L'auto elettrica Evergrande Hengchi 1 viene presentata a 2020

I piani prendono forma. La prima auto elettrica di Evergrande, la Hengchi 1, sarà presentata nella prima metà del 1. La produzione in serie inizierà nel 2020 e dovrebbe segnare l'inizio di un'offensiva con almeno 2021 nuovi veicoli. Evergrande sta pianificando un enorme investimento da un miliardo di dollari per avanzare al vertice dei fornitori di mobilità.

Vertice dell'automobile di Evergrande a Guangzhou
Vertice dell'automobile di Evergrande a Guangzhou. Immagine: Evergrande

A tale scopo, viene offerto tutto ciò che ha rango e nome nel settore. All'inizio della settimana, Evergrande ha invitato a un vertice automobilistico a Guangzhou con 206 noti fornitori provenienti da tutto il mondo. In un comunicato, l'azienda parla di un vertice “epico” che non è mai esistito prima in questa forma. In effetti, l'entità dell'investimento e la coerenza con cui vengono coinvolti i migliori designer e fornitori è impressionante. Il fatto che ci saranno un totale di 10 fabbriche che riforniranno un enorme mercato lungo la Via della Seta tra Trollhättan in Svezia e Guangzhou non è un dettaglio rilevante. Lo stesso vale per l'annuncio che insieme a Koenigsegg verranno costruite anche 1.000 auto super sportive.

Evergrande contro Tesla e VW

La risposta dei media di ieri è stata eccezionale. Tuttavia, anche i commenti, che mettono un punto interrogativo dietro i piani, stanno aumentando. Il mercato delle auto elettriche in Cina si sta sviluppando meno bene del previsto e la mobilità elettrica è ancora agli inizi in Europa. Dal mercato di massa, ma soprattutto dalla redditività, uno è ancora lontano. Allo stesso tempo, stanno arrivando sul mercato nuovi veicoli. Tesla sta progettando una fabbrica tedesca e produrrà 2021 modello Y in Germania, a Volkswagen inizia un'offensiva per auto elettriche. Ma la più grande incertezza è il cliente stesso: salterà con entusiasmo sul treno elettrico o rifiuterà?

Il recente sviluppo in Cina potrebbe essere stimolante. Con la lenta eliminazione dei sussidi, il mercato delle auto elettriche a batteria è invertito da mesi ormai da 4 mesi. A ottobre, le registrazioni per 45,6% sono scese a sole unità 75.000. Tuttavia, rispetto all'anno precedente, è ancora al 10,2%.

Hengchi 1 è in costruzione a Trollhättan?

Non ci sono ancora dettagli per Hengchi 1. Dietro il nome potrebbe nascondere un'auto sportiva con i geni di Koenigsegg. Può anche essere un SUV elettrico o qualsiasi altra forma.

Dal punto di vista di SaabBlog, solo l'ulteriore sviluppo a Trollhättan è entusiasmante. Le auto saranno costruite in Svezia nel 2021, il prodotto convincerà e continuerà la tradizione del luogo? La fabbrica Saab a Göta Älv sarà solo un'altra fabbrica automobilistica cinese o sopravviverà parte dell'eredità Saab? Le domande sono aperte e lo rimarranno ancora per qualche mese. La tua risposta può essere interessante o meno.

22 pensieri su "L'auto elettrica Evergrande Hengchi 1 viene presentata a 2020"

