NEVS si attiene ai piani: il fondatore di Evergrande dovrebbe pagare i debiti

La vita è difficile per i miliardari cinesi di questi tempi. Dovrebbe pagare Hui Ka Yan, fondatore del Gruppo Evergrande e almeno temporaneamente uno dei cinesi più ricchi. Con parte della sua fortuna privata, ora dovrebbe essere responsabile delle passività dell'azienda. Questa è l'opinione degli organi ufficiali. Tuttavia, la ricchezza si è notevolmente ridotta negli ultimi mesi. Nella lega dei più ricchi, Hui Ka Yan non è più in prima linea.

NEVS Berlina Concept CES Asia
NEVS Berlina Concept CES Asia

Ridurre la ricchezza privata

Il fondatore di Evergrande mantiene uno stile di vita decadente, non solo per le condizioni di vita comuniste. Uno yacht di 60 metri e un Airbus sono garantiti, la sua casa sulle colline sopra Hong Kong è valutata 100 milioni di dollari. All'inizio, la ricchezza privata era valutata in 42 miliardi di dollari. Nel frattempo si è sciolto a 7,8 miliardi di dollari, Hui Ka Yan si ritrova improvvisamente solo su Grado 360 di nuovo i miliardari.

I bei tempi per i super ricchi in Cina sembrano essere finiti. La politica ricorda le sue radici e da qualche mese rivendica benessere per tutti invece di ricchezza eccessiva per pochi. Come se questo da solo non fosse abbastanza preoccupante, gli organismi ufficiali chiedono l'uso di beni privati Rimborso delle passività del Gruppo Evergrande. La ricchezza privata sarebbe se Hui rispettasse, ma solo una goccia nell'oceano del debito, che è stimato intorno ai 300 miliardi di dollari. Hui Ka Yan non ha ancora risposto a questa richiesta, che non è all'ordine del giorno nemmeno per gli standard cinesi. Ignorare i "desideri" sarà difficile.

Il nuovo sviluppo "non significa nulla".

Ignorare, d'altra parte, è in cima alla lista a Trollhättan. L'annuncio di Evergrande di concentrarsi sul business delle auto elettriche in futuro messa a fuoco volere è stato positivo per il prezzo delle azioni (HK 0708), che da allora ha seguito una tendenza al rialzo. A Trollhättan ha incontrato l'indifferenza.

Il CEO di NEVS Stefan Tilk raggio anche che il cambio di rotta "non significherebbe". Almeno una posizione notevole nei confronti del proprietario dell'azienda.

NEVS sta ancora perseguendo il piano di separarsi da Evergrande ed è ancora in trattative con potenziali investitori e nuovi proprietari. La società non fornisce dettagli e anche il programma è aperto.

2 pensieri su "NEVS si attiene ai piani: il fondatore di Evergrande dovrebbe pagare i debiti"

  • vuoto

    ... come già scritto, investire denaro privato in azienda? Gli agenti immobiliari sono molto riluttanti a farlo. Vediamo come va!

    • vuoto

      Trovare una nuova prospettiva per un sito quasi vuoto non sarà facile. E ancora più difficile perché sai che Evergrande è molto indebitata e vuoi solo venderla per un sacco di soldi. Secondo me, NEVS può solo sognare che questo possa essere una realtà.

I commenti sono chiusi