Espansione Evergrande con design Pininfarina

Anche se sembra superficialmente tranquillo, l'espansione di Evergrande sta andando forte. È strano solo che i media europei non se ne siano mai accorti finora. Quale potrebbe essere che ci vorrà del tempo prima che i primi prodotti escano dalla linea di produzione. I primi effetti dell'espansione, tuttavia, sono già avvertiti da alcune aziende. Evergrande sta causando sconvolgimenti nel settore.

Design Pininfarina per Evergande e NEVS
Design Pininfarina per Evergande e NEVS. Credito fotografico: Pininfarina

Design Pininfarina per Evergande

Su 19. Settembre ha visitato Xu Jiayin Magneti Marelli e Pininfarina. L'espansione automobilistica sembra essere una delle principali preoccupazioni, relativamente chiaro è il motivo della visita, quando si parla Magneti Marelli parla. Il gruppo Marelli è uno dei maggiori fornitori nel settore internazionale quando si tratta di componenti automobilistici. Al contrario, la visita a Pininfarina potrebbe essere speculativa. Uno dei migliori indirizzi antichi in Italia quando si tratta di design di qualità. Allo stesso tempo, un nome caldo, che inizia anche a espandersi. Dalla sua acquisizione da parte del gruppo Mahindra, la società è nelle mani degli indiani, i proprietari apprezzano la magia del nome. Sotto il leggendario logo Pininfarina, è in fase di sviluppo un produttore di auto elettriche ad alte prestazioni esclusive.

Xu Jiayin visita Pininfarina Design

Nel fare ciò, ti affidi a dipendenti esperti. Jochen Rudat, capo tedesco di lunga data Tesla, si unisce a 1. Ottobre a Milano e guiderà il reparto vendite. Evergrande fa affidamento anche sull'eccellente indirizzo. Pininfarina, Yicai Global riferisce via Twitter, fornirà il design per i nuovi veicoli del Gruppo Evergrande.

Una fabbrica a Quingdao?

Un'altra fabbrica di auto elettriche potrebbe essere il gruppo Evergrande a Quingdao. La città parlava già di 2013 e 14, quindi era ancora all'una Fabbrica Saab, Evergrande ha questo rapporto Caixin, in primavera 2019 400 ettari di terreno riservato. Oltre a una fabbrica di auto elettriche dovrebbe esserci anche una produzione di batterie nell'area circostante. Il progetto sembra sospeso, i contratti non sono ancora stati firmati.

Alla fine, Evergrande prenderà un po 'di velocità dalla sua espansione. La società di Xu Jiayin sviluppa capacità di 1 milioni di veicoli elettrici all'anno. Potrebbe essere visionario - o molto coraggioso. Le vendite di auto elettriche a batteria in Cina non stanno sviluppando come previsto. Dopo l'eliminazione di una parte dei sussidi, gli acquirenti rimangono vincolati. Stabilire un mercato con innumerevoli miliardi di sussidi quando mancano il giusto prodotto e la volontà degli acquirenti sembra impossibile, anche in un'economia gestita dallo stato. Una lezione che gli europei dovrebbero anche prendere in considerazione con sussidi per l'elettromobilità.

L'esempio attuale è NIO. Il marchio nazionale di maggior successo per le auto elettriche vendute nel Agosto 2019 in Cina Unità 2.976. Previsto nel corso dell'anno, si spera per i veicoli 40 - 50.000. Che è ancora molto lontano dai milioni di piani di Evergrande.

Dislocazioni nel mercato del lavoro

L'espansione del gruppo Evergrande e la fame cinese di batterie stanno preoccupando i produttori di batterie coreani. I cinesi, ma anche la joint venture Northvolt / VW, reclutano specialisti per la ricerca e lo sviluppo. Pagano incentivi fino a tre volte più alti, compresi i produttori di Corea e Giappone, riferisce il Korea Times, La corsa per i dipendenti più qualificati è in corso, c'è un recupero da recuperare. Non solo a Evergrande, ma anche in Europa.

