«Heja Sverige» - una mostra unica che ha entusiasmato!

Proprio per la festa nazionale svedese, domenica 6 giugno 2021, all'insegna del motto "Heja Sverige", si è svolta nella storica città di Unterseen una mostra unica di 35 auto classiche Saab e Volvo. Il totale di 70 classici rappresentano beni culturali svedesi e arte automobilistica dall'era dal 1950 al 2000.

Saab in primo piano, Torre sullo sfondo. Questo va bene.
Saab in primo piano, Torre sullo sfondo. Questo va bene.

I punti salienti della presentazione erano varie Saab 93 - 96, l'auto sportiva leggera Saab Sonett, una rara Volvo PV 831 del 1954, una rara PV 444 Model C del 1952, una PV 544 che ha viaggiato da Amburgo a Hong Kong e un P1800 e un Amazon 122 S, che ha percorso la rotta da Gstaad via Berlino a Pechino senza guasti. Inoltre, numerosi modelli storici sportivi e da rally di entrambi i marchi hanno arricchito la presentazione unica.

La mostra nel mezzo del pittoresco centro storico di Unterseen ha deliziato un vasto pubblico ed è stata un'occasione di grande successo e una promessa per il futuro.

"Heja Sverige" - Gli appassionati di Saab e Volvo hanno mostrato le loro auto d'epoca a Unterseen domenica 6 giugno 2021, festa nazionale svedese.

Volvo e Saab sono molto importanti

I veicoli Volvo e Saab sono sempre stati molto importanti in Svizzera. Sono considerati innovativi, durevoli e offrono un alto livello di sicurezza attiva e passiva, cosa altrimenti piuttosto rara nelle auto d'epoca.

All'attraente presentazione "Heja Sverige" nella storica città di Unterseen, domenica 6 giugno 2021, IG Swiss Volvo, in collaborazione con gli appassionati di Saab, ha mostrato un emozionante spaccato della storia della cultura automobilistica svedese. Sono stati presentati 35 modelli di ogni marchio dal 1950 al 2000.

Tra i classici di Trollhättan, i modelli Saab dal 93 al 96, l'innovativa Saab 99, la Saab 900 Cabriolet e le vivaci e leggere auto sportive Sonett hanno attirato l'attenzione in particolare.

Un peso massimo molto speciale è stato un raro Volvo PV 831 del 1954, passato alla storia come il leggendario taxi di grande capacità. Le Volvo PV 444 e 544 "Buckeli" erano altrettanto degne di essere viste e apprezzate, incluso un modello che ha resistito ai rigori di un viaggio di 15 km da Amburgo a Hong Kong. Il fatto che le Volvo siano estremamente robuste e a proprio agio nei lunghi viaggi è stato dimostrato anche da una P 000 Coupé e da un Amazon 1800 S, che hanno effettuato senza problemi il viaggio da Gstaad via Berlino a Pechino.

La presentazione della storia della cultura automobilistica svedese è stata completata dalle versioni sportive di Saab e Volvo, che hanno suscitato scalpore negli sport motoristici e di rally - ad esempio una Saab 96 V4 di successo con un enorme 185 CV, Saab Sonett II e III sintonizzati o una Volvo 850 T-5 R da 240 CV, che all'epoca era una delle station wagon più veloci sul mercato.

Una promessa per il futuro

Nell'occasione di successo "Heja Sverige" nella città di Unterseen, Petrus ha fatto la sua parte e ha viziato il pubblico con una giornata prevalentemente soleggiata e calda. Anche l'organizzazione perfetta è stata ben congegnata: per evitare ingorghi a Unterseen, i veterani sono stati raccolti presso l'aeroporto di Wilderswil, condotti in cinque convogli verso la storica città di Unterseen e posizionati secondo il "piano generale" sulla pista assegnata stand, a seconda del tipo di modello e dell'età o dell'unicità.

L'unico "Heja Sverige" nel municipio di Unterseen è storia e una promessa per il futuro.

5 pensieri su "«Heja Sverige» - una mostra unica che ha entusiasmato!"

  • vuoto

    PS
    C'è anche un P 145 Express rosso...
    Davvero un grande incontro con tante star che si stanno rubando la scena a vicenda. Eccezionale.

    PPS
    Si potrebbe scrivere un libro solo sull'Express. Nel caso qualcuno non lo sapesse, Volvo ha continuato a costruire la Duett (versione station wagon dalla gobba) fino all'apparizione dell'Express. Né il Kombi-Amazone né il normale 145 con il suo noto bagagliaio di grandi dimensioni sembravano a Volvo un sostituto adeguato. Volvo?

    Si dice che varie autorità svedesi abbiano avuto voce in capitolo all'epoca. La continuazione del duo ha richiesto autorità forestali, ufficio postale, telefono e militari. Fu solo con l'Express che lo stato permise a Volvo di interrompere il duetto senza timore di sanzioni.

    A quel tempo, lo stato svedese aveva molta leva e influenza sulla politica modello. Il Duett non ha raggiunto un volume elevato ultimamente e l'Express è sempre stato esotico. Non ne è valsa la pena per Volvo. O forse.,.

    Il Duett e l'Express sono stati finanziati con finanziamenti incrociati alla fine oa vita. Ad esempio, attraverso l'acquisto di camion e altri veicoli - anche da parte dello stato, delle autorità ...

    In diverse circostanze molto speciali, l'Express probabilmente non sarebbe mai esistito. Ancora una volta, un grande incontro! ! !

  • vuoto

    ... deve essere stata una giornata fantastica.
    Grazie per le tante belle foto, di cui essere entusiasti.

  • vuoto

    Le macchine erano davvero grandi film.

    Raramente ho visto così tante Saab e Volvo splendidamente restaurate insieme.

    La star della mostra per me è stata una decappottabile 900 Turbo Monaco giallo, che purtroppo è stata lì solo per un tempo molto breve.

    Per me è stata la domenica più bella degli ultimi mesi e ho fatto un meraviglioso viaggio di andata e ritorno sui percorsi che percorrevo regolarmente con i miei veterani anni fa.

    Alla mia decappottabile 9-3 piaceva su queste strade quasi quanto le mie Guzzi di allora.

  • vuoto

    È stata una grande occasione e di grande successo! Grazie per il bel report e per le belle foto!

    • vuoto

      Grande. Altri 2.000 grazie a C. Bleile per articoli e immagini. È stato di nuovo un grande piacere per me...

      Se potessi scegliere qualcosa, vorrei il 96 con 185 CV - o il suo opposto, l'enorme e accogliente taxi di Göteborg con il suo motore anteguerra lento ma indistruttibile ...

      Oppure, o, o uno dei tanti altri tra questi due estremi. Un incontro fantastico, senza dubbio...

I commenti sono chiusi