Il patrimonio culturale svedese visita Unterseen

Proprio in occasione della festa nazionale svedese di domenica 6 giugno 2021, nella storica "Stedtli" di Unterseen si svolgerà un'esibizione unica di 30 Saab e 60 auto d'epoca Volvo con il motto "Heja Sverige". Il totale di 1950 classici rappresentano i beni culturali svedesi e l'arte automobilistica dell'era dal 2000 al XNUMX.

Coppia svedese: Volvo P121 e Saab 96
Coppia svedese: Volvo P121 e Saab 96

I punti salienti della presentazione sono varie Saab 93-96, l'auto sportiva leggera Saab Sonett, una rara Volvo PV 831 del 1953, una PV 544 che ha guidato da Amburgo a Hong Kong e una P1800 che ha percorso il percorso da Gstaad a Berlino via Berlino senza guasti Pechino è rimasta sotto le ruote.

Inoltre, vari modelli storici sportivi e da rally di entrambi i marchi arricchiscono la presentazione unica.

La mostra nel centro del centro storico di Unterseen è pubblica e gratuita. Il famoso ristorante Stadthaus offre il benessere culinario in loco con alcune prelibatezze svedesi.

"Heja Sverige"

Gli appassionati di Saab e Volvo mostreranno le loro auto d'epoca a Unterseen domenica 6 giugno 2021, festa nazionale svedese.

I veicoli Volvo e Saab sono sempre stati molto importanti in Svizzera. Sono considerati innovativi, durevoli e offrono un alto livello di sicurezza attiva e passiva, cosa altrimenti piuttosto rara nelle auto d'epoca.

All'attraente presentazione "Heja Sverige" nella storica città di Unterseen domenica 6 giugno 2021, IG Swiss Volvo, in collaborazione con gli appassionati di Saab, mostrerà un emozionante spaccato della storia dell'ingegneria automobilistica svedese. Saranno presentati 30 modelli di ogni marca dall'era 1950-2000.
Particolarmente attraenti tra i classici di Trollhättan sono i modelli Saab da 93 a 96, l'innovativa Saab 99, la Saab 900 Cabriolet e le vivaci e leggere auto sportive Sonett.

Un peso massimo molto speciale è il modello più antico della mostra: una rara Volvo PV 831, passata alla storia come il leggendario taxi di grande capacità. Altrettanto degni di essere visti e apprezzati sono i "Buckeli" -Volvo PV 544 - compreso un modello che ha resistito ai rigori di un viaggio di 15 km da Amburgo a Hong Kong. Il fatto che le Volvo siano estremamente robuste ea proprio agio nei lunghi viaggi è dimostrato anche da una P 000 Coupé, che ha dominato senza problemi il viaggio da Gstaad via Berlino a Pechino.

Una rarità: Volvo PV831
Una rarità: Volvo PV831

La presentazione della storia della cultura automobilistica svedese è completata dalle versioni sportive di Saab e Volvo, che hanno fatto scalpore negli sport motoristici e da rally, ad esempio una Saab 96 V4 di successo con un enorme 185 CV, una Saab Sonett II e III sintonizzata o una Volvo 850 T-5 R da 240 CV, che all'epoca era una delle station wagon più veloci sul mercato.

In linea con il motto "Heja Sverige", l'aurora boreale automobilistica sarà presentata domenica 6 giugno 2021, ovvero durante la festa nazionale svedese! I classici si possono ammirare dalle 11:16 alle XNUMX:XNUMX nella storica Stedtli di Unterseen. Una visita è addolcita da prelibatezze svedesi come i pregiati panini alla cannella "Kanelbullar" e altre prelibatezze offerte dal ristorante Stadthaus.

Saab: un produttore di aeromobili costruisce automobili

Saab, l'abbreviazione di Svenska Aeroplan Aktiebolaget, è stata fondata in Svezia prima della seconda guerra mondiale per costruire aerei militari. Dopo la fine della guerra, gli impianti di produzione abbandonati sulla costa occidentale svedese a Trollhättan furono utilizzati per la produzione di automobili. Non sorprende quindi che la prima vettura, la Saab 92, costruita da ingegneri aeronautici e presentata nel 1947, avesse un design aerodinamico distintivo ed fosse anche la prima automobile ad avere una cellula passeggeri rinforzata con protezione dagli impatti laterali e protezione contro il ribaltamento.

Saab 93
Saab 93

Altre innovazioni che Saab è stata la prima marca a introdurre includevano il sistema frenante diagonale a doppio circuito (1963), il tergicristallo e il sistema lavafari (1970), sedili riscaldati elettricamente, paraurti autoriparanti (entrambi nel 1971), filtri aria abitacolo ( 1978), e turbocompressore per veicoli di serie (1977), accensione diretta SDI (1985), poggiatesta attivi per ridurre le lesioni da colpo di frusta (1997), sedili anteriori ventilati (1997) o Night Panel (1993), per citare solo un pochi.

