Evergrande Auto raccoglie 1.4 miliardi di dollari alla borsa di Hong Kong

Il collocamento del 2,7% delle azioni alla Borsa di Hong Kong ha portato giovedì scorso 1.4 miliardi di dollari nelle casse di Evergrande Auto. Per gli investitori c'era uno sconto del 20% sul prezzo corrente, come il Automotive News segnalato. La vendita è di una certa importanza. Per Evergrande, il posizionamento di successo porta prospettive per il futuro, in quanto apre la strada alla quotazione alla Borsa di Shanghai.

Nuovo capitale per Evergrande Auto
Nuovo capitale per Evergrande Auto

Con la cessione del 2,7% delle azioni, la quota delle azioni detenute dai 9 maggiori azionisti scende sotto la soglia magica del 90%. Gli azionisti provengono tutti dalla cerchia d'élite dei miliardari cinesi che hanno reso la società madre uno dei più grandi sviluppatori immobiliari del paese. Il suo dominio è stato rimproverato dalle autorità di regolamentazione ed è stato visto come uno degli ostacoli al suo debutto in borsa a Shanghai.

Riducendo la propria partecipazione, Evergrande Auto soddisfa una delle condizioni per la futura quotazione alla Borsa di Shanghai. Semplifica l'accesso al mercato dei capitali cinese e l'ulteriore espansione.

Il prezzo delle azioni scende

Il prezzo dell'azione si sta ora allontanando sempre più dal precedente massimo di circa € 8,00 ed è stato quotato solo all'equivalente di € 4,60 venerdì. Gli elogi anticipati sono ovviamente esauriti, la fantasia da sola non basta per sempre a giustificare il voto alto.

I fatti concreti sarebbero utili per sostenere la pretesa di una futura leadership di mercato. O nuove auto elettriche sulla strada. Ma mancano ancora molto tempo, così come l'inizio della produzione, che dovrebbe avvenire al più tardi nell'ultimo trimestre del 2021. Poi subito in 3 stabilimenti, a Tianjin, Shanghai e Guangzhou. Lo stabilimento di Tianjin è stato costruito e messo in funzione sotto la direzione di NEVS.

Linea di produzione Evergrande a Tianjin con auto elettrica NEVS 9-3
Linea di produzione Evergrande a Tianjin con auto elettrica NEVS 9-3. Credito fotografico: finet.hk

Nell'estate del 2019 sono state lanciate le prime auto elettriche basate su Saab 9-3 Nastro. La produzione non durò a lungo e lo stabilimento fu ricostruito poco dopo per espandere la sua capacità.

Dato che al momento non hai nient'altro da mostrare, cerchi di stupire con i numeri. Evergrande Auto afferma di aver depositato 3.012 brevetti all'estero e in Cina. Sono ora riconosciuti 1.355, tra cui moduli batteria o gestione termica, sospensioni del telaio, architettura elettrica o guida autonoma. Evergrande si vede leader nel settore Car2x con i suoi assistenti olografici. Le batterie di nostra produzione verranno prodotte in gran numero a partire dalla fine dell'anno.

Il messaggio dietro il messaggio: guarda qui, copriamo l'intera area della catena di produzione e sviluppo delle auto elettriche.

Secondo il comunicato stampa, circa 3.500 sviluppatori faranno ricerche per Evergrande Auto in tutto il mondo. Alcuni di loro a Trollhättan, nell'ex stabilimento Saab. Lì il semovente Sango fa i suoi giri nei padiglioni e nell'area esterna. Le prime copie della prova pratica dovrebbero essere viste a Stoccolma prima o poi.

3 pensieri su "Evergrande Auto raccoglie 1.4 miliardi di dollari alla borsa di Hong Kong"

  • Evergrande ha venduto 260 milioni di azioni (10%), il che significa che i miliardari cinesi possiedono ancora 2.600 milioni di azioni. Non male per un Paese fortemente centralizzato.

    Rispondere
  • Sarebbe bello se Trollhättan fosse tra le fabbriche che presto costruiranno automobili. Non importa se è elettrico o meno. La cosa principale è che sta succedendo qualcosa.

    5
    1
    Rispondere
  • Sì, grazie per l'informazione!,…. e, come scritto, mette le auto su strada sui test e sui consumi reali e sui dati di autonomia sono curioso!

    Rispondere

Lascia un tuo commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con * evidenziato.