Vaccinazione di richiamo - quando il virus bussa alla tua porta

È la fine di novembre. Ancora una volta sono seduto nello studio del medico di famiglia in attesa. Di fronte a me due rappresentanti dei gruppi vulnerabili. Meno di sei mesi dopo la prima vaccinazione, oggi ho ricevuto il richiamo. Pensavo che sarei tornato in viaggio in estate Verso la libertà. Mi sbagliavo. Com'è quando Corona bussa alla tua porta?

Vaccinazione di richiamo - prova
Vaccinazione di richiamo - prova

La quarta ondata

Tutto è diverso. Siamo sopravvissuti alle ondate da uno a tre senza danni. Il COVID-19 era presente sullo sfondo e teoricamente tutti nella cerchia di amici o familiari conoscevano qualcuno che era stato infettato. Ma quella era la teoria, lontana. Ora il virus sta graffiando la porta d'ingresso.

È arrivato nel nostro quartiere, ed è presente anche presso i miei fornitori. In uno di essi devono essere cancellati interi turni perché, nonostante il concetto di igiene, tutti i dipendenti sono infetti. Le date di consegna si stanno spostando all'infinito. Le aziende che finora sono sopravvissute bene alla crisi tremano per il loro futuro.

Ci sono più problemi. Un caro amico di famiglia ha una malattia polmonare. È in clinica, lontana, e non riesce a respirare da sola. Visitarli è quasi impossibile. La clinica sta costruendo una fortezza contro il virus attorno ai suoi pazienti sensibili. Almeno lei ci prova. Test elaborati, visite pianificate e abbreviate sono progettati per proteggere vite vulnerabili.

La paura che si stia lentamente insinuando. La paura di un avversario invisibile e incalcolabile. E chi sfrutta le nostre debolezze.

L'impotenza

Le cattive notizie non diminuiscono con il passare dei giorni. C'è una prima svolta nella vaccinazione nel Freundeskreis. Un'infezione, presumibilmente presa sul posto di lavoro da un collega. Un percorso non mite, ma che si spera non porti direttamente in ospedale. Stiamo tremando!

Di chi è la colpa per aver aggravato la situazione in questo modo? Puoi prendertela comoda e ritenere responsabile la politica. Ci sono molti buoni argomenti per farlo, ad esempio per parlare del fallimento dello stato. Ma sarebbe molto conveniente. Non vogliamo renderlo così facile per noi stessi.

Burocrazia tedesca prima della vaccinazione di richiamo
Burocrazia tedesca prima della vaccinazione di richiamo

L'egoismo

Purtroppo viviamo in una società completamente comprensiva. Lo stato, sembra essere un nostro diritto di nascita, regola le cose fastidiose. Noi stessi sediamo in questo paese grasso e ricco nella nostra zona di comfort. Ci sentiamo a disagio quando qualcuno arriva con la siringa e vuole vaccinare. Un'imposizione che va contro l'integrità del corpo e ancor più contro il nostro egoismo.

Siamo seduti su milioni di dosi di vaccinazione che minacciano di scadere perché la sostanza non ci sembra abbastanza nobile. Parliamo di diritti civili poiché il numero di morti per corona supera i 100.000. E anche questa macabra figura è messa in discussione e discussa. Non ci sono limiti. Le verità vengono reinventate e le verità vengono distorte.

Il buon senso

Con un po' più di buon senso, una visione del paese, dei vicini, dei concittadini anziani e malati, il COVID-19 non sarebbe diventato un argomento così catastrofico. Sarebbero state vaccinate più persone. Potresti urlare ad alta voce con rabbia. Si potrebbe piangere. Entrambi allo stesso tempo.

C'è stato questo discorso inaugurale di John F. Kennedy il 20 gennaio 1961. Questa frase è stata pronunciata che ha avuto il suo posto sul muro nel mio ufficio per anni.

"Non chiederti cosa può fare per te il tuo paese..."

John F. Kennedy

Non chiederti cosa può fare lo stato per te. Ma fai qualcosa da solo, prenditi le tue responsabilità e mostra un senso di comunità, tieni d'occhio la comunità. La sentenza è scaduta. Immagino di esserlo anch'io. A volte mi sento così. Abbiamo bisogno di nuovo di un John F. Kennedy e di persone che non vedono i propri interessi e l'assicurazione completa dello stato in primo luogo.

Alto tasso di vaccinazione, bella vita a Barcellona
Alto tasso di vaccinazione, bella vita a Barcellona

La libertà

La mia amica Lizi mi dimostra quasi ogni giorno che ci può essere un altro modo. Continuo a ricevere foto di Barcellona sul mio cellulare. Lì la vita è libera, i ristoranti sono aperti e con una temperatura mite di 20 gradi è facile resistere in un bar di tapas. Con vista sulla Saab e sul mare.

