Il primo mercato di esportazione israeliano per NEVS 9-3 EV?

I turisti europei che visitano Haifa o Tel Aviv potrebbero sperimentare un déjà vu automobilistico il prossimo anno. Forse la NEVS 9-3 EV attraverserà il loro cammino come reincarnazione della berlina Saab 9-3. Israele ha approvato a marzo l'importazione di fino a 400 auto elettriche ogni anno dalla produzione cinese. La NEVS sembra essere in attesa delle ultime notizie.

Produzione NEVS 9-3 a Tianjin
Produzione NEVS 9-3 a Tianjin. Credito fotografico: NEVS

Il rapporto diversi cinesi Swell in relazione al quotidiano "Yedioth Ahronoth". Si dice che una società commerciale di recente costituzione chiamata "auto elettriche JAC" sia alimentata da veicoli JAC Motors e NEV Importa. Se questo messaggio è corretto, il paese nel Mediterraneo sarebbe il primo mercato di esportazione per NEVS AB. Israele prevede di trasferire completamente il proprio traffico verso sistemi di propulsione alternativi entro l'anno 2030. A tale scopo, una rete di stazioni di ricarica 2.500 viene costruita da nord a sud.

Certo, la produzione è ancora a Tianjin. La capacità del nuovo impianto ancora è estesa e solo da gennaio 2020 il NEVS 9-3 EV dal nastro funzionerà. Contrariamente al messaggio, tuttavia, ci sono le dichiarazioni di NEVS, le auto elettriche 9-3 hanno fatto riferimento solo come prodotto per il mercato cinese, ma non per l'esportazione in Europa. Forse con la capitale di Evergrande alle spalle ha avuto luogo un ripensamento?

Dalla classe media al segmento del lusso

Il futuro orientamento di NEVS sotto Evergrande è diventato un po 'più chiaro negli ultimi giorni. Con la pubblicazione dei dati semestrali è diventato il duraturo volontà di investire confermato in elettromobilità. Evergrande continua a dichiarare di diventare il più grande produttore di veicoli elettrici al mondo per i prossimi anni 5. La compagnia prende molti soldi per quello. Nella seconda metà dell'anno sono previsti ulteriori aumenti nelle spese di ricerca e sviluppo. 1.2 miliardi saranno disponibili per il periodo di 6.

Per i loro obiettivi, gli investitori cinesi fanno affidamento su veicoli a guida autonoma come il Concetto InMotionma anche mobilità elettrificata dalla fascia media fino al segmento ultra lusso. Uno di questi veicoli sarà il modello entry-level di Koenigsegg, che sarà costruito da 2020 in piccoli numeri a Trollhättan. Secondo le loro stesse dichiarazioni, NEVS sta lavorando su veicoli completamente nuovi 8, i cui dettagli sono in sospeso.

Anche i pensieri di 8 "Il primo mercato di esportazione israeliano per NEVS 9-3 EV?"

  • Direi speculativamente. Nessuna produzione è ancora in corso. Tuttavia, con i soldi di Evergrande è più probabile che mai. Per favore costruisci auto a Trollhättan, poi ci sono io!

    4
    1
    Rispondere
  • Buone notizie

    Solo, perché una riunione con la gioia di 9-3
    rende ed è meglio di niente.

    Ma il più incomprensibile è l'affermazione Smits al festival ...
    9-3 è noto per lo sviluppo di SAAB ed è già stato testato come EV.

    Alcuni veicoli elettrici per Israele avrebbero aiutato SAAB 2020. Molto facile!
    E forse una licenza di importazione per le auto svedesi sarebbe chiara
    più generoso dei cinesi?

    Le auto X 400 non possono essere troppe NEV di Tianjin. soprattutto
    ma nessuno di loro viene da Trollhättan. Perché e come può esserci
    il fallimento SAAB è la cosa migliore che Trollhättan potrebbe accadere?

    Bene, spero che NEVS alla fine fornirà le risposte ...

    Ma comunque, ecco una domanda per il blog / autore:
    Giusto? Citazione: "Israele prevede di trafficare fino all'anno 2030
    passa completamente a unità alternative ".

    Una conversione in 2030 sarebbe senza precedenti in tutto il mondo ed è incredibilmente ambiziosa.
    Non è piuttosto che da 2030 non dovrebbero essere ammessi nuovi bruciatori?
    Sarebbe ma nessuna conversione in (!) Ma uno da (!) 2030 ...

    Non intendo essere meschino, ma tra adesso e poi puoi facilmente passare 30 anni.
    Almeno per gli israeliani (proprietari di auto convenzionali o distributori di benzina) che fanno
    sicuramente una differenza significativa ...

