La pandemia, il blogger e la crisi dell'espresso

Puoi sopravvivere a una pandemia. Con pazienza, disciplina e un po 'di sensibilità. Ma diventa difficile quando manca l'espresso giusto. Allora tutto diventa un problema e prestazioni e benessere sono a rischio. I minuti di una crisi. Quasi senza auto.

Molto arcaico - caffettiera Bialetti
Molto arcaico - caffettiera Bialetti

È iniziato con il primo blocco. Ristoranti e bar chiusi. La colazione all'italiana e l'espresso tradizionale erano ormai fuori portata. La pandemia è una cosa. Affrontarlo senza un buon espresso è completamente diverso. Per me era chiaro che tutte le macchine da caffè completamente automatiche alla mia portata non sarebbero state in grado di sostituire l'espresso negli italiani.

Era necessaria una soluzione. Veloce, perché il ritiro dell'espresso stava già mostrando i primi effetti sotto forma di malumore.

Il dramma fa il suo corso

Il mio lavoro è digitale. Per oltre 30 anni, prima ancora che la parola digitalizzazione diventasse popolare. Questo è probabilmente il motivo per cui preferisco le cose analogiche nella mia vita privata. Auto analogiche, ad esempio, il che significa che questo articolo non è di nuovo senza auto. Ovviamente sto cercando un portafiltro analogico. Uno senza AI che ottimizza il mio espresso.

Ne trovo uno adatto a me. Analog, progettato dall'architetto Luca Trazzi. Il FrancescoFrancesco! X1 è offerto a buon mercato su una grande piattaforma. È rosso, sorprendente, dà vita al colore. Non posso dire di no e premere il pulsante dell'ordine.

Quello che non sospettavo in questo momento e che probabilmente è solo documentato da qualche parte nella blockchain: la macchina non è nuova. È già stato riparato, riconfezionato e venduto come nuovo. Ma non lo noto fino a molto tempo dopo.

Un espresso perfetto

Tutto va bene all'inizio. L'X1 evoca un espresso in tazza che non potrebbe essere migliore e un sorriso sul mio viso. È così che funziona una crisi e cosa può accadere quando la fornitura di caffeina è assicurata? Mi piace la mia piccola macchina analogica che non ha nemmeno un programma di pulizia. Sì, ha bisogno di tempo per riscaldarsi, ma la preparazione consapevole dell'espresso è per sua natura una faccenda arcaica e rallentata.

FrancisFrancis! in rosso e l'inizio della crisi dell'espresso
FrancisFrancis! in rosso e l'inizio della crisi dell'espresso

La crisi inizia dopo poche settimane. Passerà agli annali della mia vita come una crisi del caffè espresso. L'X1 causa problemi, cortocircuiti e brucia il fusibile. Poi spegne il suo manometro, ma continua a evocare un espresso perfetto.

Nella speranza di uno scambio, contatto la piattaforma da cui ho acquistato la macchina. Lì non hanno più un X1 nella loro gamma, ma offrono il reso e il rimborso completo del prezzo di acquisto. È giusto, perché dopotutto faccio il mio espresso con lei da sei mesi. D'altra parte, sono attaccato alla macchina. E nota che non ci sono più FrancisFrancis X1 rossi in vendita da nessuna parte.

Azione illogica

Di solito sono molto strutturato e pragmatico. Se qualcosa è importante per me, sfortunatamente tendo ad agire in modo illogico. Non voglio rinunciare all'X1 e sto pensando di ripararlo. Quindi chiamo Illy Kaffee, la casa di FrancisFrancis! Trovo un numero di telefono a Monaco e scopro in prima persona come funziona una grande azienda.

Perché, nessuna sorpresa, nessuno risponde al telefono a Monaco. Illy è anche outsourcing e ottimizzazione. Processi e profitti, ovviamente. Atterro, sorpresa positiva, in Italia. Il contatto italiano è caldo e positivo. Illy lo aggiusterà se lo voglio. Senza costi. Riceverò un indirizzo e-mail per la mia richiesta di riparazione e, per sicurezza, un altro numero di telefono di Monaco.