Barcellona ha un tasso di vaccinazione che supera il 90%. I catalani sono più intelligenti dei tedeschi? La verità è che le onde precedenti hanno spazzato la terra con tutta la severità. A differenza della Germania, lo stato spagnolo non avvolge i suoi cittadini nel cotone idrofilo e non paga ai ristoranti il ​​90% del fatturato (non del profitto). Tutti devono vedere dove stanno. Lo stato fornisce solo un supporto rudimentale. Se non hai una famiglia che ti sostiene, hai un problema.

Gli spagnoli hanno imparato la lezione. La vaccinazione è l'arma migliore che abbiamo. E questo è usato. Inoltre, lo stato spagnolo sa come far rispettare i suoi ordini. L'ingresso è rigorosamente controllato, in Germania questo di solito accade in teoria o quando le squadre televisive riferiscono.

La vaccinazione di richiamo

Poiché il virus sta bussando alla mia porta, organizzo la vaccinazione di richiamo con il mio medico di famiglia. L'appuntamento sarà puntuale, devo solo aspettare una settimana. Biontech a Johnson & Johnson in estate. Nel bel mezzo dell'attesa arriva Cakofonie da Berlino. Il ministro della salute in carica di turno vuole accorciare la consegna di Biontech, mentre il numero di persone infette nel Paese sta salendo alle stelle. È difficile da credere.

La vaccinazione di richiamo in sé è rapida. Gli appuntamenti del mio medico di base sono perfettamente sincronizzati e la sala d'attesa non è mai troppo piena. Una pugnalata, ecco. Di nuovo tra sei mesi. Forse. Non è certo, mancano i valori empirici, la pandemia non ha ancora 2 anni.

Certificato Covid dopo la vaccinazione di richiamo
Certificato Covid dopo la vaccinazione di richiamo

I gruppi vulnerabili

Due rappresentanti dei gruppi vulnerabili siedono nell'area di attesa. Una descrizione che non mi piace. Sembra così neutro e freddo. In verità, sono il nonno e la nonna, i vecchissimi, a essere particolarmente a rischio. Ma questa è una verità ragionevole che sarebbe gravosa. Perché chi vorrebbe vedere il nonno o la nonna al cimitero perché si sono rifiutati di farsi vaccinare?

Gruppi vulnerabili, quindi. È meno probabile che venga venduto al pubblico.

I due anziani di fronte a me sono molto vecchi, hanno più di 80 anni. Né sono pensionati di fascia alta che ritieni in forma e nerboruti nei media. Nessuno che abbia lavorato in ufficio o nel consiglio di amministrazione e che vada in crociera in età avanzata.

Due veterani che hanno lavorato duramente per 50 anni nella produzione o nell'edilizia. I vestiti dei due sono puliti ma semplici. Anziani che si concedono poco. Presumibilmente risparmiano un po' della pensione ogni mese per i figli oi nipoti che dovrebbe avere.

I due sono tra le persone che hanno costruito il nostro Paese dopo la guerra e che hanno abbastanza a che fare con se stessi oltre la pandemia. Sei povero a piedi, respirare è una sfida anche senza il virus. Ci vogliono pochi minuti prima che la maschera sia finalmente a posto. Non è preciso, ma è la volontà che conta.

Respirare diventa ancora più difficile, sfoglia con mani tremanti il ​​suo certificato di vaccinazione. I due non sopravvivrebbero a un'infezione. Saresti altri due morti nelle statistiche, allo stesso tempo due verità aggiuntive che potrebbero essere distorte.

Perché tutti al di là della pandemia stanno trascinando un elenco di ulteriori malattie attraverso la vita.

Gli effetti collaterali

Prima della vaccinazione di richiamo viene la burocrazia. La Germania gestisce ciò che deve essere gestito. E anche ciò che non può essere gestito. Siamo ancora i migliori al mondo, siamo relegati a tutto il resto. Un foglio di anamnesi, pagine di informazioni su rischi ed effetti collaterali. Entrambi devono essere controfirmati, ovviamente due volte. Il dottore è felice, così come il suo paziente.

Gli effetti collaterali sono in realtà appena percettibili. Il braccio fa un po' male, mi sembra di muovermi con il freno a mano tirato per qualche ora. Non accadde altro, anche se ero preparato alle complicazioni.

La responsabilità personale

Anche i miei amici e la mia famiglia ricevono la vaccinazione di richiamo. Le date sono già state concordate. I conoscenti che volevano aspettare prima hanno cambiato idea. Vanno anche alla vaccinazione di richiamo. Che dà speranza. Perché il virus usa il nostro egoismo e le nostre vanità. È alla continua ricerca di nuovi ospiti, muta, e non pensa nemmeno per un secondo a rispettare le nostre regole di benessere.