    Magari leggi qui uno o due? Se ricordo Marks e
    A mio avviso, mi sembra un brillante rapporto su una riunione della SAAB in Turchia
    anche probabilmente.
    Il driver SAAB - che comunità illustre.
    Semplicemente meraviglioso! ! !

    Rispondere
    • Alla domanda non è così facile rispondere.

      La visione israeliana di 2030 non dipende più da "fonti energetiche inquinanti". Di ': niente più importazioni di petrolio. Per questo motivo, la costruzione di stazioni di ricarica 2.500 inizia dal Kibbutz Dan nel nord fino all'Eilat meridionale. Anche 2020 dovrebbe stare in piedi nelle stazioni e servire da incentivo per passare alle auto elettriche. Va notato che attualmente meno di veicoli puramente elettrici 1.000 viaggiano in Israele. 400 all'anno ha già un numero.

      Sebbene non vi sia nulla da dire sul divieto dei bruciatori, interpreto la direzione presa come il definitivo allontanamento da questa tecnologia.

      Rispondere
      • Grazie per l'AW.

        Quindi il governo è spugnoso su questo punto.
        Non il primo e non l'unico. Mi dispiace quasi
        che ho anche chiesto e messo in discussione una formulazione ...

        Bene, chi non chiede rimane stupido e ho avuto un certo guadagno nella conoscenza.
        Al contrario (un governo affidabile [in qualsiasi parte del mondo] e una sfocatura
        su un blog) Sarei stato molto meglio ...

        Rispondere
      • Dieci anni fa Israele una volta aveva chiesto la fine del motore a combustione, e quindi la fine della dipendenza dal petrolio dei vicini arabi non amati. Il target temporale era quindi l'anno 2020. Questo dovrebbe essere fatto anche usando la mobilità elettrica.

        L'ex manager SAP Shai Agassi ha fondato Better Place. Il suo approccio era di scambiare le batterie dei veicoli in stazioni di cambio completamente automatizzate (impiegava meno di 5 minuti). Voleva procedere contro l'ansia da autonomia e i lunghi tempi di caricamento. Questo principio è perseguito ancora oggi dal produttore cinese NIO.

        A differenza di NIO, Better Place non ha costruito le proprie auto ma ha avviato trattative con produttori affermati. Questi dovrebbero consegnare auto adatte. Tuttavia, solo la Renault poteva vincere per una collaborazione. Gli altri marchi (in particolare il tedesco) non volevano essere fissati su un sistema di batterie, volevano svilupparne uno proprio o non davano alla mobilità elettrica una possibilità per il futuro.

        In Israele, nell'ambito del progetto dovevano essere costruite stazioni di cambio batteria 40. Quando la società 2013 fallì, c'erano appena sotto le auto 940 (Renault Fluence - c'era un solo modello) in Israele. Fino ad allora, Better Place era disponibile anche in Europa: almeno una stazione di sostituzione della batteria era in funzione a Copenaghen.

        Rispondere
        • Queste sono anche informazioni molto interessanti e stimolanti. Grazie

          E ancora, si aprono contraddizioni interne. Per quanto ne so, nella regione (per necessità)
          decine di migliaia di generatori con motori a combustione interna utilizzati per generare elettricità. La loro efficienza dipende da
          Stato operativo da qualche parte tra 0 (senza carico senza carico elettrico) e max. 20% ...

          Il resto o tutto (da 80 a 100%) non è elettricità, ma aria calda e CO2 da combustibili fossili
          le nazioni esportatrici di gas e petrolio, siano esse amate o non amate.

          Bene, alla fine un esempio x di come traboccare (traboccare) il nostro globo e l'umanità
          accusato di contraddizioni interne, interessi nazionali o internazionali e obiettivi contrastanti ...

          Nel frattempo, come esportatore (amato o non amato), puoi sederti e goderti il
          Per un periodo indefinito, la domanda e il consumo di combustibili fossili continueranno ad aumentare.

          Parliamo così tanto di inversione di tendenza, mobilità elettrica, decarbonizzazione e del nostro futuro che siamo stati a lungo il
          La realtà e il presente completamente con la coda dell'occhio. Questo sarebbe l'unico
          punto di riferimento valido e significativo, dove si potrebbe effettivamente legare in modo efficiente ...

          Rispondere
  • Sono curioso
    Ma perché solo contatti con Israele; un paese piuttosto piccolo. Ci sono altri mercati che hanno l'opportunità di collegare auto elettriche. Qual è la ragione per cui NEVS ha lanciato un primo contratto con Israele?
    Vediamo cosa accadrà qui all'inizio 2020.

    Rispondere
    • Israele è un mercato relativamente piccolo che viene spesso scelto come test per nuove tecnologie e nuovi fornitori. Non insolito, quindi.

      Rispondere

Scrivi un commento

Questo sito Web utilizza Akismet per ridurre lo spam. Ulteriori informazioni su come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.