In attesa di feedback da Illy, preparo il mio piano sostitutivo. Perché anche nella crisi dell'espresso le scorte devono essere garantite.

De Longhi - può l'espresso? Non proprio!
De Longhi - può l'espresso? Non proprio!

Un errore

Il piano è semplice. Una macchina piccola ed economica dovrebbe colmare il tempo senza X1. Allora ho un altro uso per questo. UN De'Longhi Dedica Style EC 685.BK viene ordinato, e già durante il disimballaggio sospetto l'errore. Plastica ovunque tu vada. Come dovrebbe questa cosa fare l'espresso?

La De'Longhi è programmabile, ma lo è anche il modo in cui impostarlo: mette semplicemente una terribile miscela nella tazza. Non sopravvive con me per 24 ore. Quindi è imballato e in viaggio come ritorno.

Caffè analogico

Cosa fai in caso di emergenza? Esiste ancora la collaudata caffettiera di Bialetti. Tradizione italiana, e ora la preparazione diventa completamente arcaica. Ma funziona, ti rallenta ed è un piacere. Ovviamente, il risultato non è un espresso nel vero senso della parola.

Nel frattempo ha chiamato il servizio riparazioni di Illy. Certo, anche lui è esternalizzato, non a Monaco e non in Italia, ma dietro l'angolo da me. In effetti, la ragione ora mi è tornata. Rinuncio alla riparazione e rispedisco l'X1 per credito. In qualche modo mi manca la fiducia nella riparazione di una macchina che è già stata riparata.

L'idea spagnola

Sembra che il 2020 sia il mio anno spagnolo. Alla ricerca di un sostituto per l'X1, sono già tornato a Barcellona. Dopo una Saab catalana anche una macchina per caffè espresso? Ascaso produce macchine portafiltro il cui concetto mi piace. Acciaio inossidabile al posto dell'ottone, un gruppo di erogazione separato invece di una caldaia.

Ce n'è uno non lontano da me Socio Ascaso. Fare acquisti in tempi di pandemia funziona, almeno in teoria. Ci sono altri motivi per cui in pratica fallirà. Ascaso Partner Hommel ha un sofisticato concetto di igiene, la consulenza viene data su appuntamento.

Il team è motivato e orientato e ama Ascaso. L'espresso ha un ottimo sapore, il consiglio è intenso e trovo rapidamente la mia macchina preferita. I prezzi sono buoni, proprio come su Internet. Porterò la macchina con me, dico.

Ma fallisci immediatamente.

Corona colpisce duramente alcune industrie. Altri ne traggono vantaggio. I camper, ad esempio, vendono molto bene. Anche le cucine. E anche dispositivi come le macchine per caffè espresso. Un nuovo Ascaso 2020? Nessuna possibilità. I magazzini di Hommel sono vuoti, così come quelli dell'importatore tedesco. Data di consegna nel 2021. Lascio deluso.

Il secondo tentativo - in nero e con un fantastico espresso
Il secondo tentativo - in nero e con un fantastico espresso

Perché a questo punto siamo alla fine di ottobre e copro le mie esigenze di espresso con la mia caffettiera Bialetti. Non durerà per sempre. Mia moglie ha seguito la mia crisi dell'espresso e ad un certo punto non riesce più a vedere la crisi. Mi consiglia di ordinare un altro X1. Un altro colore, dice.

Le donne possono essere così pragmatiche

si si Perchè no? Quindi solo nero, la cosa principale è un espresso analogico e perfetto. Ho ancora un voucher Illy, la macchina sarà un po 'più economica. Pochi giorni dopo un nero atterra qui FrancescoFrancesco! X1. Un numero di serie molto diverso rispetto alla vecchia macchina, e si comporta in modo diverso dall'inizio.