La Saab 92 è stata ulteriormente sviluppata. La Saab 1956 seguì nel 93 e due anni dopo la prima Saab Kombi 95. La Saab 1960 ebbe molto successo dal 96, sia nelle vendite che come veicolo da rally. Erik Carlsson ha vinto il Rally di Monte Carlo due volte su un 96 contro concorrenti con molta più potenza. Dal 1967, al posto del precedente motore a 2 tempi a tre cilindri fu installato un motore V4 Ford. La Saab 96 è stata costruita fino al 1980, in parte anche nello stabilimento finlandese Valmet a Uusikaupunki.

Saab sonetto
Saab sonetto

Grazie all'iniziativa di ingegneri di sviluppo energici e percorsi decisionali brevi, Saab ha anche creato progetti entusiasmanti come l'auto sportiva Sonett. Solo sei delle prime versioni aperte furono costruite nel 1956. Nel 1966 seguì la coupé sportiva Sonett II, del peso di appena 660 kg (1 unità, di cui 890 con il motore tre cilindri 258 tempi) e nel 2 l'auto sportiva Sonett III leggermente più grande, di cui furono prodotte 1970 unità.

Innovativa Saab 99 e la prima con turbocompressore.

Uno sviluppo completamente nuovo con numerose innovazioni fu la più grande Saab 1968 con tre volumi nel 99, che era disponibile anche come pratica 1974 L Combi Coupé dal 99. E la Saab 99 è stata la prima auto prodotta in serie ad essere alimentata da un turbocompressore del 1977. Un concetto che viene utilizzato oggi in tutti i motori a combustione interna. La fortunata Saab 99, che è stata costruita fino al 900 in varie varianti di carrozzeria e potenza, inclusa una cabriolet a quattro posti dal 1998 in poi, è stata ulteriormente sviluppata dalla serie 1986.

Saab 99
Saab 99

Nel 1984 Saab lanciò il 9000, un modello di fascia medio-alta, basato su un concetto di sviluppo con il gruppo Fiat, ma caratterizzato da soluzioni tecniche forti e indipendenti.

L'integrazione nel gruppo GM

Dopo le perdite alla fine degli anni '80 e il fallimento dei piani di cooperazione con Ford, Saab ha avviato una collaborazione con la società americana General Motors. Ciò ha portato alla seconda generazione della Saab 1993 nel 900 e, dal 1997, alla Saab 9-5, il successore della Saab 9000. Nel gennaio 2000, GM ha rilevato il restante 50% delle azioni e ora possedeva interamente Saab Automobile.

Sotto la guida di GM non è stato possibile creare Saab Automobile economicamente. Tuttavia, Saab ha dovuto fare molto lavoro di sviluppo per il gruppo americano. A causa del fallimento di GM nel 2009, Saab è stata venduta al produttore di piccole serie Spyker, che non ha potuto raccogliere i fondi necessari per riorganizzare l'azienda. Quando quest'ultimo si è ritirato, GM ha rifiutato di cedere le licenze per i prodotti esistenti a nuovi acquirenti che erano disposti ad acquistare, bloccando così tutte le trattative di vendita. Di conseguenza, Saab Automobile AB ha dovuto essere sciolta nel 2012.

Volvo - Rotolo

Il nome Volvo deriva dal latino e significa "I roll". Nel 1915, Svenska Kullagerfabriken Aktiebolaget SKF brevettò il cuscinetto a sfere Volvo e nacque il marchio. Nel 1924, AB Volvo è stata fondata come filiale della SKF. Il primo modello Volvo nel 1927 fu la ÖV4 «Jakob», un'auto a quattro cilindri aperta. La PV4 è seguita come automobile chiusa (ÖV sta per auto aperta, PV per autovettura).
Fu solo dopo la seconda guerra mondiale e il miglioramento della situazione economica che Volvo prese velocità.

Volvo Amazon
Volvo Amazon

Il dodicesimo modello, la Volvo PV444 (1947) e il suo successore, il PV544, noto anche come la megattera Volvo (1958), ottennero il successo internazionale. La cintura di sicurezza a tre punti, tra l'altro un'invenzione Volvo, è stata installata per la prima volta su questo modello.

La generazione successiva fu la serie Volvo P120 / 130, nota anche come Amazon, di cui furono costruiti oltre 1956 veicoli dal 1970 al 660. È stato il primo veicolo al mondo con poggiatesta di serie (000).

Sorprendentemente, Volvo presentò nel 1961 un'auto sportiva, la Volvo P1800, che rimase nella gamma fino al 1973 con varie varianti di motore da 90 a 124 CV. La P1800 della serie televisiva "Simon Templar" con Roger Moore nel ruolo principale è nota a molti. In vista del model year 1972, una variante lifestyle è stata presentata come la P1800 ES con una combinazione vetrata posteriore, che ha portato al soprannome di "bara di Biancaneve".

Il nuovo design funzionale caratterizza Volvo come una "safety car"

Con la prossima generazione, la serie P140 (1966), Volvo ha presentato un nuovo design angolare che ha anche richiamato visivamente l'attenzione sulle elevate caratteristiche di sicurezza. Un'altra novità per Volvo fu l'ingresso nella classe di lusso con il lussuoso P164 (1968).

