La paura dell'effetto Havana infuria nell'industria automobilistica

Qualche settimana fa ho visitato un concessionario di automobili. C'era una nuova macchina elettrica nel cortile che veniva appena caricata. Un SUV, e il marchio non ha importanza, perché né il design né la tecnologia definiscono gli standard. Se ti piace, puoi immaginare qualsiasi marchio affermato e un SUV lungo 4,70 metri, è tutto ciò che serve.

La curiosità mi ha poi spinto ad aprire la portiera del guidatore ea sedermi nell'auto elettrica. Ancora una volta, non ho trovato alcuna sorpresa. Due display di dimensioni diverse, pochi pulsanti per il funzionamento, che è più l'eccezione. Poi una montagna di plastica economica che non corrispondeva esattamente al prezzo richiesto dal produttore. Nella mia mente ho visto l'auto elettrica nella classe da 40.000 euro. Il cartellino del prezzo ha corretto immediatamente il mio errore. Il cliente dovrebbe pagare più di € 60.000.

Beh, ho pensato tra me e me. Un prodotto vale sempre quello che sei disposto a pagare per averlo. Ho trovato il prezzo assurdo, ero fuori. Probabilmente non sono solo con i miei pensieri. Perché la paura dell'effetto Avana è dilagante nell'industria automobilistica.

Effetto Havana - La paura si sta diffondendo
Effetto Avana - La paura si sta diffondendo

L'effetto Havana sta circolando

Il termine effetto Havana è relativamente nuovo, esiste Sindrome dell'Avana, che non ha nulla a che fare con le auto. Ma il termine si sta affermando. Dietro si nasconde il timore dei costruttori che una certa, non trascurabile percentuale di clienti possa rifiutare l'auto elettrica.

Il timore non è infondato! I prezzi stanno scappando e l'argomento che il SUV da 60.000 euro ha una batteria relativamente grande e che tutta l'elettronica è semplicemente scarsa e costosa non ha potuto attecchire con il cliente. Potrebbe iniziare a calcolare e rivelarsi testardo. Poteva continuare a guidare il suo vecchio motore a combustione pagato da tempo. Tra un paio d'anni, quando rimugina sulle bollette e si rende conto di quanto gli ha risparmiato, potrebbe perdersi per sempre con nuove auto.

Proprio come all'Avana le vecchie auto da corsa statunitensi e le conquiste dell'ingegneria automobilistica sovietica stanno facendo il loro lavoro con fermezza, così presto potrebbe essere il caso anche in Europa. Il numero di veicoli in Germania è invecchiato da anni. Più di recente, erano in media 9,8 anni e il 5% dei veicoli ha addirittura tra i 20 e i 24 anni (fonte: KBA).

Non aver paura dell'Avana. Puoi divertirti anche nella Saab più antica: una foto di prova.
Non aver paura dell'Avana. Puoi divertirti anche nella Saab più antica: una foto di prova.

La politica aggrava l'effetto

Dal lato dell'offerta, la tendenza si sta intensificando, perché le auto compatte e le utilitarie poco costose stanno scomparendo dalle offerte dei produttori. Normative sulle emissioni sempre più rigide, sistemi di assistenza sempre più obbligatori, la dipendenza dai fornitori asiatici e la loro scarsa allocazione li inducono a ritirarsi nei segmenti più redditizi a prezzi elevati.

In risposta, i clienti stanno fuggendo verso le auto usate, il cui prezzo aumenta di mese in mese. Ma forse questo è solo l'inizio. Può essere particolarmente emozionante vedere cosa accadrà quando le auto elettriche vendute in numero nel 2022 torneranno sul mercato. L'acquirente di auto usate classiche vi accederà quindi? Oppure rifiuta? E cosa accadrà quando le auto elettriche di oggi avranno 10 anni e non ci saranno sostituzioni per i componenti difettosi? Chi riparerà le centraline di produttori cinesi che difficilmente disporranno di documentazione pubblicamente disponibile?

L'effetto Havana è dannoso per i produttori. Se il cliente rifiuta, vengono prodotte meno auto nuove e l'intero ciclo si ferma. Da un'altra prospettiva, invece, ha un certo fascino. Una volta iniziata l'aritmetica, ti imbatti inevitabilmente nella somma che distruggerai in pochi mesi con una macchina nuova.