Sì, ha un lungo tempo di preriscaldamento. E lei sa fare solo l'espresso, devi fare tutto il resto da solo. Ma l'espresso è perfetto.

Superata la crisi dell'espresso. E gestiremo anche la pandemia.

16 pensieri su "La pandemia, il blogger e la crisi dell'espresso"

  • @ Ebasil,

    argomento difficile. Segue anche molta cultura. 70 anni per una generazione sono 100 per la successiva e così via. Loriot è ancora insostituibile e ineguagliabile. I semestri più vecchi piangono ancora Karl Valentin, che ha avuto una grande influenza su Loriot, è insostituibile ed è ancora impareggiabile ...

    Che status avrebbe Astrid Lindgren oggi se un certo Wilhelm Busch avesse detto tutto per sempre?

    È anche bene e giusto che ogni generazione eserciti ancora e ancora il proprio diritto su temi contemporanei e protagonisti culturali, creando nuovi classici per domani.

    La domanda interessante è come un patrimonio culturale in costante crescita dovrebbe essere veicolato con una capacità (di ricezione) limitata o almeno rimanere disponibile e tangibile?
    E quale ruolo avrebbe potuto assumere l'ÖR e forse avrebbe dovuto assumere molto tempo fa?

    Dopo tutto, gli insegnanti sono solo umani. Il fatto che spesso non siano più in grado di premiare o addirittura riconoscere il lavoro creativo dei bambini probabilmente dice molto di più sulla nostra società nel suo insieme che su qualsiasi gruppo professionale in particolare.

    Ed è tutto più triste ...

  • Volvaab - carnevale taurico

    Sì, è triste! In due modi: 1. Che sfortunatamente buttano via tutti i costumi di plastica basati sugli stessi personaggi di Hollywood e simili. comprare (cosa dicono in realtà i Fridays for Future Kids a riguardo?) è davvero molto deplorevole. Anche il fallimento pedagogico degli insegnanti.

    Non festeggiamo il carnevale qui, ma ovviamente anche da bambini. Da piccolissima, ci sono andata una volta come cappuccetto rosso con un vestito da dirndl fatto da me e un berretto rosso con un piccolo cesto di vimini, succo fatto in casa e torta fatta in casa. È stata una bella cosa. Come la mia successiva apparizione sotto un lenzuolo cucito da solo con figure di ragno, ecc. E catene tintinnanti. A parte il fatto che un bambino piangeva terribilmente, era anche un bel costume. A quel tempo nessuno comprava costumi già pronti - e in ogni caso, nella pianura regione della Germania settentrionale non c'era niente da comprare.

    Ma trovo anche molto triste 2. che le giovani generazioni, compresi gli insegnanti, non conoscano Tintin. I suoi genitori evidentemente non l'hanno presentata. Quel che è peggio è che lo stesso vale per Loriot. Dalla generazione 30 in su lo sanno a malapena. Che perdita!

    Quando, ad esempio, penso al fatto che da bambino ho divorato naturalmente tutti gli album di Wilhelm Busch, anche se era morto da 70 anni e proveniva da un'epoca e da una società completamente diverse.

    Perdiamo molto! Ma forse deve essere così? No, almeno non può essere con Loriot!

  • @ Tom & Ebasil,

    Alcuni anni fa, Tintin andò effettivamente al Carnevale nella Saab.
    Ho una bella foto di Tim & Struppi che sono felice di inviare via email al blog.
    Gli articoli di Tom sono sempre sorprendenti e forse ci starebbero per caso?

    PS
    Nessun insegnante ha riconosciuto il costume e mio figlio - creativo tra cowboy, superuomini e batman, storm trooper e Darth Vadern - ha dovuto spiegarsi più volte ...

    ... con una punta di Tolle in testa, mutande sulle gambe e un originale Struppi sotto il braccio.

    Mi ha rattristato che nessuno abbia riconosciuto e onorato il proprio lavoro, la sua idea e il suo desiderio. L'anno successivo, Haddock fu preso in considerazione, ma scartato per una spada laser e una maschera di plastica. Entrambi e un mantello nella spazzatura molto tempo fa. Non è triste?

    Ovviamente ha ancora Struppi.

  • C'è un lato molto interessante: http://www.glenmarch.com
    Lì, i prezzi d'asta raggiunti sono elencati per molti marchi automobilistici e nel corso degli anni. Puoi soffermarti lì per quasi ore e rimanere stupito dai prezzi che sono stati raggiunti in alcuni casi. Va notato che questi sono prezzi reali e non un qualche tipo di fantasia. Puoi anche vedere quali lotti non sono stati venduti, quindi vengono contrassegnati con "invenduto".

    La Lancia più costosa è stata battuta all'asta il 21.8.2016 agosto 2.007.500,00 a Pebble Beach. Una Aurelia Spider Amercia ha raggiunto il prezzo record di XNUMX USD!

    Sfortunatamente, Saab non è elencato 🙁

    Ma Koenigsegg lo fa. Il 29.9.2019 settembre 4.600.000,00, quello di Koenigsegg ha raggiunto un prezzo di CHF XNUMX'XNUMX'XNUMX! (se puoi o vuoi spostare un veicolo del genere?)

    Buon Avvento a tutti e rimani in salute!

  • Hans S., Volvaab, Lancias, Tim, Struppi, Haddock ecc.

    Prima che la bellissima Lancia Appia Lusso Vignale (che meravigliosa combinazione di colori!) Se ne vada, la promessa fatta a Tom deve essere mantenuta, giusto? 😉 E noi, la curiosa base di fan del blog Saab, vorremmo alcune foto di esso ... 🙂

    Cercando la suddetta Lancia di Hans, mi sono imbattuto nella frenetica Hergé (con le sferraglianti "valvole Haddock" :-)) del caso Bienlein, il veloce modello rosso vino identificato da Volvaab come Lancia Aurelia B 20 GT. Un fratello (o una sorella) grigio argento ora costa la piccola cosa di circa 160.000 euro. Come ho dovuto (o mi è stato permesso) scoprire con stupore, esistono ancora diverse Lancia Aurelia molto più costose degli anni '50, fino a circa un quarto di milione di euro! Bene, questo è lo stile di vita e di bellezza italiano...

    PS a Tom: funzionerà con il contributo di Saab Tintin? Sono eccitato come un arco veloce! 🙂

  • @ Hans S.,

    veramente una bella macchina. Sono con te lì. Nel complesso un bel marchio. Mi piacciono particolarmente i frontali classici. O quello e quanto fossero tecnicamente innovative le Lancia più vecchie.
    L'elenco delle anteprime mondiali nella costruzione del telaio e del motore è molto, molto impressionante. Macchine davvero belle.

    Passa un buon fine settimana.

    PS
    Adatto: sto facendo le lasagne. E mentre lo faccio, penso se e quando devo convertire e aggiornare il mio P164E a tre carburatori Weber da 45 mm ...

  • @ebasil, la Lancia è pubblicizzata su mobile.de, quindi è in vendita.

    Azzurro metallizzato e tetto bianco / beige, interni rossi in tessuto e pelle sintetica, pneumatici da parete bianchi completano il bellissimo look.

  • Hans S. - Lancia

    Il veicolo non mi era noto prima (lo era anche prima della mia nascita), quindi ho pensato che fosse… che bellezza !! Follia! 🙂

    Di che colore è il gioiello? E anche con un tetto di colore diverso? All'epoca era molto di moda e mi piace molto, anche se o proprio perché imitava un look cabriolet o hardtop.