  • vuoto

    Ända sedan kineserna tog över resterna av Saab för rätt många år se´n nu,så har de skapat en KONSTART av uttrycket “”Mycket snack och lite verkstad”” (det skulle factiskt ha kunnat varit rikigt komiskt,om det inte vore en SVENSK IKON som de pissade på !).Är det nå´n som minns längre hur manga gånger de ändrat ägarstruktur,i syfte att ens KOMMA IGÅNG med tillverkningen (nästan utan result) ?. I början visste de inte ens själva om de skulle bygga benzin-/elbilar, eller både och. En annan period gick snacket ""allting viene att bli bättre när vi byggt upp vår nya fabrik i Kina"" !... -En fabrik TILL,när de inte ens kommit igång med Trollhättanverket,vilken i princip tom var "fit for fight", redan från dag 1 ?!. Nu tycks kinafabriken vara igång,men de har inte fått ut några bilar därifrån…HELLER !. Att den senaste ägaren,Evergrande,vågar ta över det här skämtet till företag,måste tyda på ett övermänskligt visionärt tänkande,alternativt nå´n uråldig asiatisk självplågarfilosofi (om det inte rör sig om en större psykiatrisk bild,pa). Dessvärre så passade de på nu att köpa majoritetsägandet i Koeningsegg också, när de ändå höll på.-Snacka om feststämning det måste ha varit på de rispettivi account come McLaren, Pagani, Ferrari, o framförallt Tesla, när de fick vetskap om that!.

    DET SERIÖSA kinesiska bolaget Geely to helt över Volvos personbilar,och "äter sig långsamt in" till att även bli majoritetsägare to moderbolaget Volvo (15 % i dagsläget, men aptiten dopo mer är uppenbar).Moderbolaget har förresten redan sålt av all flygplansrelaterad Volvo- verksamhet fino all'engelsmännen.

    Cos'altro? ... Tysken tog Scania, så..jaa ... ¤suck¤

    Jag undrar bara vad som hands with all framåtanda, innovationsförmåga orch intressant designskapartalang som preglade svensk fordonsindustri mellan 1920-talet, och fram fino a 90-talet ?. Nu tycks alla bara vilja lägga ner, sälja av och stoppa ner så mycket reda pengar i fickan, som.

    Förresten, deta BARA jag som tycker at DET HÄR projectet velels attarats at estatsats på ?.

    http://www.trabant-nt.de/374/en/the-project/trabant-nt.aspx

    -En färdigutvecklad elbil, also som spelar på de redan etablerade starka retrokänslorna för det gamla östtyska miljöförstörarmonstret,Trabant !. Biljäveln “säljer sig själv” ju för katten !.

    Tack för ordet!

    / Micke

  • vuoto

    @ StF,

    Mix e tempistica si basano su risorse e stato dell'arte, nonché su una data infrastruttura.

    È del tutto assurdo negare la necessità di agire.

    Tuttavia, è altrettanto lontano per tirarmi su i biocarburanti. Qui, le persone agiscono alla cieca, sprecano risorse e non usano una struttura esistente.

    Se fosse diversamente, utilizzeremmo tutti i rifiuti biologici molto tempo fa e completamente (questi sono climaticamente liberi), non esprimerei nemmeno tali pensieri.

    I criteri per il mix e il timing sono molto semplici. Zero sprechi. A questo proposito, non possiamo permetterci di smaltire i rifiuti in un futuro lontano e, nel caso del biogas o del carburante, la questione della tempistica è quindi superflua in sé.

    A questo punto (uno dei tanti), la questione del mix dipende dalla quantità di rifiuti riciclabili. In realtà, molto semplice eppure così complicato ...

  • vuoto

    Mix e tempismo

    Di cosa stiamo parlando nella transizione energetica, ma fondamentalmente sulla sostituzione dei combustibili fossili con quelli rinnovabili e anche a partire da questo cambiamento. Il tempismo ci fornisce l'aumento di temperatura o il valore massimo che vogliamo consentire, ma in realtà prima.
    Quando in realtà iniziamo a cambiare, un mix di energia (vettore) si trasforma da solo, probabilmente non perfetto, ed è discutibile se esista. Con il senno di poi, puoi determinarlo, ma se è pianificato fino al minimo, lì ho i miei dubbi.