In futuro, questo sarà particolarmente elevato per un'auto elettrica. Perché mentre un vecchio motore a combustione si può usare per decenni, ogni e-car ha la sua data di scadenza dal momento in cui nasce. Quando arriva nel cortile del rivenditore, è già vecchio, i processori hanno avuto successori più potenti per molto tempo, i display sono disponibili con una risoluzione migliore e il software è due revisioni ulteriori.

Fortunatamente, Saab ha costruito auto a lungo termine. Il 9000 è solo un esempio.
Fortunatamente, Saab ha costruito auto a lungo termine. Il 9000 è solo un esempio.

Il fattore comfort perduto

Inoltre, l'industria ha perso il fattore comfort. Per decenni i grandi si sono scambiati le palle. Le innovazioni sono arrivate con cautela, l'hardware è stato risparmiato, dovrebbe invecchiare comodamente. I cinesi, i cui produttori presenteranno il 50% di tutte le nuove auto elettriche annunciate nel mondo quest'anno, non conoscono il fattore comfort.

Le innovazioni, per lo più gadget che possono o non possono essere utili, escono costantemente dalla Cina. I trendsetter sono in Asia, una certa clientela più giovane con un'affinità per la tecnologia lo apprezzerà e adeguerà di conseguenza le proprie aspettative future. Tempi brutti per i big, che pensano basti stare tranquilli e cambiare solo tipo di guida.

Forse l'Effetto Havana ci educherà ad essere più sostenibili e consumare meno. Può darsi che qui si stia creando qualcosa che porterà buone notizie per le aziende di medie dimensioni. Per i piccoli produttori che si prendono cura dei pezzi di ricambio per un parco auto invecchiato e possono riprodurli, per officine e società di servizi, verniciatori e carrozzieri.

Le imprese locali e marchi automobilistici sbiaditi come Saab potrebbero essere i vincitori se l'Avana si trasferisse: Cuba ha sempre avuto il suo fascino speciale.

Ora potresti vedere la tua vecchia Saab con un fascino caraibico disinvolto! Comunque, buona domenica e buon inizio di settimana! Ci leggiamo!

34 pensieri su "La paura dell'effetto Havana infuria nell'industria automobilistica"

  • vuoto

    Lo stato tedesco promuove fortemente l'acquisto di auto nuove. Solitamente vengono ammortizzati in 2-3 anni. È diverso in Svizzera, dove devi pagare l'imposta sul patrimonio per l'auto per i primi due anni dopo averla acquistata. Ad esempio, se acquisti un'auto per 50.000 €, devi pagare diversi 1000 € di tasse come privato nei primi due anni. Questo è il motivo per cui le auto vengono guidate per molto tempo in Svizzera. Anche in Germania si potrebbe passare e dare alle auto aziendali nessuna speciale possibilità di ammortamento nei primi anni, ma anche consentire che le auto aziendali vengano ammortizzate in dieci anni, ad esempio, e quindi utilizzate per dieci anni. Dal punto di vista della logica espressiva, usare un'auto più a lungo ha molto senso, soprattutto se l'auto non consuma molto carburante.

    Rispondere
    • vuoto

      Sarei sorpreso da chi hai sentito queste sciocchezze? Sono svizzero e non ho mai pagato diverse migliaia di euro di tasse per un'auto nuova?? Per la classe di cilindrata sono dovute solo le normali tasse di circolazione che, a seconda del cantone, vanno dai 170 ai 500 franchi svizzeri all'anno.

      Rispondere
      • vuoto

        Oltre a dazio e IVA. All'importazione si applica una tassa automobilistica del 4%. Inoltre, il fair value è tassato annualmente come attività. Ecco com'è!

        Rispondere
    • vuoto

      È stato simile in DK per molti anni. Non conosco l'attuale politica fiscale dei danesi quando si tratta di auto, ma una volta c'era una tassa sul lusso sulle auto nuove ed era immensa...

      Ecco perché a quel tempo (anni '1980) vedevi non solo importazioni economiche (in realtà Skoda ceco-slovacca e persino Wartburg della Germania orientale), ma anche un sacco di auto d'epoca ben tenute nell'uso quotidiano. Gli anni '1950 nella scena di strada erano del tutto naturali lì.
      Anche e soprattutto auto piccole, come la britannica Morris Minor, che era molto popolare e onnipresente come station wagon in DK. Era ben al di sotto degli 800 kg di macchina, alcuni dei quali erano di legno (!)...

