Evergrande Auto inizierà la produzione nella prima metà del 2021

Sono stati rilasciati dettagli interessanti sui piani di produzione di Evergrande Auto. La produzione pilota inizierà nei due stabilimenti principali del marchio nella prima metà del 2021. Quindi tutto dovrebbe andare molto velocemente. Con Hengchi 1 e Hengchi 2 inizia la conquista del mercato. O almeno il tentativo. Evergrande Auto è sulla buona strada per diventare un importante fornitore.

Hengchi 1 di Evergrande Auto inizierà nel 2021
Hengchi 1 di Evergrande Auto inizierà nel 2021

Con ambizioni globali.

All'inizio la produzione è limitata agli stabilimenti di Shanghai e Guangzhou. Entrambi gli stabilimenti sono quasi terminati e costruiti secondo lo standard industriale 4.0. Garantiscono una produzione economica XNUMX ore su XNUMX e veicoli di qualità costantemente elevata. L'impianto in Nansha, un distretto di Guangzhou, è già in fase di prova.

La produzione in pre-serie di Hengchi 1 inizierà nella prima metà del 2021. La produzione in serie è già prevista per la seconda metà dell'anno. Evergrande brilla con i suoi tempi di sviluppo notevolmente brevi. Ciò è reso possibile utilizzando il flessibile Architettura del telaio di FEV-Benteler. I cinesi ne hanno acquisito i diritti esclusivi nel settembre 2019. In termini di accorciamento dei tempi di sviluppo, questo investimento sta già dando i suoi frutti.

Evergrande prevede solo 10 mesi per sviluppare una nuova auto elettrica su questa base. Se è così, e il futuro lo dirà, Evergrande-Hengchi avrebbe un ruolo di leadership nell'industria automobilistica.

Le ambizioni sono enormi. Con fabbriche all'avanguardia e una produzione a basso costo, Evergrande vorrà spingere sul mercato masse di auto elettriche. A partire dal 2023, la società prevede di produrre un milione di auto all'anno, esclusivamente veicoli elettrici.

Ma ancora tranquillo a Trollhättan.

Per sottolineare la serietà e l'irreversibilità di questa decisione, il 26 agosto il gruppo ha cambiato nome da Evergrande Health Industry Group Limited a China Evergrande New Energy Vehicle Group Limited.

Il titolo è ora quotato alla borsa di Hong Kong con il nuovo simbolo "EVERG VEHICLE". L'ID azione HKG: 0708 è rimasto invariato.

Azione in Cina, riposo a Trollhättan. Non ci sono attività da segnalare dall'unica sede europea. Gli investimenti negli impianti non sono visibili, né ci sono preparativi per un'eventuale produzione. Nessun posto vacante e nessuna attività che suggerirebbe la produzione per conto terzi nel 2021.

8 pensieri su "Evergrande Auto inizierà la produzione nella prima metà del 2021"

  • vuoto

    @ Tom (cancellazione),

    Grazie per lo sforzo.
    È più di quanto osassi sperare.
    Ci scusiamo ancora per l'inconveniente.

  • vuoto

    Cazzo, questo ultimo commento da parte mia è ovviamente parte della nuova aggiunta 9-5 del blogger. Che imbarazzo ...

    @ Tom,
    puoi spostarlo o eliminarlo in altro modo? Probabilmente no?

    Mi dispiace @ Tutti per lo sbaglio

    • vuoto

      @Volvaab Driver -> L'ho cancellato. Sfortunatamente, non funziona 😉

  • vuoto

    Dovrebbero farlo. Il futuro appartiene al settore immobiliare.

    Soprattutto all'interno delle grandi metropoli, la densità dello sviluppo apparentemente non conosce confini.

    I politici e gli urbanisti di tutto il mondo stanno lavorando diligentemente per smantellare strade larghe, isole spartitraffico, strisce mediane e grandi incroci in modo tale da creare nuovi terreni edificabili.

    Gli investitori sono in coda da molti anni, concludendo contratti preliminari e accelerando lo sviluppo verso le città (interne) senza auto.

    Il concetto di guida non ha alcun ruolo. Piuttosto, ciò che conta è quanto un ex parcheggio, quanto vale il terreno stradale se è costruito su X piani di altezza?

    Ci sono centinaia di migliaia o addirittura milioni sull'impronta di ogni singola auto, ed è per questo che accade in un modo e in nessun altro.

    EV o no, trovo straordinario che una società immobiliare di tutte le persone stia cercando il proprio futuro nell'automobile e quindi anche nel segmento di alto livello.

    Non credo che tra 20 anni le metropoli occidentali saranno intasate da grandi hengchis. Nemmeno (lontano) orientale. Farebbero meglio a sbarazzarsene.

    E le cose non hanno futuro neanche nelle zone rurali.

    5
    2
  • vuoto

    Dubito che valga la pena aggiornare un vecchio impianto o addirittura demolirlo e costruirne uno nuovo. Presumo che se EVERG vuole produrre qui in Europa, getterà dietro di sé appezzamenti di terreno per portare produzione e quindi posti di lavoro nel paese. Come con Tesla qui a D. Perché demolire a caro prezzo un vecchio edificio e smaltirlo!? Quello che sinceramente mi "preoccupa" molto di più è il fatto che siano veloci e cosa escogitano. Nella produzione di batterie saranno probabilmente molto più avanti e forniranno batterie più piccole, più leggere, più veloci da caricare e con un'autonomia maggiore. Allora posso solo dire, buona notte produttori europei, avete dormito tutti. Non capisco, i produttori affermati non vogliono, non vedono cosa sta arrivando? Il nome Hengshi ha davvero un significato? O un copywriter ha bevuto troppo sake?

  • vuoto

    Ciò che Detlef dice qui è corretto. Ma potrebbe esserci una speranza molto piccola ed è allora che Everg Vehicle ottiene così tanto successo in Cina che è necessario un sito di produzione in Europa. Ma allora stiamo sicuramente parlando di 5-10 anni.

  • vuoto

    Non riesco a immaginare che nulla accadrà a Trollhättan. Riqualificare l'impianto o costruire qualcosa di completamente nuovo sull'open space. Secondo lo standard industriale 4.0, la produzione a Trollhausen è altrettanto economica come nella steppa mongola.

  • vuoto

    Potrebbe benissimo essere che Trollhättan non sia più sul tuo radar. In tal caso, il fallimento dell'amministrazione svedese 10 anni fa sarebbe di nuovo evidente. Un salvatore non viene sempre da qualche parte: come politico, è meglio non rinunciare alle redini dell'azione. Non solo i dipendenti svedesi sono ora forse gli svantaggiati: la fedele comunità SAAB in tutto il mondo avrebbe sicuramente amato rimanere con il noto marchio.

I commenti sono chiusi