    Qual è l'orizzonte temporale per il cambiamento? Supponendo che i bruciatori 10 siano ancora venduti per un massimo di 20 anni di funzionamento, sono 30 anni. E dal momento che nulla sta andando così veloce come previsto, è molto più simile agli anni da 50 a 70. I numeri sono in realtà dappertutto dopo il cambiamento climatico.
    Le centrali elettriche sono simili. Sebbene i sistemi eolici e solari siano stati ampliati e ora esistano in aggiunta alle classiche centrali elettriche, dove sono gli accumuli di energia capaci di caricare il carico di base? Pertanto, le turbine eoliche rimangono ferme, invece di generare elettricità, perché non possono essere sistemate nella rete.

    Dove dovrebbe essere l'inversione di tendenza? Onestamente, non è nemmeno adeguatamente preparato.
    In realtà mettiamo tutto su una mappa, ma non dice né elettricità verde né idrogeno, ma:
    Non sarà poi così male e sta ancora andando bene.

    Se questo è così intelligente, quindi mostra il futuro e, a posteriori, può anche essere classificato.

  • vuoto

    Il mix e il giusto tempismo ...

    (@ StF) ... sono le chiavi per un trasporto di successo e una transizione energetica.

    Non riesco a vedere alcun motivo valido per mettere tutto su una carta. E con questo intendo fare affidamento esclusivamente sull'eco-elettricità, che include sia terre rare che idrogeno per la mobilità.

    Dobbiamo fare un uso ragionevole di tutte le possibilità e risorse. La violazione è uno spreco ...

    Rifiuti per conto di Klima,. Umano e ambiente? Non può essere, non possiamo permettercelo. Non abbiamo bisogno di una panacea, ma il mix perfetto. Il riciclaggio energetico o mobile dei rifiuti organici è assolutamente essenziale.

  • vuoto

    Hengchi 1?

    Ad aprile 2017, Qoros, insieme al suo partner di cooperazione Koenigsegg, ha presentato una berlina di lusso completamente elettrica simile a una supercar in uno show automobilistico a Shanghai:

    https://www.focus.de/auto/elektroauto/qoros-k-ev-chinesen-stehlen-volkswagen-die-show-neuer-elektro-renner-von-qoros_id_6973918.html

    https://der-autotester.de/qoros-k-ev-kampfjet-fuer-die-oberklasse/

    Il design del corpo può provenire da Qoros o da uno dei designer su commissione Qoros e appartenere a Qoros. In altre parole, Hengchi 1 non sarebbe certo così.
    L'Antriebstechnikstammt proviene sicuramente da Koenigsegg, quindi ci sono i diritti per questo. Resta da chiedersi se a quel tempo Koenigsegg si sia anche preso la briga di sviluppare almeno una piattaforma reale per essa, o fosse semplicemente saldato insieme un telaio, poiché riguardava solo l'ottica?

    Naturalmente, se in realtà hai iniziato a sviluppare una piattaforma per una e-supercar con sedile 4 e i diritti si trovano con Koenigsegg, allora questo potrebbe ovviamente essere un punto di partenza per la berlina di lusso di lusso ad alte prestazioni di Evergrande-Hengchi, dal momento che non sarai a zero deve iniziare. Questa sarebbe anche una spiegazione per il programma comunicato con l'idea 2020.
    E la nuova designer di casa Pininfarina potrebbe quindi metterci sopra un corpo più o meno bello. Da allora probabilmente i componenti della trasmissione e forse anche le parti in carbonio sarebbero stati forniti da Koenigsegg, sarebbe concepibile un assemblaggio a Trollhättan.

    Sarebbe un approccio interessante per avviare un nuovo marchio con un prodotto di lusso. Sarei curioso se potesse funzionare, se quello fosse davvero il piano.

  • vuoto

    @ Herbert Hürsch

    I combustibili liquidi sono semplicemente meravigliosamente facili da gestire, motivo per cui si sono affermati. Il problema con i biocarburanti è, quale percentuale del fabbisogno totale di carburante può essere generata senza causare altri problemi (competizione tra cibo e serbatoio)? Sfortunatamente, non ho cifre per questo, in fretta presumo qualcosa intorno al 20-25%.

    Ma nel settore in questo momento tutto è ottimizzato al massimo (numero massimo di pezzi, costo unitario minimo), nessuno vuole affrontare un pezzo relativamente piccolo della torta. Nell'industria farmaceutica sembra buono, c'è molta produzione concentrata negli stabilimenti 1-2 in Asia e se rimane bloccata da qualche parte, le farmacie sono vuote perché i medicinali non possono essere trovati altrove. Mi sembra troppo ottimizzato, ma è così. Qui sarebbe auspicabile un ripensamento, ma come raggiungere questo obiettivo? Qui, la politica mi sembra chiaramente sotto ottimizzata.

    È comprensibile che le compagnie aeronautiche e marittime vorrebbero attenersi alla loro conoscenza: sarà probabilmente una questione di costi, che si tratti di biocarburanti, metano sintetico liquefatto (con efficienza ancora inferiore) o forse idrogeno.
    È almeno ipotizzabile che in un aereo che assomigli a un A380, i passeggeri siedano nella parte inferiore della fusoliera, mentre la parte superiore della fusoliera porta con sé l'idrogeno.
    Anche con le navi, questo può certamente realizzare in qualche modo e avrebbe il vantaggio che in un incidente non sempre il carburante scompare nel mare, ma poi per un cambiamento nell'atmosfera. Potresti anche pensare alle vele del drago e ai rotori Flettner, ma sfortunatamente il vento è pianificato così male, perché manca il potenziale per l'ottimizzazione eccessiva.

    Ma quelli che probabilmente non vogliono rinunciare ai combustibili liquidi, dovrebbero essere i militari. Quando sei impegnato a picchiarti a vicenda, non vorrai certo una perdita di carburante nel cielo o otterrai una scossa elettrica fatale.
    Qui si potrebbe anche supporre che il prezzo non ha davvero importanza, ma probabilmente colpisce principalmente le forze americane e dovrebbe essere un problema per la Bundeswehr, dove potrebbe eventualmente tornare alla cavalleria ...

  • vuoto

    @ StF,

    di nuovo interessante e valido. Ma non è solo un estratto di un mazzo molto più ampio di opportunità, tecniche e ovviamente possibili ma anche rilevanti ostacoli?

    Mi manca la diversità nel dibattito sull'energia e sui trasporti. Non può e non deve essere solo la cella a combustibile contro Si discute di terre rare.

    Perché e perché l'umanità dovrebbe volontariamente e di fronte a una grande sfida privarsi di tutte le altre possibilità?

    Anche la domanda su come "alimentare" (aumentando) il traffico aereo in futuro è eccitante. E lo dico in modo puramente retorico, perché non ce la faremo senza carburante. È tanto più tragico che i biocarburanti, ad esempio, non facciano più parte dell'attuale discussione. Potrei guidare la mia Saab BioPower quasi a zero emissioni di CO2 oggi se questa discussione non si fosse ridotta troppo all'inizio ...

  • vuoto

    Finché ci sono dubbi sul fatto che la batteria elettrica o l'auto a celle a combustibile sarà il concetto di guida "giusto" o meno, le preoccupazioni dovrebbero essere relativamente piccole.
    Queste sono entrambe fondamentalmente auto elettriche, in cui l'archiviazione di energia è ciascuna diversa, purché non successivamente la soluzione sia di nuovo alla carrozza a cavalli, o in avanti a raggiante, la prima volta che nessuno è nello sviluppo dell'auto elettrica nella direzione sbagliata.

    Il modo in cui un'auto a celle a combustibile viene finalmente realizzata, in serie (la cella a combustibile carica la batteria) o in parallelo (batteria e cella a combustibile forniscono elettricità contemporaneamente), può dipendere dall'uso del veicolo, ma forse anche dai prezzi di fornitura dell'energia, dai costi del cambiamento climatico o altro , sii dipendente.
    Con le efficienze menzionate al momento (con lo stoccaggio della batteria ~ 70% della corrente iniettata può essere utilizzata per la guida, con la cella a combustibile a idrogeno ~ 35% della corrente utilizzata per la produzione di idrogeno), vorrei toccare la variante seriale, se la rapida introduzione dell'idrogeno ci crederebbe.