Celebrati successi nei rally: Volvo PV544
Celebrati successi nei rally: Volvo PV544

Nell'estate del 1974, Volvo presentò la serie successiva 240/260, che fu costruita per 19 anni e ne furono venduti circa 2,8 milioni. La serie di modelli è stata completata dalla Coupé 262 C con un motore a sei cilindri (1977) progettato da Bertone.

Volvo ha anche ampliato la sua gamma di prodotti verso il basso e nel 1975 ha acquisito la divisione auto della società olandese DAF. La serie 300 è stata prodotta nello stabilimento olandese, di cui il modello 340 era disponibile anche con il cambio Variomatic a variazione continua.

Più grande, più forte e più diversificato

La serie 240, introdotta nel 1982, era leggermente più grande della serie 700. Inizialmente, nel modello 760 fu installato un motore a sei cilindri, destinato principalmente a garantire il successo di Volvo nel mercato statunitense. Anche la nobile Bertone Coupé 780 (1985) era orientata verso l'America. Il 740 (1984) con un motore a quattro cilindri e diverse varianti di carrozzeria e motore ha assicurato volume in Europa. Particolarmente apprezzate sono state le versioni station wagon angolari del 740/760, il loadmaster per eccellenza.

1967 Volvo 1800 S "ST1" da "The Saint" (serie TV)
1967 Volvo 1800 S "ST1" da "The Saint" (Serie TV)

Nel 1986, Volvo presentò la 480, una station wagon sportiva che presentava elementi di design della P1800 ES ed era la prima trazione anteriore dell'azienda. Dal 480 la Volvo 1988 fu integrata dalle berline 440 e 460, che erano volutamente destinate a un gruppo di acquirenti più giovane. La serie 400 è stata prodotta nei Paesi Bassi.

Nel giugno 1991 Volvo presentò un'automobile completamente nuova: la Volvo 850. Con 16 miliardi di corone svedesi (4 miliardi di franchi svizzeri) rappresentava il più grande progetto industriale nella storia dell'azienda di Göteborg e rappresentava una pietra miliare per l'ulteriore sviluppo dell'azienda.

Le serie 700 sono state sostituite dalle serie di modelli 1991 e 940 nel 960. Come per il predecessore, molte parti della carrozzeria erano realizzate in lamiera d'acciaio zincata, che, in combinazione con i robusti motori, consentiva chilometraggi molto elevati. I veicoli con oltre mezzo milione di chilometri non sono rari.

Nel 1999, Volvo è stata rilevata da Ford. Nel marzo 2010, Ford ha venduto la Volvo Car Corporation alla società cinese Geely. Sotto di lui, Volvo riacquistò la dovuta indipendenza e fu in grado di svilupparsi continuamente

6 pensieri su "Il patrimonio culturale svedese visita Unterseen"

  • @ C. Bleile,

    1.000 grazie per questo fantastico articolo e le immagini. È stato un grandissimo piacere per me.

    Grande. Grazie.

  • Purtroppo non riesco ad arrivare a Unterseen dal Belgio in tempo. Quindi una richiesta; dacci molte immagini di questo bel incontro tramite questo blog in modo che possiamo sperimentare tutto. Complimenti da ora in poi per l'organizzazione di questo evento.

  • Un bell'evento in Svizzera. Congratulazioni per questa fantastica idea in combinazione con la festa nazionale svedese. E grazie a Tom per l'automobile svedese “Schnelllauf”, che vale la pena leggere ;-).
    Sulla base dei dati di registrazione reali, è già chiaro cosa fosse un SAAB "nano" a Trollhättan ...
    … 240/260, che sono stati costruiti per 19 anni e venduti circa 2,8 milioni di volte = circa 147.000 pezzi all'anno! Da un modello !! Tuttavia, mostra anche che era possibile mantenere a lungo una serie di produzione e continuare a vendere volumi.
    Naturalmente potrebbe essere chiaro anche nei primi anni. ne furono venduti più 240 ziger e alla fine solo dosi omeopatiche ...
    Rimane un ciclo di produzione straordinariamente lungo. Allora potevi in ​​modo sostenibile ...

    • @ Aero-9-3

      è ancora più folle. Come se 19 anni di 240 non fossero sufficienti per la sostenibilità, la serie in realtà non è altro che la continuazione e la modifica del 140. In precedenza era uscito dalla catena di montaggio per 8 anni e dal 1966.

      Volvo ha installato gli stessi parabrezza in entrambe le serie per 27 anni (ad esempio). Il rapporto tra le due serie e la loro sovrapposizione nel design e nella tecnologia sono troppo diversi per essere elencati qui ...

  • Un barlume di speranza! Sono felice per gli amici Saab in Svizzera 🙂

  • Finalmente un evento SAAB può essere tenuto di nuovo. Siamo contenti!
    Ci vediamo a Unterseen

    Mantieni SAABing Daniel

I commenti sono chiusi