Com'è stato con Saab e Opel?

Discutere non va bene e scrivere innesca qualcosa. Come nel caso Saab e Opel, le conseguenze possono essere devastanti. O, come è successo questa settimana, l'inizio di tanto divertimento. Mercoledì è andato online l'articolo “La Bella Rossa”. Una bella cabriolet rossa dall'Italia.

Com'è stato con Saab e Opel

Molto più a ovest, dall'altra parte dell'Europa, l'amico Lizi ha letto la storia. Gli piacciono le macchine rosse con la pelle beige, devi saperlo. Per fortuna, una decappottabile corrispondente sta aspettando il suo nuovo proprietario vicino a Barcellona.

Rosso caldo

Si diffuse un'idea folle, le e-mail volavano avanti e indietro tra Germania e Spagna e c'erano telefonate. Certamente perché il nostro tempo è molto serio e in gran parte privo di divertimento, si è trasformato spontaneamente in un progetto. "Rosso e caldo" dice molto. Quello che potrebbe succedere sta nel futuro.

La prima parte della storia incombente sarà online nella nuova settimana. Forse il progetto rimarrà con noi più a lungo, o sarà solo un brevissimo episodio. Non lo sappiamo, perché le storie migliori sono scritte dalla vita stessa.

Com'è stato con Saab e Opel?

Torniamo all'argomento. Saab e Opel non hanno mai avuto una relazione caratterizzata dall'armonia. Quando ho sentito per la prima volta storie su Opel da persone Saab, inizialmente le ho classificate come antipatia temporanea. Raccolto dalla situazione perché Saab era in una posizione difficile.

Fu solo molto tempo dopo che mi resi conto che c'era una cronica antipatia reciproca dietro questo. È un peccato perché entrambe le società erano rematori sulla stessa barca. Invece di remare a ritmo, entrambe le parti hanno sprecato energie per approfondire la reciproca avversione. Il risultato è noto. Un paziente è già morto, l'altro è in un sanatorio francese, ma il reparto di cure palliative è a una sola stanza di distanza.

L'ex sviluppatore di motori Opel Prof. Dr. Fritz Indra racconta parte della storia di Saab dal punto di vista di Opel sul canale YouTube "Alte Schule". Lo fa nel suo modo affascinante e divertente, con un po' di umorismo viennese. Sicuramente vale la pena ascoltarlo e l'episodio di Saab prende il via.

E anche dopo la storia di Saab, è interessante seguirla un po 'oltre. Indra è ancora ben informata e fornisce consulenza in filiale. Quello che riferisce sulla Cina e sullo sviluppo locale dei motori dovrebbe farci riflettere.

Cosa sta succedendo sul blog nella nuova settimana?

I seguenti interessanti argomenti sono preparati per i nostri abbonati:

Cosa sta succedendo in Svezia? Uno sguardo dietro le quinte di NEVS e dietro la sempre più densa Grande Muraglia cinese.

  • NEVS presente e futuro: più cinese che mai

La seconda parte del confronto tra Saab 9000 e 9-5 sta arrivando!

  • Il design migliore? 9-5 Aero contro Saab 9000

La cultura non è all'altezza di questi tempi. Stiamo facendo qualcosa al riguardo. Ponchielli, Bizet, Strauss e Dvorak vengono ai lettori. Con Saab, ovviamente, ti invitiamo a partecipare al balletto.

  • Cultura in tre atti: il balletto automobilistico di Saab

Vale decisamente la pena un abbonamento libroe così per supportare il progetto del blog.

La prossima settimana sarà più calda, le temperature si stanno alzando, il gelo sta lentamente scomparendo.

Fa caldo qui. La passione ardente di Saab ribolle.

4 pensieri su "Com'è stato con Saab e Opel?"

  • vuoto

    Chi ha il naso quassù? Quando un ingegnere Opel dice che Saab ha "un'auto utilizzabile" - oh amico!

    Il prof.Indra parla del 1998, ma dimentica che c'è stata una cooperazione del 50% dal 1990, 900 II e 9-5 I. Si prende gioco del V6 a carica asimmetrica ...
    Anche il discorso sul diesel marino a 2 tempi è imperfetto. Dovrebbe sapere in quale direzione devono essere espulsi i gas di scarico quando si tengono conferenze come questa 😉

  • vuoto

    @ AERO-9-3,

    anche questo mi riguarda: chi portava il naso troppo alto, quando e dove ...

    Domanda molto eccitante. Nonostante alcune innovazioni e sviluppi interni, Saab non mi si presenta come un innovatore e un guidatore tradizionali.

    L'automobile è stata scoperta solo dopo la seconda guerra mondiale. Motori propri di nuovo molto più tardi. Ciò che lo attraversa è una certa affermazione. Mai a scapito del cliente. Ma un po 'più di umiltà e rispetto per i concorrenti potrebbero non aver fatto male neanche?

    Non lo so. Ma mi manca la certezza di voler andare per la mia strada. Oggi nessun produttore lo incarna più. Sembra che ci sia solo un modo ...

    Il mondo senza Saab in qualche modo mi sembra più povero, senza essere in grado di capirlo davvero ...

  • vuoto

    Grazie per l'intervista a Indra. Perspicace... Dimostra che un cambio di prospettiva è giustificato. La storia di SAAB è presentata "diversamente". Penso che alla fine diventi più chiaro perché non era più sufficiente per SAAB. Troppo piccolo, troppo aggrappato ai vecchi successi.
    Non avrei pensato che i SAABiani non si sarebbero attenuti agli accordi durante lo sviluppo ... Allora avrebbero (se fosse così, come mostrato) il naso piuttosto alto!

  • vuoto

    Grazie, il video con Indra è interessante. Parla molto bene del tempo di Saab, anche se mi vergogno di alcune affermazioni. Era davvero così brutto?

    Buona domenica a tutti!

I commenti sono chiusi