Anche i pensieri di 15 "Espansione Evergrande con design Pininfarina"

  • Sembra l'aberrazione del gusto dal veicolo. Destinatari di cinesi di recente ricchi? MEGA-brutto il carrello! Proprio quello che sono noiosi nichilisti come me

    3
    5
    Rispondere
  • Ancora un contributo emozionante. Come Tom, ho anche dei dubbi. Tutto sulla pompa e nelle dimensioni? Se questa bolla esplode, c'è un grande botto.

    Rispondere
  • Sembra emergere che il desiderio dei governi, sia in Cina, in Germania o altrove, di consentire solo veicoli elettrificati non è soddisfatto. Indipendente dal fatto che la mobilità elettrica sia buona o cattiva. Inoltre un'azienda che lavora estremamente sulla pompa! La fiducia non lo alimenta.

    4
    1
    Rispondere
  • "(...) nichilisti smussati, come io sono uno."

    @Karl Hungus,
    delizioso commento. Ho dovuto sorridere molto. Se trovi "il carrello" così "MEGA-brutto" da riconquistarlo, rimane il tuo segreto e ha la qualità Max Goldtsche ...

    Rispondere
  • Infrastruttura

    @ Old Swede,
    Forse dietro (limitazione e cessazione dei sussidi) c'è l'intuizione dello stato cinese, che in materia di elettromobilità, è anche dovere assumersi la responsabilità? E forse lo stato si rende conto che non può e non vuole fornire l'infrastruttura necessaria in modo tempestivo?

    In Germania è simile. Un veicolo elettrico è quasi possibile solo per i proprietari di case con la possibilità di caricare sulla propria terra (cioè sulla terra piatta o nella periferia delle città). I programmi di supporto per veicoli elettrici sono stati ripetutamente rinnovati a causa della mancanza di supporto.

    Dovrebbe essere il ritorno del traffico o è solo il modo sbagliato?
    Forse la Cina si prepara su E85 domani e ci fa sembrare stupidi dal bucato?

    Sarebbe almeno una misura immediata dal punto di vista climatico che non richiede un progetto infrastrutturale del secolo o persino terre rare. Grazie al lettore Ebasil, sappiamo tutti che la Francia è su questa strada. E grazie a Tom, sappiamo tutti che in Germania una petizione (https://www.openpetition.de/petition/argumente/e85-fuer-den-klimaschutz) per reintrodurre E85.

    E quelli che li hanno disegnati sanno anche quanto piccole firme vergognose abbiano finora.
    Ma questo cambierà si spera ...

    Rispondere
  • @ Herbert Hürsch
    Ora ce n'è sicuramente uno in più, ma è un peccato che ci sia così poco supporto in Germania. O l'argomento non può più essere ascoltato, o semplicemente non è percepito in pubblico, perché è per lo più messo a tacere.
    La risata cinese in Europa o in Germania in particolare non sarebbe nulla di nuovo, vedi energia solare ec.

    Rispondere
  • @ Old Swede,

    Sfortunatamente, "taciuto" è meglio.

    Incontro ripetutamente automobilisti tedeschi (contribuenti, cittadini, spettatori, lettori e ascoltatori di media tedeschi e ÖR) che non sanno nemmeno cosa sia E85 ...

    Una sovrasaturazione (nessuno può sentire) può essere esclusa come affidabile.

    Inoltre, mi è capitato di conoscere E85 o il modello di ruolo francese, perché sono un drive SAAB e ho letto qui e lo ha istigato per la mia ricerca. Altrimenti, non avrei idea.

    Non ultimo ...

    Rispondere
  • Mi chiedo perché l'industria automobilistica non raccolga la palla, ma corre incondizionatamente dopo l'Elektrohype!

    Rispondere
  • Non lo definirei incondizionato. Molti stati sono già costretti a farlo. L'abolizione di E85 in D era solo uno dei tanti pezzi del puzzle in una linea di ossessione colorata, ampia e globale ...

    Ancora una volta, non c'è alternativa: una rara parola stupida quando si tratta di, o almeno dovrebbe, esplorare opportunità e alternative.

    Rispondere
  • @Saab900II,

    Molti produttori hanno avuto o hanno ancora veicoli Flexi Fuel (FFV) con motori corrispondenti nel programma. Da A come VW e Dacia a Z come Audi, Opel, Volvo, Koenigsegg o Bentley ...

