Citroën CX Concorde Turbo - un aereo per la strada

Ci sono marchi che hanno costruito o stanno costruendo con successo aeroplani e automobili. Saab l'ha fatto, Subaru lo fa ancora. A Citroën, il tradizionale marchio francese, potresti non esserne così sicuro. Lo hanno fatto o no? E 'noto Citroen RE2, almeno nei circoli dei fan. Un elicottero, di cui c'era un motore rotativo. Potrebbe esserne venuto fuori qualcosa. Ma poi la realtà economica ha gettato dal cielo i sogni traballanti.

Concretamente per la strada, Citroën ha realizzato un progetto completamente diverso. Il Citroën CX Concorde Turbo è stato un omaggio all'aereo e al veicolo supersonici per i piloti del Concorde, i dipendenti di Air France e gli appassionati del marchio.

La nostra storia inizia nel 1986. A quel tempo il mondo era ancora entusiasta della tecnologia, quindi il volo supersonico attraverso l'Atlantico non era caratterizzato da preoccupazioni o vergogna per il volo. La parola non esisteva ancora. Ciò che sembrava tecnicamente fattibile è stato realizzato. Senza tener conto dei costi e dei conseguenti calcoli di redditività.

Nel 1986 il Concorde festeggia 10 anni di attività di volo. Air France deciso di onorare l'evento. Con un jet per la strada. Cosa potrebbe esserci di più ovvio che scegliere il futuristico CX Turbo?

Citroën CX Concorde Turbo (1986)
Citroën CX Concorde Turbo (1986)

Citroën CX Concorde Turbo

Quasi nessun altro veicolo di quegli anni simboleggiava l'idea del volo veloce come il CX, nessun altro veicolo prodotto a livello nazionale era neanche lontanamente comodo e stravagante come lui. Peugeot? Avevano solo il conservatore 604 da offrire. Renault? L'R25 era buono, ma anche poco interessante. Talbot con il Tagora? Inferiore in ogni modo.

Quindi Air France ha optato per il CX. Naturalmente, solo il potente motore turbo a quattro cilindri da 168 CV, che offriva prestazioni di guida eccezionali, è stato messo in discussione. L'idropneumatica, ineguagliata allora come oggi, era di serie a bordo. Il design - ovviamente - doveva essere adattato al Concorde. Il corpo doveva essere dipinto di bianco perlato, in armonia con la fusoliera dell'aereo supersonico.

Il tipico e futuristico CX Cockpit. Corrisponde alla serie.
Il tipico e futuristico CX Cockpit. Corrisponde alla serie.

Come per il Concorde, sono stati utilizzati tessuti rossi per i sedili e le parti laterali degli interni e anche le cinture di sicurezza erano rosse, proprio come il prototipo. I tappeti spessi e l'equipaggiamento completo con aria condizionata erano standard, sul retro un discreto adesivo con i colori della compagnia aerea mostrava che qui non poteva esserci un normale CX sulla strada.

Il CX si è trasformato in un sogno supersonico rosso per la strada, dovevi amarlo.

I tessuti rossi sono specifici del Concorde. Anche i sedili del Concorde erano rossi.
I tessuti rossi sono specifici del Concorde. Anche i sedili del Concorde erano rossi.

Problemi di verniciatura

Ciò che è stato concepito in modo allettante non è andato liscio come previsto. Il bianco madreperla era la vernice di moda all'epoca, solo auto sportive supersportive e veicoli di lusso. In deroga alla regola, anche due motorini Kreidler, che è un'altra storia, ma dovrebbe sottolineare la mia competenza in materia di bianco madreperla. Per inciso, Saab ha offerto la verniciatura con un forte sovrapprezzo di quasi 2.000 DM per 9000 CC Turbo, ma ora sto divagando per sempre.

Per favore, torna in Francia.

