Il 2021 non è il 2011 e NEVS non è Saab: il futuro di Stallbacka

Il 2021 non è il 2011 e NEVS non è Saab. L'aspetto preoccupato di Trollhättan è ovviamente dovuto a una sorta di sentimentalismo di Saab. Ma il futuro potrebbe nascere dai manufatti Saab, e la possibilità non è nemmeno così bassa. Anche se al momento c'è ancora molto da fare. Lo Stallbacka potrebbe avere una vera chance.

Fabbrica Saab a Stallbacka
Fabbrica Saab a Stallbacka

sentimentalismi Saab

Negli ultimi anni c'è stato un sacco di pio desiderio, un pensiero di Trollhättan. Sentimenti Saab che coltivi e di cui non puoi liberarti facilmente se conosci le persone che hanno progettato, disegnato o prodotto la tua auto. Anno dopo anno, NEVS si è allontanata ulteriormente da ciò che Saab era una volta. Ma ci sono ancora ex dipendenti Saab con i loro salari e quando cammini attraverso gli edifici puoi trovare manufatti dei vecchi tempi ovunque.

Il corso dello Stallbacka è stato a lungo determinato dalla Cina. Le tue (precedenti) ambizioni si sono ridotte al minimo. Ora la direzione si affida allo sviluppo del software, le grandi visioni di un tempo hanno guidato a lungo lungo il Göta Älv. Allo stato attuale, il proprietario di NEVS Evergrande non sarà più in grado di finanziare la sua avventura automobilistica da solo. Nessuno può prevedere se un investitore rileverà i veicoli quasi completamente sviluppati e i nuovi impianti, o se il gruppo verrà sciolto e solo le parti andranno a un acquirente.

Oggi Volvo non sarebbe più possibile

Tuttavia, è abbastanza certo che il futuro delle propaggini europee di Evergrande sarà messo a dura prova. Una storia come quella con Volvo, dove una sorprendente quantità di competenza ha ancora sede in Svezia, è oggi inimmaginabile. La politica industriale della Cina nel 2021 è più nazionalista rispetto al 2011

I grandi centri di sviluppo non sarebbero più stati costruiti a Göteborg, ma a Shenzhen o altrove nella Repubblica Popolare. Non è quindi molto probabile che NEVS continuerà ad esistere come fornitore di servizi di sviluppo per un gruppo cinese. Tanto quanto l'ingresso di un altro grande OEM a Trollhättan.

Ciò che ha parlato per Trollhättan nel 2011 non esiste più 10 anni dopo. La fabbrica di Trollhättan era considerata molto efficiente e moderna ai tempi di GM. Ora il vento fischia attraverso i padiglioni in gran parte vuoti che non erano in buone condizioni strutturali già nel 2011. L'impianto Saab è storia e parzialmente smantellato. Chiunque voglia produrre auto elettriche su larga scala oggi rifuggirà dalla complessa infrastruttura storicamente evoluta che si trova a Göta Älv.

Il possibile futuro nello Stallbacka

Ma questo non esclude il futuro. Perché NEVS e le strutture di Stallbacka hanno ancora risorse da offrire. Gli edifici con strutture di sviluppo e test potrebbero sembrare vecchi. Allo stesso modo la pista di prova in fabbrica. Ma servono ancora al loro scopo e la tecnologia è stata continuamente investita, anche se con cautela. Negli ultimi anni, NEVS ha guadagnato bene qui, fornendo servizi di ingegneria per altri marchi.

La posizione di Trollhättan, ai margini del distretto automobilistico di Göteborg, è ideale. I collegamenti di trasporto verso ovest sono efficienti, sia in treno che tramite strade moderne e ben sviluppate. Un porto proprio e un aeroporto direttamente presso lo stabilimento, che potrebbe essere in crescita e sarà ampliato. Le località industriali tedesche e le città di medie dimensioni sognano qualcosa del genere. A Trollhättan il sogno è realtà.

Gli Stallbacka torneranno svedesi?

La possibilità che un fornitore automobilistico possa unirsi a NEVS è alta. Se i proprietari cinesi rinunciassero all'impianto. In Svezia le persone stanno già giocando più o meno apertamente con questa opzione e c'è un elenco di aziende che potrebbero essere potenzialmente interessate alle capacità di NEVS.

La costruzione di veicoli non deve necessariamente essere un ricordo del passato. La produzione di serie più piccole per i nuovi arrivati ​​di auto elettriche come produttore a contratto sarebbe ancora possibile e il mercato sarebbe pronto per questo. Valmet ha mostrato la trasformazione in Finlandia. Dalla fabbrica Saab a un fornitore di servizi di successo internazionale che non solo lascia uscire le auto dalla linea di produzione.

Un'opzione per il futuro dello Stallbacka. In un momento, forse in Cina e Saab.

5 pensieri su "Il 2021 non è il 2011 e NEVS non è Saab: il futuro di Stallbacka"

  • vuoto

    Una tale impresa che è vuota, o quasi vuota; terribile. Spero che ci sarà una soluzione da qualche parte in modo che ci possano essere di nuovo attività per lo Stallbacka.

  • vuoto

    Tempi duri. In qualche modo senza fortuna con la Cina dal 2011 🙁 E per quanto riguarda Sono Motors, ci sono novità?

I commenti sono chiusi