    Proprio come stiamo attualmente facendo nella costruzione di turbine eoliche, o solo linee elettriche ad alta tensione, non sono abbastanza chiaro come dovrebbe avvenire la transizione energetica. Al momento, non vedo che ci sarà un elettrolizzatore per l'elettrolisi dell'idrogeno in ogni stazione di servizio e l'elettricità necessaria sarà distribuita attraverso la rete elettrica. Piuttosto, i residenti si lamentano delle stazioni di servizio fuori dai villaggi sui prati verdi.
    Poiché non esiste una rete di distribuzione dell'idrogeno, l'idrogeno dovrebbe essere fornito con camion cisterna, praticamente possibile, ma qualcosa come la rete del gas naturale sarebbe più bello. Presumibilmente, in un anno 10 o 20, non possiamo fare a meno di trasformare l'idrogeno in metano (gas naturale sintetico) aggiungendo carbonio che può essere diffuso attraverso la griglia del gas naturale. Sebbene connesso con lo svantaggio che la già non così grande efficienza dell'idrogeno dal fattore 2 fino a 3 diminuisce, ma l'infrastruttura necessaria lo è già.

    A lungo termine, sarà probabilmente l'idrogeno invece del gas naturale. Nelle stazioni di rifornimento / stazioni di ricarica, poi c'è elettricità e idrogeno, proprio come benzina e diesel oggi. Elettricità per auto a idrogeno a batteria e plug-in e idrogeno per il resto.
    È possibile che mi sbagli più o meno, come di solito accade con le prognosi future ...

  • vuoto

    @ Old Swede,

    Al momento fondamentalmente non vedo il concetto di unità ONE su cui chiunque dovrebbe fare affidamento e che potrebbe avere un senso ...
    A questo proposito, sono totalmente d'accordo con te. È politicamente, economicamente e anche negligente nei confronti dell'ambiente parlare di un Santo Graal ...

    E se hai già una visione a tunnel, almeno dovresti essere in grado di mantenere la traccia. Il destino dell'industria solare tedesca è ben noto. Attualmente, D sta spingendo l'energia eolica al muro e i produttori hanno annunciato la massiccia riduzione dei posti di lavoro, poiché l'espansione si è arrestata per motivi politici.

    Chiunque possa ancora credere in tali condizioni e vuole che siamo sulla buona strada è un incorreggibile ottimista.

  • vuoto

    Lo sviluppo della mobilità elettrica in Cina dovrebbe almeno portare a pensare tutti coloro che fanno affidamento su questa tecnologia. Pertanto, l'imballaggio può certamente essere di alto livello, ma con un concetto di guida forse errato, che a sua volta potrebbe portare a un arresto rapido.

  • vuoto

    Se loro (la contea produttrice) non hanno petrolio, allora la tua risposta è SI ……….

  • vuoto

    @ StF,

    Come sempre, informazioni interessanti da aggiungere. E condivido la tua valutazione. Una casa madre chiamata "Auf Ewig Großartig" con un marchio automobilistico chiamato "Luft (& Power) ohne Ende" non mira certo ad essere la concorrenza più economica ed ecologica per una "spazzola per la polvere" (come la Dacia Duster) .. .

    Oltre alla sfrontatezza dell'azienda stessa, l'orgoglio personale o nazionale del gruppo target non deve essere sottovalutato. Abbiamo anche letto di collaborazioni e partner qui.

    Tutto indica uno spettacolo esagerato in cui bilanci ambientali e sostenibilità avranno un ruolo solo nella misura in cui sono convincenti per la pubblicità.

  • vuoto

    Come Evergrande, non credo che vedano i loro prodotti come casse o competano contro Dacia e Hyundai. Immagino che abbiano l'immagine di sé di voler essere la cinese Tesla o la cinese Audi.