      Lo zaino CO2 di tali auto attraverso la loro produzione era marginale. Alcuni veicoli elettrici probabilmente devono funzionare per sempre (funzionando esclusivamente con elettricità verde e non necessitano mai di nuove batterie) per affrontare una Morris Minor. E alcuni hanno persino un bagagliaio più piccolo della station wagon, che ha anche mostrato il suo legno in modo molto affascinante e aperto all'esterno ...

      Ma temo che non ci sia modo di tornare ad auto così semplici che potresti facilmente realizzare oggi con motori più recenti e lo stesso piccolo zaino di CO2, con metà o un terzo del consumo di carburante e migliori emissioni di scarico. Sarebbero quindi solo 2 litri bruciati puliti ogni 100 km. Quindi nessun veicolo elettrico attualmente disponibile sul mercato si avvicinerebbe.

      Rispondere
    • vuoto

      Che sciocchezza, nessuno paga (in Svizzera) nessuna "tassa extra" su un'auto nuova!

      Rispondere
  • vuoto

    Ciao, penso che la descrizione della consapevolezza che i veicoli elettrici, in particolare i SUV, sono costosi e (ancora) offrono molta plastica per i soldi sia abbastanza azzeccata. È anche vero che non c'è (ancora) l'offerta giusta per tutti. Ma il fatto che l'intera industria automobilistica abbia paura che non vengano più acquistate nuove auto, soprattutto elettriche, non ha senso.
    Lo sviluppo continua, il portafoglio crescerà, in un futuro non troppo lontano sarà del tutto normale considerare una e-car nei propri piani di acquisto.
    Così come sarà normale che le vecchie auto continuino a essere guidate e i motori a combustione vengano acquistati e guidati fino all'ultimo giorno.
    E anche se qualcosa come l'effetto Havana si fa sentire in parte, allora ci saranno anche dei beneficiari. E ne faranno parte anche l'industria automobilistica e dei fornitori.

    Rispondere
  • vuoto

    Guido spesso una vecchia Fiat 124 tc del 1974, è divertente, comprerò una delle ultime Croma

    Rispondere
    • vuoto

      Rimango fedele ai miei bruciatori. Finora ho ceduto auto solo quando non era più possibile. Quindi tutte le mie auto erano in servizio da almeno 16 anni. E continuerà così. Soprattutto ora che c'è carenza di elettricità, continuerò con il motore a combustione, perché guido quando, dove e come voglio. Le auto elettriche dipendono troppo dalla struttura di ricarica e dall'uso arbitrario dell'energia da parte del governo.

      Rispondere
    • vuoto

      L'idrogeno viene già prodotto per testare i motori a combustione, quindi il vecchio e fidato motore a combustione è climaticamente neutro. Il DB funziona già con unità multiple diesel con idrogeno che è stato adattato per i motori a combustione ed è anche significativamente più economico. Anche i primi camion sono in viaggio e in fase di collaudo. Ciò significa che migliaia di posti di lavoro verranno preservati contemporaneamente.

      Rispondere
      • vuoto

        Verrà il momento in cui potrai trasformare la tua grande nave diesel antiruggine e completamente equipaggiata in elettrica con il mezzo più semplice. Semplici batterie di base e un'unità Tesla. Tutto il resto rimane vecchio e affidabile. Questo è esattamente ciò che accadrà.

        Rispondere
  • vuoto

    Ottimo articolo che colpisce e rafforza il mio istinto sull'argomento. Tuttavia, sospetto che i politici non rimarranno a guardare l'effetto Havana, ma prenderanno provvedimenti per contrastare l'effetto, analogamente ai divieti di circolazione dei diesel o alle classi di emissione.

    Rispondere
    • vuoto

      I politici cercheranno certamente di farlo, ma la portata è limitata. C'è la certezza del diritto, una volta immatricolato un veicolo sarà difficile toglierlo dalla strada in massa. Se fosse stato facile, sarebbe stato fatto molto tempo fa.

      Rispondere
      • vuoto

        Caro Tom, non devi ritirare il veicolo dalla circolazione. Devi solo rendere il suo utilizzo più difficile/costoso o impossibile, ad es. B. Zone di divieto di circolazione da una classe di inquinanti da determinare in città e periferia, "tassa sugli inquinanti" sui combustibili fossili, introduzione dei conti CO2 per l'uso dei veicoli e molto altro.Ho comprato una luce di stop ausiliaria di 30 anni per il 901 su ebay di ieri, che ha un account Google caricato con 2 kg di CO162.