In ogni caso Citroën ha avuto un problema con la verniciatura, il sistema probabilmente non esisteva in fabbrica, perché la verniciatura è composta da un numero particolarmente elevato di strati che non tollerano alcun difetto. La sfida, infatti, è rimasta troppo complessa, lo sviluppo del Concorde CX è stato ritardato e Air France ha perso interesse per il progetto.

Divano in rosso - comodo come nel Concorde. Ma non così in fretta.
Divano rosso – comodo come nel Concorde. Ma non così in fretta.

La compagnia aerea ha annullato, a seconda della fonte, avrebbero dovuto essere completate solo 6 o 7 copie. Tre CX sono state consegnate ai concessionari Citroën in Francia, le altre sono state guidate dai dipendenti del produttore, alcune delle quali sarebbero state distrutte internamente.

Era previsto un numero molto più grande. Originariamente c'erano 200 Citroën CX Concorde Turbo, presumibilmente altri 800 esemplari basati sul più economico CX 22 TRS sarebbero stati aggiunti dopo la loro produzione. La situazione della fonte è alquanto poco chiara, il numero di pezzi non è garantito.

Forse sarebbero dovute esistere solo 7 copie del Concorde CX.
Forse sarebbero dovute esistere solo 7 copie del Concorde CX.

Una Citroën CX Concorde Turbo da 170.000 euro

Se si parte dal presupposto che, nella migliore delle ipotesi, sarebbe sopravvissuto un pugno di esemplari, allora è chiaro quanto sia raro oggi il Concorde per la strada.

C'è da meravigliarsi se un esemplare completamente restaurato viene messo in vendita a 170.000 euro? Un francese Società, che mantiene vivo lo spirito del vecchio marchio con restauri di pregio. Non è necessario discutere il prezzo o il possibile valore di mercato.

Non esiste un mercato in quanto tale, la Citroën è troppo rara per questo. Hai i soldi pronti, vuoi comprare il jet e lo fai e basta. Oppure dimentica di nuovo il sogno della felice era supersonica che afferma il futuro.

Con immagini della Collezione Citro

5 pensieri su "Citroën CX Concorde Turbo - un aereo per la strada"

  • vuoto

    Che volatore alto! Sfortunatamente, Citroën è ora allestita in modo molto convenzionale, le icone del passato non hanno più alcuna influenza sul design e sulla tecnologia di oggi. Mi piacerebbe davvero un po' più vecchio spirito!

    Rispondere
  • vuoto

    Ottimo articolo, grazie :-)!
    E che brillante colpo di pubbliche relazioni... se avesse "davvero" funzionato.
    Resta quindi solo la speranza che ci sia almeno 1 persona che vorrebbe regalarsi questo sogno in bianco madreperla...
    L'auto è sportiva, soprattutto il prezzo.

    Rispondere
  • vuoto

    Che dispositivo. I tessuti da soli: semplicemente geniali. In qualche modo Tom ha ragione, i tempi devono essere stati più ottimisti.

    Rispondere
  • vuoto

    Deliziosamente scritto. E l'auto è deliziosa. E logicamente, per un modello speciale Concorde è stata messa in discussione solo una Citroën ...

    La parte anteriore del muso appuntito del Concorde è molto simile, la pretesa di avanguardia esiste e, soprattutto, solo questi due si librano, volano o guidano verso l'obiettivo su un "cuscino d'aria". Ovviamente doveva essere un idropneumatico! Cos'altro?
    Buche e buche d'aria non possono sembrare più simili che contrastarle con idropneumatico a terra e supersonico nell'aria.

    Oh, che peccato che l'argomento non sia stato sollevato di più e che siano state realizzate solo poche copie. Che Citroen! ! !
    Il perfetto ambasciatore del marchio...

    Rispondere
  • vuoto

    Un sogno!
    Per inciso molto simile alla mia prima 9000CC del 1987 in termini di colori interni ed esterni. Anche se allora la vita era più colorata, attiravano l'attenzione 😉

    Rispondere

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato