Quando gli eterni invecchiano - 30 anni di Citroën Xantia

Alcuni veicoli sembrano senza età. Non vedi gli anni su di loro. Certo, la Citroën Xantia, sì, è femmina, poiché le auto in Francia sono generalmente femminili e non maschili, è diventata rara per strada. Ma non crederesti ai 30 anni se prima non avessi guardato il calendario.

I calendari sono incorruttibili e il 3 marzo 1993 Citroën ha presentato al pubblico la Xantia a Ginevra. È così diverso dal suo predecessore, il boxy BX. Proveniente dallo studio di design Bertone, si dice che Citroën abbia fornito il design di base, piacevole, ma più arbitrario che polarizzante.

Citroën l'ha vista come un'edizione ridotta della grande XM, almeno così scrive il produttore per il 30° anniversario. L'XM, tuttavia, aveva più spigolo e carattere rispetto allo Xantia.

Xantia nel cortile di una villa spagnola, 1993 - foto per la stampa per la prima
Xantia nel cortile di una villa spagnola, 1993 – foto stampa per la prima

30 anni di Citroën Xantia

Per me, il contributo Citroën di fascia media è sempre stato un po' noioso. C'era qualcosa che mancava nel design a cui l'occhio potesse aggrapparsi. Le linee erano troppo gradevoli e arbitrarie. Ciò è continuato negli interni, dove i motivi selvaggi e spiritosi della tappezzeria hanno fatto il resto, a meno che non fosse stata ordinata la pelle. Tuttavia, questa è la mia opinione, molte persone l'hanno vista diversamente, e nel 1993 lo Xantia è stato votato come la più bella nuova uscita dell'anno in Francia.

Il design non ha sminuito il successo della Xantia. Al contrario, forse il pubblico l'ha apprezzata perché era così ben educata e non invadente. Sotto l'abito di design ben educato, è stata in grado di segnare punti con la sua tecnologia. I motori diesel HDI erano di classe mondiale, silenziosi, discreti e soprattutto avari nei consumi. Un dominio della Xantia, e in termini di cultura della corsa diesel, è stato in grado di mostrare parecchio ai suoi concorrenti dalla Germania.

Xantia Sport - Design di Nicolas Arvanitakis
Xantia Sport - disegnato da Nicolas Arvanitakis

La Xantia ha anche stabilito degli standard con la sospensione Hydraktiv II, l'evoluzione dell'idropneumatica. Era persino in anticipo sui tempi come Xantia Attivo, il sistema AFS (stabilizzazione attiva del telaio) è stato un risultato pionieristico. Doveva anche essere affidabile, un conoscente ha guidato la sua Xantia per più di mezzo milione di chilometri e ha riparato lui stesso tutti i difetti.

1,3 milioni di unità: un successo

Tra il 1993 e il 2002, Citroën ha prodotto più di 1,3 milioni di unità, il che dimostra che il marchio ha fatto qualcosa di giusto. Dopo la fine della produzione a Rennes, la carriera della Xantia non era finita. È continuato a livello internazionale, è stato prodotto in Iran fino al 2010 e anche lo Xantia è uscito dalla catena di montaggio in Cina. Un totale di 1.326.259 copie sono state raccolte insieme.

Citroën Xantia HDI Diesel - foto stampa 1999
Citroën Xantia HDI Diesel – foto stampa 1999

Il marchio ha festeggiato i 30 anni che della Xantia non si vedono, ma che la inseriscono nell'illustre cerchia dei classici automobilistici, il 4 marzo nel Conservatorio Citroën a Parigi. 56 Xantia erano sul posto, non sono molti se si ricorda il numero di pezzi di cui sopra.

Forse è davvero vero che Xantia è difficile da battere GS e BX, per non parlare di CX, DS e XM. Manca ancora qualcosa per prenderlo sul serio come un classico automobilistico, ma il tempo lo dirà. Tanto meglio che si è formato un gruppo di appassionati che stanno già ricevendo veicoli per il futuro.

Con immagini di Citroën Communication

5 pensieri su "Quando gli eterni invecchiano - 30 anni di Citroën Xantia"

  • Chi ha girato l'orologio….
    La Xantia è sempre stata la Citroën di basso profilo, non così distintiva come il suo predecessore BX, certamente non così all'avanguardia come la più grande XM (sì, lo so...LA). Ben educato. Indefinito. L'ho adorato, soprattutto come station wagon! E mi è sempre parso che fosse più frugale dell'XM, che aveva problemi di elettronica, soprattutto nei primi anni; che potrebbe essere disattivato in seguito.

    Tuttavia: l'interno della Xantia era davvero noioso in grigio o ti sei ritrovato con motivi di tessuto selvaggi che erano troppo giocosi, inappropriati. Sarebbero appartenuti a una piccola macchina "divertente". Gli interni in pelle erano allora obbligatori.
    Non era disponibile solo con un telaio idraulico, ma erano ancora disponibili anche i normali sistemi idropneumatici. Penso che avrei preferito questo.

    Per me la Xantia sarebbe stata un'auto molto interessante quando avessi avuto i soldi, ma non esisteva più. E allora, un acquisto usato era fuori questione. E ora ha 30 anni.

    • … È vero, è davvero così tardi?
      Va bene con una voiture francese. Sono stupito di quante auto stiano diventando auto d'epoca che mi sembrano così moderne, sia tecnicamente che visivamente. Lentamente si vedono più targhe H sui paraurti in plastica (spesso già in tinta con la carrozzeria) che su quelli cromati. Ancora qualche anno e alcuni raduni di auto d'epoca difficilmente si distinguono da qualsiasi parcheggio 😉

      • Sì, una buona tendenza, se così fosse: raduni di auto d'epoca E parcheggi dove puoi vedere l'effettiva sostenibilità nella pratica!

        • Non l'ho ancora visto così (positivamente), ma non posso fare a meno di sorridere. Questo è davvero un pensiero caloroso e valido!

          Possa essere così! Per quanto ne so, l'età media dei veicoli immatricolati cresce di un decimo ogni anno da anni. Forse non siamo una società usa e getta come generalmente si crede? Quanto effettivamente promosso e richiesto politicamente dalla rottamazione di bonus e co? Forse siamo consumatori consapevoli e responsabilizzati? Forse rifiutiamo alcuni premi e alcuni consumi?
          Sarebbe davvero qualcosa....

          • Forse le auto costruite intorno agli anni 2000 appartengono a una sorta di generazione d'oro. Non troppa elettronica e plastica installate, durevoli con cura. Le auto attuali non sono progettate per durare così a lungo.

I commenti sono chiusi