La casa automobilistica più verde del mondo

La corsa per diventare la casa automobilistica più ecologica del mondo è iniziata. In generale, la poesia di marketing qui non conosce limiti. Se premi l'acceleratore, i produttori promettono divertimento senza rimpianti. Finché una grande batteria fornisce l'energia necessaria. Questo non ha senso. Ogni auto ha un account CO2, indipendentemente dal tipo di guida che hai selezionato. C'è anche un nuovo termine per il fenomeno della presunta compatibilità ambientale.

Saab 9-3x Concept

Questo si chiama greenwashing.

Una tendenza globale e tutti i big player ci sono. Non importa se si tratta di una catena di fast food americana o di una casa automobilistica della Bassa Sassonia. Vogliono tutti una verniciatura verde. Particolarmente apprezzati sono i sussidi statali per l'acquisto di una nuova auto elettrica. La mobilità tedesca sta diventando ecologica, il paese è in prima linea nell'UE quando si tratta di mobilità elettrica.

Ma la Germania e la sua industria automobilistica dipendono dal calo dei sussidi. Rottamazione premium 1.0 e 2.0, supporto nell'acquisto di auto elettriche. In un mercato maturo e saturo, la droga dell'abitudine si insinua. Le differenze con la Cina, dove da anni si segue un percorso simile, si fanno sempre più sfumate. In questo momento, la domanda si sta leggermente indebolendo in alcune regioni cinesi. Come misura preventiva, questa settimana l'amministrazione di Pechino ha adottato ulteriori misure di sostegno per stimolare la domanda.

Ma cosa fanno davvero le auto moderne per l'ambiente? Siamo modelli di ruolo o i sussidi stanno solo aiutando l'industria e stiamo davvero sprecando risorse scarse?

Scartato ed esportato.

Un quadro inquietante emerge quando si osa guardare oltre i confini nazionali. Spingere le automobili in un mercato sano attraverso i sussidi sta causando problemi altrove. In alcune regioni dell'Africa, per esempio. Dove il rottame europeo viene demolito in condizioni incredibili. Le materie prime vengono riciclate, il che in teoria è positivo. Ma il prezzo che le persone e la natura pagano a livello locale è crudele.

Anche le vecchie auto tedesche che non sono così vecchie stanno invadendo i mercati dell'Europa orientale. I tedeschi non sono considerati particolarmente intelligenti a livello locale. Dovresti guidare le loro macchine più a lungo, si sente in un post di televisione bavareseche ha scritto un documentario impressionante sull'argomento. Con toni sorprendentemente critici che difficilmente ti aspetteresti dalla stazione di Monaco. E questo non rientra nemmeno nel mainstream del panorama mediatico tedesco. Circa 45 minuti si tratta della realtà e di come possiamo utilizzare le risorse in modo più intelligente.

Vale la pena vedere.

Risolvere alcuni problemi sarebbe incredibilmente facile. Perché alla fine, potrebbe esserci l'intuizione che l'auto migliore è quella che non viene nemmeno prodotta. E che, in linea di principio, dovresti consumare meno e usare le cose più a lungo per risparmiare risorse. Guidare più a lungo la vecchia auto non impressiona i vicini o i parenti, ma fa risparmiare denaro e l'ambiente.

Il che ci riporta alla domanda chiave. Chi è la casa automobilistica più ecologica del mondo?

Probabilmente quello che costruisce vicino a nessuna macchina. Il che ci riporta alla casa di Saab e Trollhättan. NEVS lavora negli ex padiglioni Saab da 9 anni. Una casa automobilistica che da allora non ha visto quasi nessuna nuova auto sulla strada.

Nell'anno 2021 ce ne sono stati 2 finora, come le statistiche di Bilsweden Spettacoli. Ovviamente puramente elettrico.

12 pensieri su "La casa automobilistica più verde del mondo"

  • vuoto

    Ieri, domenica, visita alle Giornate svedesi a Untersseen / Svizzera. Grande corsa per la Saab 9-5 V6 costruita nel 1999, circa 340 km su strade svizzere, guida rilassata e fluida, senza trambusto, dovresti guidare nella tua X5,6, nella tua Q comunque e in altri serbatoi simili, veicoli armati a fessura, di colore nero scuro. Il V6 fa le fusa soddisfatto da solo, i sedili della versione SE sono un sogno, l'auto nel suo semplice design svedese comunque.
    Portato alla stazione di servizio poco prima di casa. 29.7 lt riempiti su 344 km. Uno calcola. Questo dà una media di 8,6 litri per 100 km e quella con un'auto di 22 anni con un motore da 3.0 litri e automatico. L'auto di oggi può fare di meglio? Certo, in Svizzera non esiste una guida veloce, molto traffico e un rigoroso controllo della velocità. Scivoli lì e goditi questa meravigliosa sensazione celeste di guidare l'auto perfetta per me, è una Saab!
    L'occasione è stata grandiosa, tra l'altro. Penso che ci sarà sicuramente un'altra segnalazione sul blog.

