Koenigsegg AB chiude la joint venture con NEVS

Grandi cambiamenti in Svezia. Koenigsegg AB conclude la sua joint venture per la produzione della Gemera con NEVS. La società di Ängelholm riacquista la quota del 65% di NEVS AB e rileva completamente la joint venture con il nome "Meneko". Koenigsegg si assicura così la produzione della Super GT del marchio.

Koenigsegg Gemera - da ngelholm dal 2023
Koenigsegg Gemera - da ngelholm dal 2023

Koenigsegg assume completamente Meneko

La joint venture è stata nel gennaio 2019 Chiuson stato. Koenigsegg e NEVS hanno concordato lo sviluppo e la produzione di veicoli con azionamenti alternativi. L'attenzione si è concentrata su elettrificazione, neutralità di CO₂ e un volume di produzione più elevato.

Parti dell'ex stabilimento Saab dovevano essere convertite per la produzione di componenti, Koenigsegg ha investito molto nell'espansione dello stabilimento di Ängelholm. Mentre l'espansione ad Ängelholm continua, lo stabilimento di componenti a Trollhättan sembra ormai essere un ricordo del passato. NEVS sta sprofondando sempre più nel vortice della crisi che circonda il proprietario Evergrande. L'adempimento di tutti gli obblighi nell'impresa comune "Meneko" non dovrebbe più essere garantito.

Christian von Koenigsegg (CvD) ha ringraziato i dipendenti di NEVS AB per l'eccellente collaborazione. Ha sottolineato che vorrebbe continuare questo con ulteriori progetti.

Gemera di ngelholm dal 2023

Per Koenigsegg, la Gemera, che sarà prodotta ad Ängelholm dal 2023, è un grande passo avanti nello sviluppo dell'azienda. Per la prima volta verranno prodotte 300 unità di un modello. Più che mai nella storia della casa automobilistica svedese. Koenigsegg ora impiega circa 500 persone, mentre l'ex partner deve ridurre la forza lavoro a circa 300.

Per NEVS, l'ultimo sviluppo è un'ulteriore battuta d'arresto. L'azienda, già segnata dal massiccio ridimensionamento e dalla crisi dei proprietari cinesi, sta perdendo un altro asset. Tuttavia, ha ancora una partecipazione del 20% in Koenigsegg AB.

Con immagini di Koenigsegg AB

8 pensieri su "Koenigsegg AB chiude la joint venture con NEVS"

  • Presumibilmente, nel corso dei licenziamenti di massa, NEVS non sarà più in grado di far fronte a tutti i suoi obblighi nei confronti di Koenigsegg. Gli argomenti per cui l'azienda dovrebbe sopravvivere a lungo termine stanno diventando sempre meno.

  • ... un potente vortice verso il basso agisce z. Attualmente a Göta Älv. Non è affatto carino.
    CvK scappa verso la riva sicura ... e SONO Motors ???
    Speriamo che non si fermi con la visione dei pannelli di muschio nell'abitacolo...
    Per non parlare di quello economico. Posizione Trollhättan. Da 10 anni lottano per il futuro di un luogo. Anche qui bello sembra diverso. Informazioni difficili all'inizio della settimana. Grazie comunque.

  • ... beh Koenigsegg ha più informazioni sul fatto che il cavallo sia già morto. Ci sono poche speranze per un buon sviluppo a Trollhättan e nemmeno in Cina

    • Ben detto.
      E anche poche speranze per Monaco di Baviera...
      Una volta che un cavallo è morto, non può nemmeno arare il campo della produzione a contratto per Sono Motors...
      Se CvR può acquistare la maggioranza (65%) di NEVS AB nella joint venture, questo la dice lunga.
      La dichiarazione di CvR di non vedere l'ora di ulteriori progetti con NEVS AB è stata parte delle trattative e ha sicuramente abbassato il prezzo per la quota del 65% in Meneko. Apparentemente la NEVS è con le spalle al muro, ha problemi finanziari e non ha rispettato gli obblighi concordati contrattualmente nell'ambito del comune. Hanno semplicemente dovuto rinunciare alla loro prestigiosa quota di maggioranza contro la loro volontà. CvR era libero di dettare i termini...

      Vorrei sapere quanti milioni di SKR alla fine è costato a NEVS AB ottenere una dichiarazione amichevole e certamente concordata contrattualmente da CvR per il presunto addio provvisorio, ma probabilmente molto più definitivo.

      • Penso che tu debba guardare la situazione in modo sobrio. NEVS riduce i costi laddove si tratta solo di "ibernare" finché (forse) non si trova un acquirente o un investitore. La società ha avuto una certa pratica in queste materie e KJJ ha avuto un momento molto difficile prima che Evergrande si unisse.

        L'altra domanda è se lo "svernamento" avrà successo. È probabile che l'interesse per la sede di Trollhättan sia diminuito in modo significativo negli ultimi anni.

        • Ben detto anche.
          Il problema con lo svernamento è che più esercizio fai, meno pancetta o cibo in scatola ti rimangono per il prossimo ...
          NEVS non ha mai avuto un'estate, non ha avuto raccolti. Ho letto l'ultima notizia che è iniziata la fase del cannibalismo. Anche questo può finire con un salvataggio. Molto, molto improbabile, ma teoricamente ancora un'opzione.

          CvR si allontana in tempo perché può e vuole. Se Sono Motors non lo fa, probabilmente dice di più sulle necessità di Sonos che sulle capacità di NEVS. Sfortunatamente.
          Koenigsegg è l'unico produttore di automobili in questa strana quadriga. Qualunque cosa accada a Evergrande, i tre aspiranti non possono più aiutarsi a vicenda con dichiarazioni di intenti senza consegnare auto. Dal PCC alla folla tedesca (un'alleanza molto strana, tra l'altro), la maggior parte di loro ora è d'accordo. In realtà, una buona notizia che Koenigsegg se ne stia tirando fuori.

          • Non oso fare previsioni con Evergrande o NEVS (leggi il blog domani - interessante). CvK agisce in modo coerente, aspettare e sperare non è un'opzione.

            • "per favore domani (…)"

              Ma certo. È sempre interessante qui.
              E per il momento non riesco a pensare a niente da solo. Non vedo l'ora di ricevere nuovi input.

I commenti sono chiusi