        Rispondere
        • vuoto

          Le tasse sulla CO2 esistono già e rendono ogni tipo di mobilità più costosa e vengono aumentate ogni anno.

          La tassa interviene in ogni ambito della vita, fornisce un terreno di gioco per le società di certificazione e gli effetti sono già visibili oggi.

          La nostra tipografia, un'attività gestita da un solo uomo, doveva dimostrare la propria neutralità in termini di CO1 per un cliente pubblico. Ovviamente non può farlo, anche la certificazione non è conveniente, quindi il lavoro è andato.

          Nella mia zona lo spazio abitativo non viene affittato perché i proprietari privati ​​non vogliono affrontare l'assunzione parziale della tassa sul CO2 sui costi di riscaldamento.

          Rispondere
      • vuoto

        Questa è la situazione in Germania. In Spagna gli espropri continuano senza pietà.
        Le controversie legali possono durare solo poco, almeno fino ad ora.

        Il Lizi

        Rispondere
  • vuoto

    C'è un'alta probabilità che l'Effetto Havana si manifesti su un ampio fronte. Nel fine settimana mi sono occupato delle imminenti norme sulle emissioni. Aumenteranno anche in modo massiccio il prezzo di qualsiasi mobilità, comprese quelle puramente elettriche. Il particolato e la durata della batteria diventeranno un nuovo problema per le auto elettriche, e quindi l'amministrazione vorrebbe introdurre il geofencing su tutta la linea, ma non è ancora chiaro se riuscirà ad affermarsi.

    Non sarà divertente!

    Rispondere
  • vuoto

    Non che io sia contro le auto elettriche, ma contro i concetti e i prezzi qui descritti.

    Io e mia moglie abbiamo fatto un calcolo approfondito della loro decappottabile, Bj. 2005 acquistata usata nel 2010, e abbiamo già investito denaro per la conservazione e il miglioramento del valore. Conservazione del valore/fanali posteriori dal restyling/tasse/assicurazione/ruote invernali/...tutto ciò che deve entrare. Ispirato dall'articolo non scritto di Tom sul Lynk&Co 01 rispetto all'abbonamento (550EUR/mese). Non abbiamo nemmeno guadagnato mezzo mese.
    Sono previste le prossime misure di conservazione e miglioramento del valore...., L'Avana è viva!

    Rispondere
  • vuoto

    Gli aumenti dei prezzi degli ultimi anni sono semplicemente assurdi e probabilmente possono essere argomentati solo con il massiccio orientamento al profitto dei produttori. Non so se sono solo io, ma ultimamente ho visto molte cose negli annunci di auto oltre al prezzo.
    Se hai vecchi opuscoli/giornali, puoi trovarli lì; il nuovo, il nuovo così e così; a partire da € 19 o in All Leasing da € 999. Al giorno d'oggi non si vede quasi niente del genere, se dovessi nominare subito il prezzo, probabilmente scoraggerebbe molte persone fin dall'inizio.
    Tanto per fare un esempio, in un vecchio numero di Autotouring un reportage sull'allora nuova classe C W204, con qualche accorgimento era ancora poco meno di 30€ al prezzo dell'offerta speciale, ora con la W000 si parte da 206€. Inflazione, aumento del prezzo delle materie prime, dotazioni più standard (se ne abbiate bisogno o meno è un'altra questione, probabilmente non tanto meglio neanche in caso di incidente)... e anche la berlina Classe A parte da poco meno di 51 euro.
    Non conosco nessuno i cui stipendi siano aumentati così tanto.
    In Austria, la Nova e il ricalcolo del bollo auto per le nuove immatricolazioni dal 2020, dove si calcola in base alle emissioni di Co2 e alle prestazioni, fanno sì che alcune auto nuove, purtroppo anche autobus spesso causate dalle famiglie, siano diventate enormemente più costose in termini dei costi operativi. Se hai pagato 2019 euro per una T6 4 Motion del 658,44, la tassa annuale per la prima immatricolazione nel 2023 è di 1.408,32 euro.
    Quindi ha senso guidare la tua vecchia macchina il più a lungo possibile.

