motori a benzina a cinque cilindri utilizzati per la prima volta entrarono a far parte del DNA di Ingolstadt. Il diesel, anch'esso con il numero dispari di cilindri, iniziò la sua grande carriera nella C2, e l'orribile equipaggiamento CD era destinato a sostenere la pretesa della classe superiore dell'epoca.

A casa su lunghe distanze

Nella pubblicità a doppia pagina dell'estate del 1976, Audi menziona i test nel nord della Svezia e nell'Africa centrale. Ciò che oggi sembra normale e non vale la pena menzionarlo, allora era nuovo. I test drive in diverse zone climatiche non erano stati precedentemente effettuati dal marchio dei 4 anelli. Era ancora il perfezionista Ferdinand Piëch (Link) che questo test è diventato standard.

In qualche modo sono sopravvissuto alla giornata piuttosto lunga con l'Audi 100 (C2), ho fornito assistenza in caso di guasto per un'Alfa Romeo sull'autostrada vuota alle 4 del mattino e alla fine sono tornato a Francoforte. Percorso di transito, Berlino Ovest, socialismo realmente esistito e un'Audi che non mi piaceva, ma che ha preso parte alla maratona in modo affidabile.

Puoi indovinare, allora ero piuttosto giovane. E forse non potresti davvero trovare niente di meglio di un'Audi 100 su lunghe distanze.

- Segue il sequel -

8 pensieri su "Per le lunghe distanze non ne troverai una migliore: l'Audi 100"

  • Ho guidato l'ultima volta due Audi 2020 C21 nel 100/4. In Kazakistan. Sono stati usati lì come taxi Jandex. Già abbastanza esausto, molte, molte centinaia di migliaia di chilometri sul contachilometri, ma quello che doveva funzionare funzionava ancora. Ho trovato il C3... anche più orientato verso un pubblico più anziano. Il design era di un'altra epoca, una Avant si adattava meglio. Ma le qualità erano eccellenti. Ho visto il C2 solo poche volte da bambino, era molto raro per noi. Non lo trovo invitante, ma questo è più dovuto alla forma. Sicuramente lussuoso rispetto a una Passat, ma Opel poteva farlo meglio all'epoca. Credo.

  • Dove sei andato

    Lo so! Tutto consumato dai giovani negli anni '1980. Un amico ne aveva uno con un motore superiore e non voleva altro che divertirsi con la scatola.
    Prima è stato arrotolato in nero opaco e ha il suo personaggio dei cartoni animati sul cofano. Successivamente un grosso graffito su un lato, che arrivava anche oltre le finestre al tetto tra i pilastri B e C. È stato perforato uno sbocco (l'intestazione) che ha emesso un suono piuttosto interessante ...

    Non aveva nulla a che fare con l'apprezzamento e la conservazione. Riguardava più l'autorealizzazione post-puberale e una danza sul vulcano che il vitello d'oro...

    Peccato per la sostanza e le risorse. Questa Audi può essere un po' formale (soprattutto se paragonata a una CX che è la quintessenza del conservatore), ma in qualche modo è anche il perfetto cliché di un'auto dell'epoca. Molti segnali stradali sembrano ancora come se questa Audi fosse stata usata come modello. O è il contrario e Audi ha preso i segnali stradali come modello per il design?

    Non lo sai esattamente. Ma più cliché e archetipo su 4 ruote è quasi impossibile. Ma il 5 cilindri era innovativo. Volvo (molto più tardi con l'850/V70) si è affidata alla serie 5 in linea e ha ricevuto molti elogi e riconoscimenti per questa generazione di motori, oltre a numerosi successi.
    Allora, se non ricordo male, 4 Volvo 850 finirono 1°, 2°, 3° e 5° nel British Touring Car Championship alla fine della stagione. Non è più un successo. Questo è il dominio!
    Le radici di questi 5 cilindri (anche se sono sviluppi interni) alla fine risiedono in qualche modo in Audi, se non sbaglio?

    È un peccato che siano stati tutti consumati dai "punker".

  • Mio padre ha sempre guidato Audi 70 dagli anni '100, compreso il 5 cilindri rosso mostrato qui (con 115 CV, che all'epoca mi sembravano enormi rispetto alla R4 di mia madre) e fino alla C3 o addirittura C4, io non Non so più preciso. A quel tempo, pensavo solo che fosse da nonno e totalmente poco cool, ma probabilmente c'erano altri motivi (anche se ero molto affascinato dalla pubblicità di Quattro con il salto con gli sci, ma era qualcosa di completamente diverso). E sì, tremavano tutti. Ecco perché mio padre spesso si fermava spontaneamente, spalancava tutte le portiere e il bagagliaio, saltava intorno alla macchina imprecando e cercava di venire a capo della faccenda. In retrospettiva ora un ricordo divertente, ma ovviamente totalmente folle e senza successo.

    • Moin.
      Ho avuto le mie prime esperienze Audi con l'Audi 50. Ma verrebbe poi rietichettato come una polo.
      Saluto André

  • Penso che una Citroën CX non fosse in alcun modo inferiore all'Audi in termini di comfort a lunga distanza. CX 2400 Pallas, una portantina ma poteva essere spostata abbastanza rapidamente.

    • il cx era migliore dell'audi credo.

    • Penso che ci fosse un altro francese che offriva molto più comfort: Peugeot 604; fu un evento quando il signor Papa acquistò il primo (V6) - poi sormontato dal secondo (TD, che non fu una buona decisione) - il rivenditore lo mise persino davanti alla porta di casa un sabato pomeriggio, insieme a la banda di ottoni, che poi in una spontanea festa di strada finì 🙂

  • La 100 girava per il Nord America come Audi 5000 o qualcosa del genere. Con grossi paraurti se non ricordo male. Una storia soggetta a ruggine 🙂

I commenti sono chiusi