Retromobile Parigi 2023 – DS 21 Pallas Injection Electronique

Quando Citroën presentò al mondo la DS nel 1955, un'auto di un'altra galassia rotolò per le strade di Parigi. La DS è innovativa, stravagante e affascina le masse. Ma ha un piccolo difetto. Perché sotto il cofano dalla forma interessante funziona un motore invecchiato. In realtà è stato sviluppato da Maurice Sainturat per i modelli Traction Avant (TA).

Quindi è merce prebellica, anche se la macchina è pesantemente rivista per l'uso nel DS. Tuttavia si tratta solo di una soluzione d'emergenza, perché i padri della DS avevano in mente un sei cilindri piatto. Deve aspettare, perché la riprogettazione rivoluzionaria della DS costa enormi risorse e l'azienda sta finendo il tempo.

DS 21 Pallas iniezione elettronica (1969)
DS 21 Pallas iniezione elettronica (1969)

Ma tutti possono convivere con il vecchio motore dell'auto futuristica. Citroën aumenta la potenza a 75 cv, il che va bene per velocità superiori ai 140 km/h, e le strade di campagna dell'epoca non offrono di più. La DS si distingue per la tenuta di strada, i freni, lo sterzo, il concetto idropneumatico funziona.

Nel corso degli anni, le prestazioni del motore si avvicinano a tre cifre, la DS sta diventando più forte e più veloce. Tuttavia, manca ancora la macchina rivoluzionaria sotto il cofano in alluminio. A qualcuno manca lei? Probabilmente sì, perché Citroën sta lavorando molto su un motore ad iniezione elettronica.

La DS 21 è stata la prima vettura francese con iniezione elettronica del carburante
La DS 21 è stata la prima vettura francese con iniezione elettronica del carburante

Elettronica d'iniezione DS 21 Pallas

Nell'autunno del 1969 era finalmente giunto il momento. Il DS ha già superato il suo apice, ora sta ricevendo una nuova cura cellulare. Colpisce la stampa specializzata e i clienti come una bomba. Con la DS 21 Pallas Injection Électronique, la prima auto francese con iniezione elettronica entra negli showroom. Secondi al mondo in questa classe, gli eterni rivali di Untertürkheim, quelli con la stella sul cofano, sono stati un anno più veloci con la 250 CE.

A Citroën di certo non piace, ma mostra quanto fosse alto il marchio una volta. E cosa ne è stato di lei da allora.

DS 21 in fila in un parcheggio, foto storica
DS 21 in fila in un parcheggio, foto storica

La stampa specializzata applaude, i clienti sono entusiasti, la DS vive un'altra giovinezza. Al Quai de Javel, il quartier generale, le persone sono riservate. Una piccola "ie" al posteriore per Injection Électronique è sufficiente per indicare l'innovazione. 139 CV (SAE) accelerano la DS 21 fino a 187 km/h. La DS ha finalmente il motore che si merita.

DS Automobiles porta con sé una DS 21 Pallas Injection Électronique (1969). Rétromobile 2023 a Versailles. Insieme a uno interessante Prototipo SM Entrambi i modelli rappresentano pietre miliari nella storia automobilistica.

Dall'1 al 5 febbraio, i classici possono essere visti durante il Rétromobile.

Con immagini di DS Automobiles

Un pensiero su "Retromobile Parigi 2023 – DS 21 Pallas Injection Electronique"

  • Sospetto un accordo tra Mercedes e Bosch?
    In Volvo, il D-Jettronic è arrivato anche più tardi. Non è scienza missilistica installarli al posto dei carburatori. Le modifiche ai motori e all'impianto di scarico furono marginali.

    Volvo probabilmente avrebbe reso la /8 ancora più competitiva di una DS. Il 140 e il 164 sono molto più simili al /8 in termini di tecnologia e design, ma erano significativamente più economici di esso.

    E sono state le prime Volvo ad essere disponibili a buon mercato in Germania. Per quanto ne so, la Germania in precedenza proteggeva se stessa e il suo miracolo economico dalle auto svedesi con tariffe elevate. Ecco perché non abbiamo quasi mai una Saab o una Volvo degli anni '1950 o '1960 che abbia effettivamente una EZ tedesca. Quasi tutti furono successivamente importati dalla Svezia.

    Ci furono altri accordi doganali con le potenze vincitrici occidentali. Logico. Ecco perché in questo periodo sono venute da noi più Jaguar, anatre, R4 e americani rispetto a Humpback Volvo o Saab 93.

    La Svezia aveva un accordo doganale completamente diverso con gli Stati Uniti e si consideravano un mercato di esportazione poco dopo la seconda guerra mondiale. Questo spiega anche perché è ancora possibile trovare un numero sorprendente di grasse auto statunitensi degli anni '8, '1950 e '60 nella terra dei grassi V70 e in Svezia, la terra di Saab e Volvo.

I commenti sono chiusi