    • vuoto

      "L'auto di oggi può fare di meglio?"

      Questo è pazzesco. La politica e i media per lo più dicono di sì. E probabilmente anche la maggioranza dei cittadini.
      Hai la certezza di conoscere qualcuno che risponderebbe a questa domanda con un chiaro sì e ti sfregherebbe sotto il naso che avrebbe avuto bisogno di una media di 7 litri con il suo SUV su questo percorso e che questo SUV soddisfa già Euro 0815 o addirittura Euro 4711.

      Se il SUV è un diesel, a qualcuno piace dimenticare che il potere calorifico del diesel è più alto e che viene emessa più CO2 per litro, che i suoi 7 litri corrispondono anche a 8 litri di benzina. Soprattutto a questo qualcuno, ai media e alla politica piace dimenticare il bilancio complessivo...

      Il risparmio del 5% di CO2 in azienda è ovviamente già il grande successo. Quella nuova auto di oggi con le sue 2 tonnellate e più, con il suo zaino pieno di risorse e CO2 non reggerà mai una candela per il tuo 9-5,
      supera la comprensione e travolge l'intelletto...

      Purtroppo (quasi) nessuno ci crede. Ci sono anche pochissimi equilibri complessivi. E non ci sono quasi statistiche al riguardo.

      Al contrario, ci sono almeno mille e un calcolo di quanto carburante, elettricità, CO2, metano o ossidi di azoto risparmieremmo se avessimo tutte le auto nuove, tutti i vecchi edifici fossero imballati in polistirolo dello spessore di 30 cm e possedessimo solo lavastoviglie, lavatrici di ultima generazione e niente più latte di ruminanti che scoreggiano e ruttano nell'espresso.

      Ciò che tutte queste statistiche hanno in comune è che quasi nessuna di esse si basa su un bilancio complessivo. I presunti risparmi - di qualunque cosa - fluiscono sempre in modo affidabile al 100%. Al contrario, si sembra altrettanto attendibile invano per un calcolo di dove si trova il punto debole.

      È sempre solo bianco e nero. Prima compri una nuova auto, il nuovo frigorifero, la nuova lavatrice, il nuovo riscaldamento, prima avvolgi la tua casa nel polistirolo e passi al latte di soia, meglio è ...

      Non può essere giusto. Ci deve essere un punto debole per tutto. Una certa vita utile a cui ha diritto un prodotto che è già stato realizzato. Se non altro perché non possiamo impilare gli zaini quanto vorremmo, ma dobbiamo prima di tutto rimuoverli...

      Non può essere, ed è anche un'assurdità sbattuta, quando presumibilmente non esiste più un punto così debole, quando l'ultimo prodotto (che sia un frigorifero, una lavatrice o un'auto) deve essere acquistato il prima e il più presto possibile ...

      Sarebbe come accelerare semplicemente produzione e consumo per salvare la nostra terra.

      In effetti e sfortunatamente stiamo facendo una gara del genere ...

      Ha un impatto positivo sulle statistiche nazionali. Conduce regolarmente a rapporti di successo nazionali. X o Y ha ridotto la domanda di elettricità delle famiglie. X o Y ha ridotto dell'2% le emissioni di CO1,9 o ossidi di azoto nel trasporto privato. E così via.

      Senza un equilibrio generale, tutto questo è solo una sciocchezza.

      8
      1
    • vuoto

      Ciao aero50
      Grazie per aver visitato Unterseen. Abbiamo fatto una breve chiacchierata domenica all'ingresso della mostra. E sì ... per oggi sul blog è annunciato un servizio su Heja Sverige.
      Tieni Saabing

  • vuoto

    Greenwashing...

    è un termine bello, perché azzeccato.
    Mi sembra che l'intera nazione sia in questo viaggio, come se fosse campione del mondo di greenwashing. Ancora una volta i tedeschi stanno facendo qualcosa di particolarmente accurato.