    Se provi a scoprire cosa significa effettivamente Heng Chi, troverai "sbuffare forte" (https://chinese.yabla.com/chinese-english-pinyin-dictionary.php?define=heng+chi) che è probabilmente un'immagine di respiro pesante durante uno sforzo intenso, o le raffiche di scarico ad alta frequenza di un motore a vapore a pieno carico. Quindi probabilmente dovrebbe avere il significato di "prestazioni elevate" o "capace di prestazioni massime". Non credo che sarà un prodotto economico, non andrebbe bene con la collaborazione con Koenigsegg. Se vuoi beneficiare del loro splendore, non dovresti essere tu stesso un proprietario di casa a buon mercato.

    Data la dimensione target, si potrebbe presumere che vogliano al massimo essere convenienti. Forse stanno riprendendo l'idea Borgward di 'Accessible Premium', ma di certo vogliono farlo bene. Questa non dovrebbe assolutamente essere una seconda brillantezza, se possono implementare le loro idee è ovviamente una domanda completamente diversa.

  • vuoto

    Ho appena incontrato un 9-5 NG azzurro-metallico di RZ-, che meravigliosa sensazione di pelle d'oca! 🙂
    Il soggetto di NEVS o Evergrande è lontano ...
    Il paese con più abitanti dovrebbe avere anche la più grande fabbrica di automobili ..., io la chiamo megalomania d'altri tempi ... è un peccato per tutti i soldi che si mettono su UNA (!) Card lì. Il mondo ha abbastanza problemi che potrebbero essere affrontati con il supporto, tra le altre cose.
    Grazie per le informazioni Sto aspettando l'anno 2020.

  • vuoto

    All'inizio non importa come viene chiamata la casella. Se è abbastanza economico e offre molto per i soldi.
    Nel frattempo tutti si sono abituati a nomi come Dacia o Hyundai.
    Sembra persino elegante guidare una Dacia per dimostrare che non si guida uno status symbol.

    2
    4
    • vuoto

      La ferrovia economica non interessa Evergrande. L'affermazione è rivolta al premio e l'attacco inizia proprio dove i produttori europei guadagnano i loro soldi. Economico era la Cina prima degli anni 20 o 30. Oggi le affermazioni vanno in una direzione diversa.

  • vuoto

    ... soprattutto se si considera che anche in Germania ci sono voci in aumento che non si dovrebbero perdere completamente di vista gli altri concetti di propulsione alternativa, come l'idrogeno. Il Giappone sta compiendo grandi sforzi per espandere la fornitura di idrogeno e la Corea del Sud (Hyundai) probabilmente la pensa allo stesso modo. Considero molto ardito affidarsi esclusivamente all'e-mobile modello stradale a senso unico, anche se viene calcolato più e più volte.
    E chi compra seriamente un'auto di nome Heng (st out) chi (na)? Certamente no, perché preferisco sedermi comodamente nella mia Saab. Mi piacciono i suoi vantaggi e proteggo l'ambiente rinunciando a gadget sempre nuovi, che devono essere diffusi nel senso di una lobby (ipocrita) di auto da portavoce politici.

    11
    3
  • vuoto

    GRANDE, PIÙ GRANDE, EVERGRANDE

    Mi gira la testa. Il nome del marchio, come ha detto Nordmann? Ma anche molte altre domande. Il programma per il primo modello? Oppure, se hai ancora interesse nella produzione a contratto di una Sion?

    Su tutte le domande 100, la grande domanda se passare in un mondo finito di risorse limitate sia puntuale?

    Anche quando si tratta di veicoli elettrici, non riesco a scuotere la sensazione che questo sia il più grande dinosauro mai creato.

    2
    1
  • vuoto

    Il tutto è un thriller e sempre emozionante da seguire. Anche se non è rilevante per SAAB, ma il mix lo fa. Il mio pensiero: non investiresti miliardi e poi andresti seriamente a cercare clienti in tutto il mondo con il nome "Hengchi"?

    14

I commenti sono chiusi