Non avremo un secondo John F. Kennedy per scrivere coraggiosamente le verità sul muro. Questo tipo di politico è storico, non tornerà. E forse impariamo in modo brutale ad assumerci di nuovo la responsabilità e sviluppare l'iniziativa. Una volta eravamo forti anche in questo, ed è qui che dobbiamo tornare indietro. Un processo di apprendimento, accompagnato dal dramma e dalla morte.

28 pensieri su "Vaccinazione di richiamo - quando il virus bussa alla tua porta"

  • vuoto

    Sono in ritardo, moin insieme,
    Avevo già scritto un lungo messaggio e l'avevo cancellato. Come mai? Troppi dettagli in relazione allo sviluppo e al trattamento del C e troppe brutte esperienze nell'ambiente con un punto di vista che non corrisponde a ciò che è su e giù per essere ascoltato, visto o letto. Grazie Tom per la dedizione molto abile e buona all'argomento. La mia opinione a riguardo:
    In relazione alla scienza e alla comunicazione, i rapporti sono troppo unilaterali e si producono opinioni e stati d'animo! Al posto della ragione ci si affida alla paura e al panico, si divide la società e dopo aver capito che la vaccinazione non mantiene ciò che i politici hanno promesso si affida ancora di più alla paura e alla coercizione e accusa i contribuenti della situazione attuale. Quasi nessuno parla dello smantellamento dei letti d'ospedale e dei letti di terapia intensiva inserendo falsi incentivi nel sistema di fatturazione, cosa ben descritta sopra. Gli eroi di ieri (citazione originale dalla politica dell'anno scorso) diventeranno dei mostri quest'anno perché scettici sulla mancata approvazione delle sostanze I, sugli effetti collaterali record e sui decessi (atleti vistosamente giovani, numero imprecisato), e forse anche perché le vaccinazioni con un hamburger gratuito al Golden M sono disponibili con una consulenza di rischio al XNUMX%. E i produttori della siringa non si assumono alcuna responsabilità per danni consequenziali?! Sarei felice se -> prendessimo il sopravvento sulla madrepatria del nostro compagno preferito, teniamo d'occhio i valori democratici della nostra società e non scriviamo cose come non vaccinati indesiderati in nessuna vetrina. Abbiamo bisogno di essere uniti e consapevoli invece di paura e divisione. Gestisco una pratica di medicina integrativa in Canada, sono ben collegata in rete nel panorama medico e, naturalmente, sono anche vaccinata. Penso che la vaccinazione in generale sia una grande conquista medica, a parte la canna fumaria. Perché ho scritto tutto questo? Perché vi chiedo di stare attenti, di non giudicare troppo in fretta, di pensare che una siringa per flebo non può più essere invertita, e perché penso che dovremmo ricordare ai nostri politici che il mandato non include la società per farsi prendere dal panico eo per dividersi. Booster? Con una sostanza che ha già perso la sua efficacia? Questo non mi rende le cose più facili. Ma la decisione sarà presto presa da noi, quindi ci sarà un bonus semestrale, per tutti, per sempre?!
    Auguro a tutti un bel periodo prenatalizio, ringrazio Tom per i tanti buoni contributi di quest'anno e vorrei rimanere un appassionato di SAAB.
    Il tuo ERIK900

    1
    1
    • vuoto

      Ben detto tardi

      Una delle vittime della pandemia è il clima sociale. Il gioco politico con la divisione è pericoloso.
      Non ci vaccinavamo da troppo tempo e ancora non tutti. Fino a 6 mesi fa si trattava ancora di anziani, pre-malati e gruppi a rischio occupazionale. Abbiamo discusso sui precursori della vaccinazione...

      Nel corso dell'isteria, ci sono solo poche settimane, giorni tra un pretore e il sospetto di scetticismo e rifiuto della vaccinazione ...

      Molti dei giovani dai 12 ai 18 anni semplicemente non sono vaccinati oggi perché sono stati catturati poco prima che gli fosse permesso di essere vaccinati. Come convalescente, devono e devono aspettare 6 mesi. Il mio più grande è uno di loro. E non vacciniamo nemmeno i bambini sotto i 12 anni.

      Tuttavia, abbiamo un tasso di vaccinazione del 70% basato sulla popolazione totale. Se si escludono i bambini di età inferiore ai 12 anni, i convalescenti e altre persone che non possono essere vaccinate, il tasso di vaccinazione per la parte della popolazione che può essere vaccinata dovrebbe essere di circa l'85% ...

      E non tutte le persone non vaccinate sono fondamentalmente scettici sui vaccini, rifiutano la vaccinazione o addirittura teorici della cospirazione. Molte donne incinte vogliono prima dare alla luce il loro bambino. Molti atleti si vaccinano in base al piano di allenamento e alla stagione, e non vogliono rischiare nulla nelle fasi di forte stress (come un'infiammazione del muscolo cardiaco).

      Apprezzo molto la disponibilità a vaccinare. Il tasso di vaccinazione raggiunto in breve tempo nelle condizioni di cui sopra, con vaccini nuovi e sconosciuti, alcuni dei quali poco efficaci, non è poi così male.

      Il dibattito sugli obiettori "famigerati" è prematuro, isterico, controproducente. Molte persone (ancora) non vaccinate vengono messe in un angolo completamente sbagliato.

      Mi sono vaccinato il prima possibile senza andare avanti. Sono passati solo 8 mesi da quando il mio Cov-Pass digitale è passato a "verde" 1 settimane dopo la 14a e 2 giorni dopo la 3,5a infusione. Abbiamo già discusso del rifiuto della vaccinazione. Se il tempo non è isterico...

  • vuoto

    Grazie per questo fantastico testo!

    I "Gruppi Vulnerabili"... Anche a me non piace la descrizione per i motivi citati.
    Nell'esempio citato, sono la nonna e il nonno, che vale anche per la nostra famiglia. Al momento la nonna non può essere potenziata a causa della chemioterapia ...

    Ma anche i bambini sono vulnerabili.
    Immunodeficienza da sindrome di Down, cuore rattoppato, polmoni sotto stress... 7 anni.
    Un anno e mezzo con solo interruzioni estive in lockdown fino a quando un medico dall'altra parte della repubblica ha avuto pietà della vaccinazione offline.
    I bambini come mio figlio non hanno un atrio. Al massimo, questi bambini compaiono nelle statistiche come "precedentemente ammalati", con l'obiettivo di sottrarre le cure ad altri genitori. Altrimenti questi bambini sono invisibili e lo sono anche i fratelli e i genitori colpiti. Le famiglie come la nostra sono chiamate famiglie ombra e impariamo una quantità incredibile sulla nostra società durante la pandemia.

  • vuoto

    L'altra faccia della medaglia

    Le vaccinazioni e i richiami sono importanti. Ma non si parla quasi più di altre misure. Sono impopolari e siamo stanchi di loro. Sta diventando sempre più difficile applicarlo politicamente e recentemente ha portato a rivolte in Europa.

    In Germania, il dibattito si è ristretto interamente alla vaccinazione e ai richiami, e nelle persone non vaccinate è stata scelta una minoranza "radicale" e "completamente irresponsabile" come presunta causa del nostro non ritorno alla normalità.

    Questo è sbagliato e fatale in diversi modi.

    È sbagliato, tra l'altro, perché non possiamo vaccinare tutti al di sotto dei 12 anni senza un vaccino. In questa fascia di età abbiamo migliaia di incidenze. Sbagliato, perché con i nostri vaccini attuali non potremmo raggiungere l'immunità di gregge nemmeno con un tasso di vaccinazione del 1000% della popolazione totale. L'effetto protettivo è troppo basso, il numero di scoperte vaccinali è troppo alto.

    È fatale perché in questo restringimento della nostra visuale preferiamo lamentarci dei non vaccinati, dei “colpevoli” piuttosto che preoccuparci della tutela degli innocenti.
    Solo due o tre settimane fa i politici volevano abolire i test corona gratuiti con l'argomento della vaccinazione. Follia considerando la situazione.
    È fatale se noi - per dirla senza mezzi termini - sviluppiamo la tendenza a mettere alla gogna una donna non vaccinata e incinta piuttosto che chiedere concetti ai politici per proteggerla. O la protezione dei bambini sotto i 12 anni...

    Questo stato d'animo all'interno di questo dibattito è molto, molto confortevole per i responsabili e tendono ad essere frugali. Due o tre giorni fa, nel giro di poche ore, ho sentito il sindaco di Berlino, il presidente federale, il ministro della sanità e il senatore della sanità di Berlino. Tutti e quattro non potevano pensare a niente di meglio che incolpare i non vaccinati per la quarta ondata.
    Questo non è sicuramente abbastanza per me ed è di fatto sbagliato.
    Ho avuto Biontec due volte. Questo ti dà una protezione di circa il 4% 47 mesi dopo la vaccinazione. Non ci vuole molto per rendersi conto che attualmente non possiamo ottenere l'immunità di gregge (80% di protezione per il 100% della popolazione)...

    A questo proposito, è anche economico se i politici attribuiscono la quarta ondata e la sua violenza solo a coloro che non sono disposti a vaccinare.
    Tutti dovremmo vaccinare & potenziare, tutti dovremmo dare il nostro contributo, ma nella consapevolezza che non basta e nella consapevolezza che la politica fa troppo poco se la sua strategia anti-corona si limita alla vaccinazione.

  • vuoto

    Sì... quanta spinta ha effettivamente la spinta? E hai riscaldato bene il tuo corpo prima e poi lo hai raffreddato di nuovo prima del booster? Non che i componenti dell'impianto muoiano prematuramente per mancanza di lubrificazione (o dopo vi sia aumento di coke nel circuito di lubrificazione...).

    Non vedo l'ora che arrivi un paese in cui non abbiamo condanne generali e termini generici per gruppi presumibilmente selezionati (come viene definito un tale "negatore della corona" - e non è così assurdo negare un virus quanto affermare che si può sconfiggerlo - simile a un dio? - completamente sconfitto insieme? Perché le persone sono considerate "avversari" e "rifiutatori" solo se non sono per qualcosa per se stessi - colui che non fuma è "l'avversario della sigaretta" che non fuma, e "concerto" rifiuto" solo perché preferisce ascoltare la musica a casa?) e vivere senza capri espiatori selezionati e colpevoli (ce n'è stato uno qui prima - consiglio di fare attenzione).
    Capisco la frustrazione. Capisco l'equivoco.
    Le persone che affrontano criticamente le misure non ne sono responsabili, anzi: si impegnano principalmente a trovare un modo più umano e responsabile di affrontarle. Oppure trovate/trovi bene vivere in una convivenza basata sulla sfiducia e la coercizione? È così che appare la vostra società in cui voi/vorreste/vorreste vivere? Non mio.
    La mia società è basata sulla fiducia, l'apertura, l'armonia, il rispetto. Aspetti di questo sono il processo decisionale attraverso il consenso, un'interazione reciproca senza giudizio, l'inclusione dell'istinto e del cuore e l'ascolto equo di tutti coloro che vogliono partecipare.

    In questi giorni ho trovato le parole di Uwe Scheeler, sindaco di Neuhaus am Rennweg, che ci invitano a fermarci ea stare insieme con calma. Vorrei condividerli qui:

    "Cari residenti -

    in città e in tutti i quartieri!

    Cari imprenditori e commercianti!

    Cari ospiti!

    Da quando sono entrato in carica nel 2018, il mio motto è stato:

    "Insieme! - E non tutti per sé! "

    Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno letto o hanno letto queste righe per l'attenzione, per i numerosi feedback positivi, ma anche per i commenti critici.

    Sono felice di ricambiare i miei saluti e auguri a tutti voi.

    Molto spesso in questi giorni si sente la questione della colpa o l'accusa di colpa.

    La colpa della presenza del corona virus, la colpa del fatto che ancora non è sparito, la colpa dell'alto numero di contagi, la colpa del fatto che gli ospedali e le unità di terapia intensiva si riempissero, la colpa dell'effetto insoddisfacente delle vaccinazioni, la colpa della mancanza di vaccini a sufficienza, la colpa del sovraccarico dei medici di base...

    Immagino che non sia una questione di sensi di colpa. Come è noto, solo i tribunali tedeschi possono chiarire se qualcuno è colpevole o meno.

    Si tratta piuttosto di promesse non mantenute e di aspettative non mantenute o deluse.

    A tutti i livelli - dal federale e statale ai distretti rurali ai comuni, nelle aziende, nelle famiglie e tra amici - stiamo aspettando e sperando che il virus corona scompaia finalmente dalla scena e che tutti ritroveremo la nostra vita precedente, se facciamo solo questo o quello, non fare questo o quello... O che qualcuno passi e lo faccia per noi...

    In molti luoghi, queste aspettative e speranze sono state alimentate e supportate da promesse. Promesse che non avrebbero dovuto essere fatte. Promesse che semplicemente non potevano essere mantenute.

    Le persone si attaccano a vicenda sul lavoro o nella vita privata, accusandosi a vicenda di essere responsabili di qualcosa. Infezioni e misure di quarantena, chiusure di strutture, operazioni posticipate: l'elenco potrebbe continuare a tempo indeterminato.

    L'entità della delusione e della rabbia, spesso anche dell'impotenza o dell'incapacità di agire, ma talvolta anche della paura, può attualmente essere vissuta e sentita a tutti i livelli.

    La politica ei media stanno ancora spingendo il tutto, l'azionismo e le situazioni di panico sono il risultato.

    Non c'è da stupirsi: il mondo intero ne è colpito, nessuno era preparato per una cosa del genere e finora nessuno al mondo ha trovato una bacchetta magica, nemmeno dopo due anni.

    Lo ammetto: nemmeno io ho un piano generale.

    Non posso promettere nulla, non posso promettere nulla.

    Non obbligare nessuno a fare niente, non consiglio niente a nessuno.

    Perché semplicemente non lo so.

    Consiglio solo a chiunque non lo sappia di attenersi ad esso come me e ammetto semplicemente di non avere una soluzione da offrire.

    Finché nessuno ha il cosiddetto salvatore, bisogna assolutamente trattenersi con accuse di colpa a tutti i livelli. Non risolvono il disastro, spostano solo le responsabilità e ti rendono cieco.

    Consiglio a tutti, a tutti i livelli, di affrontare le accuse, gli insulti e gli ordini con moderazione, dovreste essere ancora in grado di guardarvi negli occhi in futuro, nonostante tutte le differenze di opinione. È essenziale mantenere la proporzionalità dei fondi.

    In tali situazioni, nessuno ha più ragione dell'altro.

    Altrimenti l'odio e l'agitazione distruggono il nostro tessuto sociale già danneggiato e la nostra pace interiore nel Paese, ma anche nelle nostre comunità e nelle nostre famiglie.

    Anche l'affermazione che un quartiere e quindi le persone che lo abitano sono un hotspot, è già una forma di discriminazione. Se l'intero paese è "un singolo focolaio" (Lothar Wieler, RKI), allora i Sonneberger non sono né più né meno "discuranti" dei residenti di altri distretti rurali. Il virus corona non conosce confini di contea o di paese.

    Dobbiamo smettere di escludere e demarcare, dobbiamo superarlo tutti insieme. Dobbiamo unire le forze, la conoscenza e l'esperienza.

    Finché non esisterà un antidoto al 100%, dobbiamo investire nella ricerca, aumentare le capacità degli ospedali e rafforzare e supportare i medici di base.

    In modo che tutti - e dico tutti - possano essere aiutati che si ammalano e hanno bisogno di assistenza medica. Non importa se vaccinato o non vaccinato, non importa se purtroppo corona, purtroppo infarto o purtroppo gamba rotta.

    I cosiddetti triage non sono necessari a causa dei vaccinati o dei non vaccinati.

    Il nostro sistema sanitario è già sceso a tal punto che le vittime di gravi disastri naturali o della pandemia di corona devono preoccuparsi se saranno ricoverate o meno.

    Prima di tutto, dobbiamo smettere di incoraggiare lo smantellamento dei letti ospedalieri.

    Non ci credi? Certo che lo è. Quando i posti letto vengono ridotti, il finanziamento è disponibile dal fondo della struttura ospedaliera.

    Il regolamento recita:

    “Inoltre, lo smantellamento dei posti letto fissati dalla pianificazione ospedaliera è ora sovvenzionato in base al numero delle riduzioni. Sulla base di un limite de minimis fino a 10 posti letto, le agevolazioni sono le seguenti:

    11 bis 30 Betten: 4.500 € je Bett

    31 bis 60 Betten: 6.000 € je Bett

    61 bis 90 Betten: 8.500 € je Bett

    Mehr als 90 Betten: 12.000 € je Bett“

    In molte aree del settore sanitario, le cose sono solo orientate al business e all'imprenditorialità. Gli ospedali devono "ripagare".

    Penso che questa sia la vera emergenza e l'abbiamo creata noi stessi nel nostro Paese. Questo è comprensibile anche a casa nostra a Neuhaus am Rennweg.

    Smettiamola di porci insieme la questione della colpa. Non escludiamo nessuno perché non fa qualcosa nel modo in cui lo facciamo noi.

    Prendiamo atto che anche l'altro può avere validi motivi. Consideriamo che anche l'altro può avere ragione.

    Rispettiamo solo la nostra Legge fondamentale:

    La dignità dell'uomo è inviolabile.

    Ogni individuo ha diritto alla vita e all'integrità fisica. La libertà di una persona è inviolabile.

    Tutti sono uguali davanti alla legge.

    Pratichiamo in modo particolare la tolleranza e comprendiamo i nostri simili,

    soprattutto per i nostri figli.

    Questo getterebbe una buona base per la nostra convivenza.

    Il tuo sindaco

    Uwe Scheler"
    fonte: https://www.neuhaus-am-rennweg.de/

    E ora ognuno va per la sua strada, senza metterla su un'altra come l'unica giusta possibile.
    O com'era con il pilota SAAB come colui che percorre percorsi non convenzionali e sta "al di sopra delle cose" a modo suo?

    • vuoto

      bravo sindaco

      Nel corso di questa pandemia, stiamo tutti imparando ogni secondo. Avvelena il clima di apprendimento e ostacola il progresso dell'apprendimento quando noi compagni studenti ci facciamo a pezzi ogni secondo sulla base dell'ultimo stato di presunta conoscenza e ci concentriamo sull'attribuzione della colpa invece di concentrarci sulla conoscenza successiva.

      Un'obiezione davvero buona e legittima, che contribuisce al dibattito ...

  • vuoto

    Ciao Tom,

    grazie per questo articolo chiaro e concreto.

    La tua opinione mi parla dal profondo del cuore e dai commenti degli altri lettori vedo che almeno la comunità Saab non ha perso di vista il tema della solidarietà.
    Questo mi rende un po' più felice di guidare una (due in estate) Saab (s)!

    Ci sarà una spinta la prossima settimana e sono pronto a vivere per un giorno o due con il freno a mano tirato. Soprattutto quando potrebbe aiutare a risparmiare a qualcuno del "gruppo vulnerabile" il destino di un'infezione da corona.

    saluti
    insinuato

    1
    1
  • vuoto

    Anche un secondo JFK probabilmente non sarebbe di alcuna utilità. Non è che nessuno dica la verità, ma pochi vogliono ascoltarti.
    Ad esempio, se fossi Karl Lauterbach, non avrei detto nulla per molto tempo, nessuno sembra ringraziarlo. Ora puoi dire ovviamente chi è Lauterbach, ma anche quando il ragazzo con i capelli arancioni ha consigliato ai suoi follower di vaccinarsi in estate, è stato fischiato.

    Quindi il problema sembra essere il messaggio piuttosto che l'ambasciatore. Si può presumere che chi grida di più sia in minoranza, altrimenti sarebbe la maggioranza silenziosa.
    Probabilmente avremo tutti il ​​nostro incontro con la "nuova" realtà e la vaccinazione continua mi sembra il modo migliore per sopravvivere.

  • vuoto

    Hey Tom,
    Con questo articolo ti sei superato ancora una volta: concreto, fondato, calmo. Eccellente e molto vantaggioso. Continuate così!!

    Ho ritirato il mio poster oggi e sono assolutamente d'accordo con te.
    Grazie a tutti
    Timo

    • vuoto

      ... booster ... (scusa)

  • vuoto

    Ciao Tom,
    Le tue osservazioni soprattutto sulla situazione attuale con noi, la mentalità di alcuni
    Persone e responsabilità personale per se stessi e per gli altri, posso sottoscrivere al 100%.
    Raramente si legge un'opinione così chiara e precisa su questo argomento con una convincente
    Formulazione art. Purtroppo il tuo commento probabilmente non verrà letto dai negazionisti del Covid e nemmeno loro si convinceranno. Si può solo sperare che questi parenti
    che parlano alla tua coscienza prima di bloccare i reparti di terapia intensiva o il
    Cappelle cimiteriali.

    2
    2
  • vuoto

    Grazie, Tom, per le tue parole, ognuna delle quali posso firmare. Ho anche anticipato il mio appuntamento di richiamo e lo riceverò lunedì prossimo. Originariamente si voleva aspettare i 6 mesi successivi alla seconda vaccinazione per non togliere nel frattempo il vaccino a nessuno, ma visto che la percentuale di chi non è perspicace è altissima qui in Austria, e saremo ben lontani da una vaccinazione tasso che si protrarrà per almeno mesi almeno permetterebbe una quotidianità più sicura, ho anche deciso di anticipare l'appuntamento.

    Fortunatamente, il sistema di test a Vienna e la gestione delle vaccinazioni funzionano alla grande, a differenza di quasi tutti gli altri stati federali e in contrasto con la disastrosa (ri)azione del governo federale e di quasi tutti i governi degli stati federali, qui sono state introdotte regole più severe in l'estate, in atto da settimane Pay, che però non vuol dire che ci venga risparmiato il quarto hard lockdown, con ingenti danni economici - e in alcuni settori come la vendita al dettaglio di abbigliamento, che ormai sta distruggendo business per il terzo stagione consecutiva, che significherà la fine definitiva per molte società.

    Rimani in buona salute - e se non sei ancora vaccinato, riconsidera la tua posizione - per il bene di te stesso, dei tuoi cari, amici e colleghi e della società nel suo insieme.

    2
    1
  • vuoto

    Ciao Tom,
    Mi scrivi al 100% con il cuore, grazie!
    È già stato "potenziato", i seguenti disturbi minori non sono degni di nota.
    Fate attenzione!

  • vuoto

    In questi tempi, in particolare, credo sia importante prendere posizione. Anche se non è sempre facile. Grazie Tom!

  • vuoto

    Grazie Tom per le parole così chiare e corrette. Sono pienamente d'accordo con te! Semplicemente non è comprensibile con il buon senso se ci sono ancora persone che negano Corona o cercano di negare la gravità della situazione con commenti stupidi e inappropriati. Sfortunatamente, queste persone esistono in tutti gli strati della popolazione. Mi ha fatto piacere che i lettori del nostro saabblog prendano una posizione positiva. Sfortunatamente, questo non è il caso ovunque.
    Giovedì farò anche la terza vaccinazione e ne sono felice. Nella mia cerchia di conoscenti, un 3enne è morto di Corona, senza alcuna precedente malattia!
    Spero che stiate tutti in salute.
    Grazie ancora Tom per le parole chiare.

    • vuoto

      Grazie Wolfgang (e tutti gli altri).

      In origine, il contributo dovrebbe essere dietro il paywall. Ma dopo che ieri sera mi è capitato di atterrare da Anne Will, e con orrore le argomentazioni avanzate lì da due politici (corretto: politici: dentro) ho dovuto sentire, ho deciso di andare. Mostrare la propria opinione è più che mai essenziale e sono lieto che i lettori vedano la situazione allo stesso modo.