    Abbiamo gli ultimi frigoriferi, gli ultimi veicoli diesel e così via. Non siamo solo campioni mondiali dell'esportazione nell'industria, ma anche nell'usato. In altre parole, siamo campioni del mondo nel buttare via.

    Sta diventando sempre più difficile per la nostra economia dell'usato. Auto, autobus, camion e aerei vengono esportati sempre più di recente perché mettono a dura prova la coscienza tedesca e, soprattutto, le statistiche ambientali.

    Se "pensare globale, agire locale" è interpretato in modo tale che i problemi possano essere semplicemente esportati (ad esempio un diesel con Euro 5) e quindi tutto va bene a livello locale e quindi serve il globo, allora il detto significativo è stato travisato al massimo.

    Ma è stato un greenwashing riuscito della coscienza nazionale!

    10
  • vuoto

    ... mi viene in mente un articolo che è stato letto di recente qui:
    Citazione: come questa 96 V4 del 1972.
    Si dice che il suo proprietario abbia vissuto una vita interessante. Ovviamente è stato anche adempiuto. La signora viveva nell'estremo sud del paese, ...
    Penso che questa signora vivesse in modo frugale, sostenibile si direbbe oggi. Il frigorifero era riempito in modo appropriato, la mobilità era possibile. Calma. SOLO 1 SAAB in fattoria ;-).
    Penso che la signora abbia vissuto la sua (forse) "pretesa".
    Resta aperto se la signora avrebbe partecipato a un bonus di rottamazione svedese ...
    Tuttavia, per decenni è stata soddisfatta del suo acquisto SAAB. Meraviglioso.
    Un esempio.
    Dal mio punto di vista (cliente), l'e-way nelle automobili è una strada sbagliata.
    Dal punto di vista di un rivenditore, potrei vederlo "diverso" ... da un punto di vista globale, molto smaltimento dei rifiuti.

    11
    1
  • vuoto

    Si può solo essere d'accordo con questo. Oggi ho pensato a cosa comprerei se, diciamo, vincessi alla lotteria. Due o tre Saab e poi forse, se c'è abbastanza spazio, una piccola auto elettrica.

    11
  • vuoto

    Tom, qual è il grande design della piccola Saab sopra Greenwashing? Era un prototipo che non è mai stato costruito, ma sarebbe ancora oggi totalmente entusiasta!

    • vuoto

      Questo è il concept 93-X (o 9-3 X) di Michael Maurer. Le luci posteriori sono arrivate così sulla 9-3 II SC, i cerchi nella versione Aero. Sfortunatamente, il tetto in vetro diviso non è stato prodotto in serie.

      Maurer è stato solo brevemente alla Saab. Dopo che se n'è andato, ha detto che non si era mai sentito particolarmente a suo agio lì. E la direzione non presta al design l'attenzione che merita. C'era qualcosa. Oggi fa un ottimo lavoro in Porsche. Oserei dubitare che abbiano riconosciuto il grande talento di Maurer alla Saab.

      • vuoto

        Grazie mille per il feedback interessante, Tom, che peccato, perché era un design molto stimolante che vorresti acquistare immediatamente e che sarebbe ancora molto vantaggioso per le nostre strade oggi ... LG Ulrich.

  • vuoto

    Il contributo nel BR è già stimolante. Se contaminiamo intere aree dell'Africa con la nostra spazzatura, nonostante tutte le leggi verdi, allora non riesco a pensare ad altro.

    Un motivo in più per tenere le mie/nostre seghe e per prendermene cura.

    17
  • vuoto

    ... oh, i vicini sono spesso colpiti da quanto sia alla moda un vecchio SAAB. Se chiedi ai nuovi acquirenti di auto cosa può fare la nuova auto meglio di quella vecchia, spesso non c'è molto, ... portellone posteriore automatico o sistema di navigazione migliore. Bene, al momento le auto elettriche non sono davvero un'alternativa, ma se sono adatte alla giornata, le nostre SAABe sembrano vecchie.

    • vuoto

      Sì certo, il tempo è implacabile. Saab va alla deriva nel mondo dei giovani e dei classici e ad un certo punto diventa un hobby. Le vecchie auto quindi difficilmente svolgono un ruolo nella vita di tutti i giorni.

      Le auto elettriche sono accettabili se l'infrastruttura di ricarica è corretta. Caricamento facile, una carta invece di mezza dozzina, prezzi trasparenti e molte opzioni di caricamento. Solo allora funziona.

      12

I commenti sono chiusi