Ciò guida il presidente Emmanuel Macron - DS 7 Élysée

I presidenti francesi guidano la Citroën. O DS. Che, da un punto di vista prettamente storico, è senza dubbio una Citroën. Raramente vengono guidati su una Renault, come è stato anche il caso. Emmanuel Macron ha ricevuto una nuova auto presidenziale. Il DS 7 Elysee. Differisce da ciò che i comuni mortali possono acquistare da DS per alcuni dettagli. Perché, le insegne del potere e dell'ufficio, devono essere.

Una nuova macchina per il Presidente
Una nuova macchina per il Presidente

DS 7 Eliseo per il Presidente della Repubblica

Ce l'ha DS Automobile, l'elegante propaggine di Citroën DS7 Crossback aggiornato. Il primo cliente che ha ricevuto la sua auto è stato, ovviamente, il Presidente della Repubblica. Il suo veicolo ha alcune caratteristiche speciali. La prima cosa che si nota è il passo allungato, cresciuto di 20 centimetri. Il DS 7 Élysée è ora lungo 4,79 metri, cosa che difficilmente impressionerà i colleghi presidenziali di Washington e Mosca. Il veicolo di Putin misura 6,60 metri, quello dell'americano sarebbe un po' più lungo.

Il passo, allungato di 20 cm, è ben visibile
Il passo, allungato di 20 cm, è ben visibile

Dopotutto, puoi valutare il DS 7 Élysée come un benefico contenimento nella corsa agli armamenti ottici, o considerare perché Emmanuel Macron non ha fatto subito quelli più lunghi DS 9 ricade. La berlina intrinsecamente rappresentativa è lunga quasi 5 metri nella versione normale. La verità dietro la riluttanza è che il DS 9 è un prodotto globale fabbricato in Cina, ma il DS 7 Crossback è fabbricato in Francia. E un'auto dall'Asia per il presidente, non è certo in discussione. Perché potresti vederlo come un cattivo presagio.

I sigilli del potere

Il (o il) DS 7 presidenziale ha un'armatura speciale, due sedili individuali nella parte posteriore sostituiscono il sedile a panchina e lo spazio per le gambe dovrebbe essere di ben 54,5 cm. Abbondanza di pelle e un rivestimento del padiglione rivestito in Alcantara assicurano un ambiente appropriato.

Sigillo tricolore al posto del DS
Sigillo tricolore al posto del DS

Le caratteristiche visive includono numerosi sigilli RF (République française) e il tricolore all'interno e all'esterno. Sostituisce, tra l'altro, il logo DS sul cofano motore ed è visibile sui coprimozzi dei cerchi specifici per DS 7 Élysée. In termini di motore, la DS 7 E-Tense 4×4 con 300 CV fornisce la base. Anche qui la moderazione presidenziale è riconoscibile, perché la nuova versione top ha 360 CV.

Segni di potenza - RF e bandiera nazionale
Segno di potenza - RF e bandiera nazionale

La DS 7, la vecchia versione di cui ho guidato, è un'auto di successo che ha il suo fascino francese all'interno. A mio avviso, una simpatica alternativa alla noia visiva che di solito si trova nel parcheggio del Carrefour.

Ma lei (o lui) è sufficientemente presidenziale? Ne abbiamo ampiamente discusso internamente in redazione. E abbiamo trovato un'alternativa (ancora) più degna per il presidente Emmanuel Macron.

Con immagini di DS Automobiles

Fortsetzung folgt

13 pensieri su "Ciò guida il presidente Emmanuel Macron - DS 7 Élysée"

  • Ciao Tom,
    hai ragione con il termine "il DS". DS sta per (la) déesse, la regina.
    E su Aero-93: il Papa, con la p, come in papa, non Pabst Blue Ribbon, birra media americana...
    Buona settimana!
    Claude

  • Auto aziendale davvero credibile...

    sono minibus per i miei gusti. In esso puoi prendere appunti durante una telefonata, lavorare sul laptop mentre guidi, avere un tavolo di lavoro di fronte a te e/o dipendenti o partner negoziali possono sedersi uno di fronte all'altro. Si tratta di auto aziendali nel vero senso della parola, luoghi di lavoro mobili in cui si può effettivamente fare servizio...

    Ma hanno un'immagine da artigiano e sembrano furgoni. Che, ancora una volta, penso sia una buona notizia. In nessuna posizione al mondo fa male capire il tuo mestiere e guadagnarti da vivere onestamente e diligentemente. Se il tuo tempo è così incredibilmente prezioso, se sei indispensabile e non disponibile per tutti, dovresti usare il tuo tempo. L'autista lo rende possibile. Non guidi tu stesso e guidare il divertimento non è più un criterio per un'auto aziendale di una certa lega...

    In quanto merce da trasportare e risorsa preziosa, sei su un minibus, sul posto di lavoro (in movimento) esattamente nella sedia giusta, molto ergonomica e con molto spazio per la testa e per le gambe. Può essere considerato sottorappresentante, ma solo se vuoi rappresentare qualcosa di diverso dal tuo servizio e dall'etica del lavoro. Ed è qui che diventa discutibile...

    Niente contro Macron e la sua reticenza quando si tratta di lunghezza e prestazioni del veicolo (chapeau), ma trovo o troverei auto aziendali in cui anche uno fa un servizio davvero fantastico...

    A proposito, ci sono anche minibus blindati e lussuosi. Inoltre non necessitano di una costosa estensione del passo rispetto alla serie. Nessun SUV al mondo e nessuna berlina (come allungata però) offre di più. Ecco com'è quando lo guardi con sobrietà...

    • Un minibus sarebbe quindi anche sufficientemente veloce e manovrabile (o stabile/non ribaltabile) in “caso di emergenza”?
      Penso che queste auto non si spostino (o non senza un enorme sforzo) particolarmente bene.