      9
      2
  • vuoto

    Se vogliamo controllare il virus, TUTTI devono vaccinarsi. Quando le persone percorrono lunghe distanze, ricevono vaccini, che possono avere effetti collaterali davvero gravi. Poiché non ci sono oppositori anti-vaccinazione, tutti lo vogliono e a volte pagano pesanti contributi per questo.
    La vaccinazione corona è innanzitutto gratuita e, cosa più importante, non aiuta te ma anche gli altri
    Quindi a tutti noi!!!

  • vuoto

    Grazie!
    Il mio richiamo è stato sabato scorso, per la prima volta con mRNA.
    L'effetto è stato simile alla prima vaccinazione Astra... il giorno dopo un po' di febbre e stanchezza.
    Ma penso che tu possa tenerne conto.

    • vuoto

      ... è esattamente così che posso segnalarlo.
      Tuttavia, "solo" una leggera opacità, il freno a mano inserito è una buona immagine ;-).
      Quindi: tutti i lettori continuano ad avere una salute stabile!
      Si prega di continuare a osservare le regole dell'AHA. Semplice, efficace, indipendente.

  • vuoto

    Caro Tom,
    mi hai tolto le parole di bocca!
    Grazie!
    Lg di Vienna

  • vuoto

    Motivi per non aumentare

    … non ce n'è. Grazie Tom. A proposito, non devi essere schizzinoso riguardo al vaccino. Al contrario, diventa abbondantemente chiaro che l'effetto protettivo è tanto maggiore quanto più vaccini abbiamo combinato per la vaccinazione e i richiami.

    Questo è importante e una vera opportunità. Chi prende lo stesso vaccino tre volte ha fino al 20% in meno di protezione. L'immunità di gregge sarebbe completamente illusoria anche con un tasso di vaccinazione del 100%.

    Mescoliamo tutto e potenziamo. Da soli, non sarà abbastanza, ma i booster e un mix di vaccini sono passaggi molto preziosi che aumentano significativamente la protezione personale e la protezione della mandria ...

    • vuoto

      Il fatto che i vaccini "misti" dovrebbero essere significativamente più efficaci quando si vaccina una persona è un'affermazione che viene spesso fatta sulla stampa e poi cancellata dal tavolo come non dimostrata. Non sono in grado di giudicarlo, ma in base a tutte le informazioni a mia disposizione, non è così chiaro come suggerisce il commento sopra. Non è altrettanto chiaro che Moderna dovrebbe essere persino migliore di BionTech, cosa che l'incompetente ministro della salute vorrebbe farci credere.
      Inoltre: avrei dovuto annullare l'appuntamento con il medico di famiglia, dove ho ricevuto BionTech per la terza volta due settimane fa, e avrei dovuto cercare Moderna? La mia seconda vaccinazione è stata più di sei mesi fa, quindi prendi quello che puoi, il mio medico di famiglia non aveva una moderna. Sono felice di vivere in uno dei pochi paesi al mondo dove puoi vaccinarti senza problemi. Non potevo nemmeno scegliere che fosse BionTech tre volte (le prime due volte nel centro vaccinale, anche lì super organizzato), ho preso qualunque cosa fosse vaccinata. E credo sia giusto, invece di aspettare il lusso di poter “mescolare”. Tutto ha funzionato alla grande, perfettamente organizzato, proprio come nel centro vaccinale, e sono riuscito solo a rispondere alle poche domande con una crocetta. Farebbe bene a tutti noi lamentarci meno e ritenere gli altri responsabili, ma vivere più spirito comunitario. Tom ha assolutamente ragione.

      • vuoto

        Intendiamo entrambi la stessa cosa, penso...

        Non volevo chiedere alle persone di essere pignoli riguardo al vaccino. Ma al contrario. Citazione: "A proposito, non devi essere schizzinoso riguardo al vaccino".

        Penso che ogni vaccino approvato in D abbia la sua giustificazione in ogni punto della catena e, indipendentemente dalla combinazione o dalla monotonia somministrata, sia un buon primo, secondo o terzo anello...

        Con il mio commento, non volevo creare alcuna pressione sul mix, ma piuttosto ridurre i timori di un mix - interamente nel tuo spirito che ogni vaccinazione e ogni richiamo è meglio di un'omissione.

        Spero che possiamo essere d'accordo su questo.

        • vuoto

          Sì, lo siamo - pieno accordo! ?

  • vuoto

    Hai ragione Tom. Ben scritta. Si può dire anche per molti altri paesi.

  • vuoto

    Grazie!

  • vuoto

    Ciao Tom
    Mi scrivi con il cuore.
    Anche se Saab è solo un argomento marginale qui, va detto ...
    Saluto André

I commenti sono chiusi