    Rispondere
  • vuoto

    Grande :-)! Al punto.
    Condividi come copia nei social network... ;-). Poi “il sigaro” si spegne davvero…
    Uso la mia Skoda finché non funziona più nulla.
    Dal momento che guido meno auto di anno in anno (perché posso... ;-)) e deutl. Se sono in viaggio di più con le biciclette, l'auto durerà sicuramente per un po' di tempo...
    auto elettrica? No grazie.
    Buona settimana a tutti!

    Rispondere
  • vuoto

    Ottimo rapporto! Arriva al punto. Perché pensi che vengano vendute così tante Dacie!? La maggior parte degli altri veicoli può essere acquistata solo usata o in leasing... il che è anche costoso.
    Sarà entusiasmante quest'anno per l'auto elettrica a causa dei sussidi ridotti e dell'eliminazione del sussidio per il plug-in. In questo numero, Autobild ha effettuato un confronto tra elettrico, plug-in e full hybrid. In termini di costi per chilometro, l'auto elettrica non ha più senso! Solo l'ibrido completo...facile da usare...nessuna spina di ricarica e nessuna paura dell'autonomia! La politica/UE riesce a rovinare l'industria automobilistica!
    Rimango con la mia flotta Saab ... è anche uno del 5%.

    13
    Rispondere
    • vuoto

      Consiglio di ascoltare quanto recentemente affermato dal Sig. Wolfgang Reitzle in tema di auto elettriche all'apertura del Motorworld di Monaco...
      Dopo che sarò "avanzato in età",
      Sicuramente guiderò sempre un motore a combustione come autista quotidiano, preferibilmente dalla Svezia, e risparmierò un sacco di soldi rispetto a un veicolo elettrico.

      Rispondere
      • vuoto

        Per tutti gli interessati e per farsi un'opinione, il link al Dott. Wolfgang Reitzle in piedi Youtube..

        Rispondere
    • vuoto

      Questa è stata esattamente la mia conclusione quando ho guardato una Sandero nella concessionaria Renault/Dacia quattro o cinque anni fa; solo per capire perché il marchio sta vendendo così bene e i clienti sono contenti.

      Il Sandero ha tutto ciò di cui hai bisogno e anche un po' di più; è stato piacevolmente sorpreso. Puoi vivere con la lamiera nuda (ma verniciata), la mia prima macchina (Toyota Starlet del 1986) era così.

      Controllo della domanda e della produzione da parte dello Stato attraverso "incentivi". L'industria potrebbe fare qualcos'altro, ma non dovrebbe. Ho letto qualcosa a riguardo da qualche parte...

      Rispondere
      • vuoto

        Sfortunatamente, lo stato fa affidamento su maggiori effetti di guida in futuro, come si può sentire sempre più spesso dal livello dirigenziale. Questo non promette nulla di buono.

        Rispondere
  • vuoto

    L'effetto Havana (bella parola per questo) è, per così dire, una spinta interiore in Saab, ma esiste anche ed esiste da molto tempo. Non c'è da meravigliarsi: ci si può solo chiedere come i diversi filoni facciano sfuggire di mano l'intero settore:

    La politica che si affida troppo unilateralmente alle auto elettriche (contro idrogeno, celle a combustibile e motori a combustione avanza), ma stupidamente non fornisce le infrastrutture e non può, grazie a una politica energetica completamente fallita. Tuttavia, le auto elettriche, che non sono realmente competitive nel senso di standard più vecchi, sono sovvenzionate come se non ci fosse un domani, così che i nostri soldi delle tasse finiscono in auto elettriche di 6 mesi, che vengono poi vendute en massa in altri paesi dell'UE. O bloccati nei ridicoli veicoli ibridi, la maggior parte dei quali non sono mai veramente carichi - politica simbolica impotente senza alcun effetto, ma che tutti dobbiamo pagare. Almeno questo è quello che hai visto.
    La maggior parte dei media e dei giovani giornalisti incoraggiano costantemente il numero di registrazioni per le auto elettriche e vogliono creare uno stato d'animo, ma se ti guardi intorno vedrai che le auto elettriche non sono adatte alle masse e la maggior parte dei consumatori no comprali per una buona ragione. E se sì, solo chi se lo può permettere, oppure come auto aziendale e che ha accesso alle strutture di ricarica. MaW una piccola minoranza.
    I residenti dei centri urbani, che attualmente non hanno comunque un posto dove ricaricare la propria auto, ma che vengono privati ​​di sempre più parcheggi a causa della guerra alle auto. E i cui negozi nel centro città presto spariranno tutti perché alla gente non piace più andare in città. Ma questo è un altro problema.
    Trasporto pubblico, che viene privato di tutti i finanziamenti a causa della follia del biglietto da 19 euro - come dovrebbe migliorare invece che peggiorare, come si combina tutto insieme? Qui in campagna non c'è nemmeno stagnazione, solo degrado, e di conseguenza più auto. Dove viviamo, il numero di auto parcheggiate è quadruplicato negli ultimi 20 anni. Appena qualcuno ha 18 anni, ne arriva uno, come potrebbe essere altrimenti? La mobilità è anche libertà, e i Verdi sbagliano quando pensano che non sia più così. Indicano il car-sharing e le cargo bike, e che la generazione più giovane non compra quasi più auto o prende la patente di guida – io sostengo che questo ha sempre colpito solo una piccola minoranza urbana, e sta già cambiando come sta cambiando lo spazio di vita urbano può difficilmente si può permettere ai più giovani quando escono di casa, e se sei fuori dalla rete dei trasporti pubblici urbani o non hai una linea della S-Bahn nelle vicinanze (che è anche costosa), sì.... la patente di guida. Ci deve essere qualche motivo per cui qui vedo più auto della scuola guida piuttosto che meno, e nessuna scuola guida ha chiuso qui. Il clamore che molti media stanno suscitando sull'auto elettrica o sul futuro senza auto è un classico caso di opinioni pubblicate e bolle giornalistiche che ignorano la realtà.
    Le case automobilistiche che costruiscono display ridicolmente enormi che possono guidare, dove tutta l'usabilità è nascosta nel menu - dove puoi essere fortunato se qualcuno sta ancora guardando il traffico. Si pensa che i passeggeri siano ora i più importanti responsabili delle decisioni di acquisto. Ma anche come guidatore, mi arrabbio quando devo premere almeno due volte il display della Jaguar per accendere i sedili riscaldati. Alcune di queste prove e tribolazioni sono state annullate, grazie a Dio.
    Le auto "normali", tutte non più prodotte perché si guadagna solo con le "premium". Vedi Mercedes, che ha più o meno cancellato le classi A, B e C. Ritorno alle origini, quando esistevano praticamente solo le classi E ed S. Ciò colpirà duramente i garage e, naturalmente, è quello che accadrà, le auto attuali saranno guidate finché dureranno ragionevolmente. E anche per motivi di prezzo, perché non esiste un ciclo di batteria sostituibile che sarebbe utile per i tempi di ricarica e il mercato delle auto elettriche usate. Perché le auto usate diventano sempre più costose e le auto nuove sono diventate così costose che la perdita di valore precedentemente tollerata non può più essere accettata. L'effetto c'è da molto tempo: nella nostra cerchia di conoscenze, per rimanere con questo marchio, ci sono varie classi A e B, alcune delle quali hanno 10 o più anni, hanno tutta la tecnologia di cui hai bisogno, che sono ben mantenuto, in un caso è stato installato un motore AT invece di acquistarlo nuovo, in un caso si tratta di un modello del 2012 che ha solo 50 TKM e marcia come nuovo grazie alla manutenzione annuale e al lavaggio dell'olio della trasmissione. Assolutamente nessuno pensa di vendere, nessuno cerca qualcosa di nuovo. Tutte queste auto vengono guidate finché non possono più. Un problema sono tutti i sistemi di assistenza elettronica che esistono da 15 anni, ma finché le auto sono ancora in movimento, posso immaginare che il loro guasto sarebbe tollerato. Funziona anche senza assistente di corsia e avviso di distanza. Mentre un certo numero di persone della mia cerchia di conoscenti si fermavano a un certo punto con il libretto degli assegni e le ispezioni e stavano già pensando al prossimo acquisto, al momento non ci sono intenzioni di acquisto da nessuna parte, non vuoi essere fregato. Invece, si investe di più nella manutenzione dei vecchi veicoli. Quello che già pratico come proprietario di una Saab si sta diffondendo a sempre più marchi, a volte nati per necessità.