      Ma con "l'auto come ufficio mobile" la vedo in modo simile.
      Inoltre, non capisco sempre perché così tanti "capi" guidano in limousine di lusso così anguste/scomode in cui puoi sederti bene, ma anche sederti in profondità e lavorare non è certamente molto divertente e nemmeno così comodo.

      Quindi un “minivan” (di cui purtroppo sembrano esserci sempre meno modelli) sarebbe un buon compromesso (anche come “auto aziendale” o similare). Certo, non fa niente per i signori...

      In quanto "limousine di stato" un SUV del genere è sicuramente più piacevole (ingresso/uscita più confortevole, posizione di seduta alta/confortevole, spazio) di una "limousine di lusso" come è stata consuetudine fino ad ora.

      Ma penso anche che il motivo principale della DS7 fosse principalmente "Made in France".

      • In "caso di emergenza" quasi non importa quale base di veicoli prendi ...

        A seconda del livello di protezione richiesto, vengono aggiunti almeno 500 kg (protezione contro pistole leggere). O 2.000 kg e più di armature e sistemi di supporto vitale...

        Tutti i veicoli protetti, indipendentemente dallo scenario, richiedono un nuovo telaio. Non c'è nulla in serie che possa sopportare ulteriori 500, 1.000, 1.500 o 2,500 kg di peso...

        Per quanto riguarda la manovrabilità, i minibus oi furgoni sono senza pietà superiori a qualsiasi limousine allungata. Il coefficiente di passo e spazio interno è chiaramente più favorevole di quello di passi e/o sbalzi più lunghi.

        Il motore e le prestazioni di guida possono essere ridimensionati quasi a piacimento. Il baricentro può essere abbassato con un'armatura contro gli ordigni esplosivi a livello del suolo. Comunque sia, ogni cosa ha i suoi limiti fisici.

        Nessun minibus blindato o limousine blindata con un passo allungato sarà mai in grado di affrontare una curva stretta con la stessa rapidità di un Carlsson sul tetto della sua Saab 😉

  • Penso anche che il tempo del "sh... confronto" automobilistico dovrebbe essere finito - anche con le auto statali (è solo per Trump, Putin, Xis & Co di questo mondo comunque.) 😉
    Lentamente, meno dovrebbe essere di più!

    Ci sarà davvero anche una versione DS della CITROËN C5 X?

    • Buona domanda. Non ho ancora trovato alcun riferimento a questo, ma sarebbe logico. C'è un divario interessante tra DS 4 e DS 9.

      • Si, sono d'accordo.

        E la CITROËN C5 X è (otticamente; fuori) un'auto che mi piace molto in questo momento (900 dice ciao?).
        ... e qualcosa di "nobile" potrebbe essere una variante DS davvero chic allora!?

        Ma in questo momento non ho una macchina nuova in arrivo.
        (Quello che una macchina nuova con me vorrebbe avere a un certo punto è la "trazione integrale" ... Sono stato davvero "incasinato" dal mio attuale grasso svedese; sfortunatamente l'offerta di trazione integrale di CITROËN è abbastanza gestibile)

        • Il C5 X sta sicuramente generando interesse nel mondo Saab. Un amico ha detto che quando la sua Saab sarebbe stata pronta per il "pensionamento", avrebbe voluto regalarsi la Citroën.

          Ad un certo punto proverò a guidarne uno per un rapporto qui. Prima di allora posso dire poco degli interni e del loro valore.

          • Sì grazie! Abbiate coraggio e osate avvicinarvi di più al biotopo Citroën. Il concessionario può prestarti un'auto nuova, oppure puoi chiedere all'ufficio stampa di Rüsselsheim! Penso che attendano con impazienza ogni richiesta e sono felici di aiutarti!

            • Ti contatteremo nei prossimi giorni!

    • Commento delizioso

      Più lungo è il cappuccio e maggiore è lo "spazio per le gambe", il "piccolo pensiero" il despota o la (e-) signora con autista sul sedile posteriore ...

      Circa 2 settimane fa, ho avuto l'idea di scrivere a istituzioni consapevoli del potere, sotto la guida discutibile di dirigenti discutibili, solo come segue e correttamente terminato:

      Caro signore o signora,
      Cari personaggi al potere indecisi sul genere, (…)

      Certo che non lo faccio, ma mi prudono un po' le dita...
      Ci sono un numero infinito di auto aziendali in Germania che sono significativamente più lunghe e più potenti di quelle del presidente Macron. Devi anche farti sentire più importante del presidente francese, ad esempio come direttore della radiodiffusione pubblica regionale. Riporta il regista senza problemi...

  • Un indubbio vantaggio a mio avviso per il presidente E. Macron.
    In questo momento attuale (con il cambiamento climatico avanti/in piedi) può esserci SOLO un segno ottico:
    CAPIAMO e andiamo avanti. Un TESLA corazzato andrebbe bene al presidente degli Stati Uniti J. Biden... ma ovviamente non capiva... Il dittatore in Europa. Osten può continuare/usare il suo prodotto senza nome. Non mi aspetto nemmeno che abbia un atteggiamento intellettuale nei confronti di questa questione umana.
    Tuttavia, l'attuale Pabst lo precede (a lungo!): Mercedes Classe G addio invece FIAT 500L. Sono le azioni simboliche che danno alla parola parlata ancora più impatto.
    La spec. Mi piacciono molto i sigilli. decente. Più bello che elegante...
    Quindi: buona scelta in F!

  • La Francia si è da tempo cancellata dalla classe superiore. Non c'è più una grande Renault, né limone né Peugeot. Alla fine, l'unica alternativa rimasta è DS. Il DS 9 non sembra nemmeno così male...

I commenti sono chiusi