    Potrebbe essere una sciocchezza alfabetica, ma il punto è che la tecnica non è un problema. E i produttori gestiscono i mercati corrispondenti in cui è disponibile E85, alcuni con FFV e persino la benzina usata vengono convertiti in Francia in grandi quantità per piccoli soldi e senza problemi in FFV ...

    Per un SAAB comunque di solito nessun problema. La società svedese MapTun realizza, ad esempio, lo sg BioPower Convert da circa 300, - €. Ad esempio per un 9-5 AERO Bj. 2008.

    Tra il vantaggio di CO2 o il consumo di ossidi di azoto E85 e l'uomo e l'ambiente, infatti, solo lo stato e la sua considerazione (fiscale), a medio termine preferiscono riscuotere le tasse sul carburante e vogliono impostare a lungo termine l'elettromobilità. In realtà è così banale e quindi così fastidioso ...

    Da un punto di vista tecnico, nulla parla contro E85 e il suo numero di ottano di 105.
    Dal punto di vista delle persone e dell'ambiente, molto parla per lui.

    Rispondere
  • @ Old Swede

    È solo a causa delle condizioni, o delle leggi e dei regolamenti applicabili, che i carburanti alternativi con contenuto rinnovabile per i produttori di veicoli non rappresentano più un problema.

    Uno dei maggiori problemi per i produttori è il rispetto dei limiti di carbonio attuali e futuri. E nell'omologazione automobilistica non ottengono alcun bonus se il veicolo può essere utilizzato con carburanti rinnovabili o parzialmente rinnovabili.

    Per ibridi plug-in e veicoli elettrici, tuttavia, esiste un bonus calcolato per l'anidride carbonica per il consumo di flotta dei produttori nell'UE (la quota di biossido di carbonio della generazione di energia non viene presa in considerazione), che può compensare il lusso altamente motorizzato e le auto sportive. Il consumo della flotta viene calcolato non solo dalla gamma dei modelli, ma anche dai numeri di immatricolazione, motivo per cui i produttori devono anche guardare per vendere questi veicoli per beneficiare del bonus elettrico.
    Ed è proprio per questo motivo che i produttori di veicoli propagano veicoli elettrificati su larga scala.
    Naturalmente, l'ibridazione, anche senza una spina, porta già vantaggi di efficienza, specialmente in città.

    Gli unici altri a cui possono rivolgersi per utilizzare carburanti alternativi sono gli utenti dei veicoli. Ecco perché, ad esempio, Audi è ancora coinvolta nella produzione di e-gas (gas naturale sintetico da biossido di carbonio e idrogeno solare) per i suoi veicoli a gas naturale. E l'uno o l'altro comune ha convertito la flotta municipale in Diesel CARE (diesel prodotto da oli e grassi vegetali e animali) perché vede un beneficio ambientale.

    Tuttavia, questi utenti sono gruppi relativamente piccoli più idealistici o ambientali e meno motivati ​​dal punto di vista finanziario che sono relativamente poco interessanti per i grandi produttori. Pertanto, la situazione è così com'è.

    PS: Fun-Fact marginalmente, esisteva e non esiste ancora un carburante E85 definito per l'omologazione dei veicoli flex-fuel nell'UE. Questo è stato uno dei problemi affrontati dai produttori aftermarket di E85 in quanto non aveva test di omologazione E85, quindi ovviamente nessun veicolo a combustibile flessibile dei principali OEM di E85 è stato certificato per EXNUMX, tutto solo per benzina. Questo per quanto riguarda la rabbia normativa in Europa ...

    Rispondere
  • @StF,

    questo è (di nuovo) ben studiato e sintetizzato.
    Per me chiaramente un piacere di lettura illuminante con alcuni nuovi aspetti.
    Per favore continua così ...

    Rispondere
  • Grazie per la risposta dettagliata! Ora mi viene in mente e mi dà (non) senso per me

    Rispondere

Scrivi un commento

Questo sito Web utilizza Akismet per ridurre lo spam. Ulteriori informazioni su come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.