    E poi posso guardare diversi concessionari di auto da qui ogni giorno, una VW e diversi rivenditori di auto usate. Non ho mai visto un'auto elettrica in offerta da nessuna parte. Questo mi dice anche che la domanda in zona non è proprio arrivata. Ma quello che vedo è che tutti questi rivenditori ora hanno veicoli di un'età che non sarebbero mai stati offerti lì prima. Poiché i prezzi delle auto usate sono aumentati in modo significativo, ma gli acquirenti tendono ad avere a disposizione meno soldi che più, ora conviene ovviamente che i concessionari immettano sul mercato modelli più vecchi e anche qui l'"effetto Avana" è presente da almeno tre anni anni in costruzione.

    Se volessi sabotare intenzionalmente l'industria automobilistica, dovresti fare tutto in questo modo. Come il suicidio volontario. Ma da un punto di vista politico, ovviamente non abbiamo più bisogno di un'industria del genere.

    18
    2
    Rispondere
  • vuoto

    macchina elettrica? Fuori discussione per me, preferisco investire nella sostenibilità (2x 5%, ovvero Saab di 21 anni e una di 15 anni, o andare in bicicletta, o autobus e treno) Forse idrogeno, ma aspetta e vedrai .

    5
    1
    Rispondere
  • vuoto

    Ciao
    Grazie per questo fantastico reportage.

    Sfortunatamente, i conducenti nello stato e nell'UE non hanno ancora capito che rispettoso del clima non è solo ciò che non esce dal retro dell'auto.
    ME, la mobilità elettrica è un elemento fondamentale per la mobilità del futuro.
    Inoltre non capisco perché le auto elettriche debbano essere più grandi, più pesanti, più larghe.
    Non sono contro le auto elettriche.
    Al contrario, ne abbiamo uno noi stessi. Ma per i viaggi brevi. Ma anche il lusso di un wallbox sotto la pensilina.
    Utilizziamo la nostra Fiat 500e per lo shopping, le gite nei paesi limitrofi, il servizio di trasporto bambini e come alternativa in caso di maltempo alla bicicletta per andare al lavoro (circa 12 km solo andata)
    Ma "trasportiamo" con noi solo una piccola batteria da 23kWh. È abbastanza!
    Ed è qui che la Fiat 500e ha senso per distanze da 5 a 25 km...
    Saluti dal ventoso Oldenburg
    André T.

    10
    1
    Rispondere
    • vuoto

      Mi piace il piccolo Elektrofiat. I pacchi batteria sottili hanno senso per il 95% dell'applicazione, tutto il resto è uno spreco di materie prime.

      Ma anche auto di successo come la e500 sono ora sull'orlo perché (secondo Carlos Tavares) dovrebbe costare il 50% in meno da produrre in Cina e Stellantis vede troppo poco (o nessun) profitto. Forse non ci sarà un successore, o in futuro proverrà da uno stabilimento asiatico.

      Rispondere
      • vuoto

        Penso che la Fiat 500e abbia un bell'aspetto!
        Secondo me la Fiat 500 è del tutto superflua come auto elettrica perché non è un'auto a tutti gli effetti... serve sempre una seconda auto. Così, la Fiat è inquinamento.
        Una Toyota Yaris Hybrid può fare tutto meglio... a lunga percorrenza, estremamente economica e non necessita di stazione di ricarica, sopportabile dall'acquisto, 10 anni di garanzia fino a 160000 km e la tipica affidabilità giapponese.
        Solo visivamente non riesce a tenere il passo con la Fiat.

        4
        3
        Rispondere
    • vuoto

      È lo stesso con noi.
      Quanti km fai da solo in una settimana?
      Ecco perché la nostra decisione è stata quella di prenderci cura delle due Saab e risparmiarne una per l'inverno.
      La 500e fa davvero bene il suo lavoro ed è molto migliore in termini di qualità rispetto ad altre Fiat perché è costruita in una fabbrica diversa e su una piattaforma diversa. Brillante come un 3+1.
      Non è pesante e consuma relativamente poca energia. E quello a 300 km a settimana.
      Viene addebitato con noi tramite moduli solari sul tetto. E si riempie velocemente.
      Le stazioni di ricarica conosciute nelle vicinanze sono integrate nella vita di tutti i giorni.

      La station wagon 9-5 guida per lunghe distanze e cinque persone. Quasi nessuno può eguagliarlo nel calcolo costi/benefici.
      E puoi utilizzare tutto in modo intuitivo.