    PS: Secondo le foto fornite, scommetterei sicuramente su “Coupé”. 😉 😉

    Cordiali saluti e buon fine settimana italo-svedese! 🙂

  • @Volvaab Driver, Lancia Appia Lusso Vignale costruita nel 1960, non è né una coupé né una berlina, una via di mezzo. Molto raramente, con solo circa 470 veicoli costruiti, oggi sono quasi scomparsi. Hanno a bordo la raffinata tecnologia Lancia degli anni '50 / '60. C'è il piccolo motore V4 in metallo leggero e c'è la sospensione della ruota anteriore della Lancia, come quella della bellissima Aurelia Coupé. E ovviamente dotato di un doppio carburatore Weber!

  • Espresso: un argomento selvaggio! Soprattutto in questi tempi, che sono un po 'modesti. Questo scalda il cuore ed è quello che non mi sarei mai aspettato da un autoblog! Grazie e continua con gli argomenti sorprendenti - per favore!

  • @ Hans S.,

    non dici sul serio, vero? Bellissimo …
    Possiamo forse scambiare le nostre flotte? Attualmente offro 2 auto e 9 bici ...

  • Le storie che la vita scrive sono semplicemente le migliori! Quasi analogico!

    E Tom, se vuoi guidare fino all'italiano in una bellissima vecchia Lania in perfetto stile, ne avrei una, non italiana, ma una Lancia, chiamata Appia Lusso Vignale!

    • @ Hans S. Sì, Hans, voglio. Come potevo dire di no anche a quello? Nei tempi migliori che spero arriveranno. Ho una nota debolezza per le auto italiane e non riesco a togliermene alcune dalla testa. Potrebbe essere possibile che ci sia una crescita in questa direzione nel 2021. 😉

      Allerta spoiler: domani l'Italia tornerà sullo schermo. Nel tardo pomeriggio - vale la pena leggerlo!

  • Saab ed espresso vanno insieme!
    Sono contento che anche gli altri sembrino vederla in questo modo! 😉

    Ho un rapporto stretto con due donne "calde" da anni:
    - la mia SAABine (è così che alcuni amici chiamano la mia nave del cazzo dal 2011)
    - il mio Rancilio Silvia (la mia macchinetta espresso, sempre accompagnata dall'amica Rocky, il mulino Rancilio)

    PS:
    A proposito, il mio espresso preferito è stato per anni il "Paradiso" (come un chicco; contiene Kona) di Fausto Kaffee (fausto-kaffee.de).
    E al momento sto pensando di sostituire presto "Beloved Silvia" con uno più giovane e più nuovo.
    Puoi scegliere tra la sua "sorella maggiore" Rancilio "Silvia Pro" o una Xenia del Brandeburgo (https://xenia.coffee). 😉

  • Ho molti anni di buona esperienza con un mulino Isomac e una macchina ciascuno ...
    Entrambi molto pragmatici dell'ingegneria meccanica italiana. L'alloggiamento è smussato e forato per interruttori, manometri, viti, ecc. In acciaio inossidabile. Si possono trovare anche curve e angoli diversi dagli angoli retti, ma solo dove un'omissione avrebbe portato a un'impertinenza estetica.

    Questi non sono oggetti di design. Ma strumenti buoni, analogici e apparentemente artigianali per un buon caffè espresso ...

    Ciao

    Un PS per i bevitori di tè
    Anche il mio bollitore è un italiano di carattere simile. Non conosco il marchio. Acquistato da Manufactum 14 anni fa, sembra indistruttibile. Nessuno dei suoi numerosi predecessori era quasi altrettanto durevole, sebbene gli ultimi fossero già costati gli stessi soldi. Con loro, la forma probabilmente ha superato la funzione, la funzione ha superato solo leggermente la garanzia. Bella Italia. Esistono ancora marchi e prodotti analogici. Mi viene in mente che anche la mia stufa è un italiano di carattere simile. Non c'è niente come buoni strumenti e niente aiuta meglio contro la società dello scarto ...

  • Un articolo inaspettato che mi ha fatto sorridere e passare al prossimo caffè ...

I commenti sono chiusi