      Altri proprietari di auto elettriche da 2 tonnellate guidano poi qualcos'altro nel fine settimana o su lunghe distanze.
      Questa è la mia esperienza senza castelli in aria.

      Rispondere
  • vuoto

    Ancora una volta ben scritto e al punto caro Tom!

    E ovviamente sono molto felice di poter contribuire al 4% di "vecchie auto" con 5 Saab, auto che sono ancora tutte in ottima forma e si guidano meravigliosamente.

    Di tanto in tanto mi diverto a configurare nuove auto, come Volvo, Lexus, DS Automobile e recentemente la nuova AR Tonale. I prezzi che ne escono sono davvero incredibili, al limite dello scandaloso. Chi può effettivamente pagare questi prezzi?

    L'altro giorno sullo “Spiegel” c'era di nuovo questa tabella sui guadagni in Germania e si poteva vedere a che punto siete con i vostri guadagni nella “gerarchia dei ricchi”. Come single sei nel 2500% più ricco con circa 10 euro netti al mese, come famiglia senza figli è intorno ai 4400 euro netti. Nessuno deve dirmi che con guadagni del genere (o anche meno) ti puoi permettere un'auto a 40, 50 o 60000 euro. Chi diavolo compra tutte queste macchine? Penso che ci sia qualcosa di terribilmente sbagliato nell'industria automobilistica. E come Tom ha sottolineato in modo molto vivido, il grande risveglio potrebbe arrivare presto. Quasi un tonfo tonfo che puoi sentire in giro e che ti farà molto male.

    18
    Rispondere
  • vuoto

    Penso che sia fantastico...

    Da bambino, adolescente e giovane adulto sono sempre stato affascinato dalle vecchie auto in Scandinavia. L'allora nuovo e in numero maggiore rispetto a quello che abbiamo anche Saab e Volvo ovviamente ...

    Ciò che è stato particolarmente speciale, tuttavia, è stato vedere macchine che non abbiamo mai avuto o che non abbiamo più. C'erano ovviamente tutti gli svedesi dai 20 ai 30 anni che, quando erano aggiornati, non erano ancora stati esportati in Germania in numero significativo. Ma c'erano anche vecchie Audi, VW e Mercedes nelle condizioni di auto nuove, che erano già scomparse dalle nostre strade. Inoltre, britannici e americani e qualche francese. Una volta ho trovato 2 Citroën Traction Avant davanti a una casa. Una corta (2 porte in una simpatica livrea bicolore) e l'altra lunga e nera. Potrebbe continuare all'infinito i numerosi incontri ad ogni angolo con macchine davvero emozionanti...

    Ma il punto si può anche fare brevemente. Ho visto molte auto per la prima volta o solo in Scandinavia, da nuove a scosse. Una vera festa. Ogni parcheggio di ogni porto e davanti a ogni supermercato un raduno di auto d'epoca. Semplicemente perché la gente in Scandinavia è diventata una società usa e getta più tardi che in Germania...

    L'effetto Havana non mi spaventa.

    Rispondere
  • vuoto

    Tom ancora una volta ha pubblicato la parola migliore per domenica!!!
    Questa mattina ho seguito di nuovo il suono di un V180 turbo per 6 km.. il suono non è disponibile in un'auto elettrica, e probabilmente non lo è nemmeno la velocità (consumo).
    Nemmeno io sarei condiscendente...
    E anche due piloti Porsche sembravano stupidi. Mi tengo questo dollaro finché può essere riparato! In ogni caso sono ancora molto lontano dalla metà del prezzo di una Cayenne (altrettanto potente) e ci vogliono 5 minuti per fare il pieno.La corrente elettrica in casa costerà presto 55 centesimi al kWh... beh allora, buona colonnina parcheggio con le batterie pesanti...
    I politici sono stupidi..(soprattutto, il verde è il peggiore...Ho appena riletto di recente che i gas di scarico di un diesel moderno sono più puliti di quelli aspirati nelle grandi città...non voglio nemmeno sapere chi ha rovinato quella merda..
    Finalmente abbiamo le terre rare in Europa...
    Metto i miei soldi nel buon cibo e viaggio finché posso ancora. nuova auto ?
    Forse (65) non ne ho più bisogno.
    Buona domenica
    Andreas

    21
    1
    Rispondere

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * segnato