Saab Festival 2019 - Recensione Parte 1: Approccio a Trollhättan

Sono passati due mesi da quando il Festival Saab si è concluso a Trollhättan. Un fine settimana piovoso ma comunque eccezionale, che merita un rapporto finale. È giunto il momento di completare uno degli eventi Saab più importanti in linea con il blog!

La nostra piccola colonna Saab
La nostra piccola colonna Saab


Giovedì, alle 6:00, la sveglia suona presto. Anche se il punto di partenza del viaggio è ad Amburgo, mancano ancora poco più di 700 km alla destinazione: una partenza anticipata ti assicura anche di non rimanere bloccato nell'ora di punta di Amburgo. Almeno questa è la teoria, che dobbiamo mettere da parte dopo 10 minuti di macchina. Ingorgo stradale. Naturalmente. Dietro Berlino e Monaco di Baviera, Amburgo è la città con il maggior numero di ingorghi, il cantiere permanente A7 potrebbe essere un motivo non del tutto insignificante. Il piccolo convoglio, composto da 900i e 9-3 SC, si riscalda quando è fermo.

Solo 20 minuti dopo, quindi corsa gratuita. Non c'è nulla in mezzo a Trollhättan. Va rapidamente in direzione di Puttgarden, in Danimarca si fa il salto di Saab. Lo scandinavo è tipico con 110 km / h fino al porto di Elsinore.

Un sogno svizzero

Appena arrivato al molo dei traghetti segue il primo momento clou automobilistico del tour. Mentre aspettiamo il nostro passaggio allo sportello, un 900 Aero bordeaux si accende. Il tipico suono turbolento riempie l'area del check-in. In effetti, tutte e tre le Saab sono assegnate alla stessa corsia. Un giovane esce, siamo proprio accanto alla porta e ci aggiriamo furtivamente attorno alle macchine. È in viaggio da alcuni giorni e ha fatto il lungo viaggio dalla Svizzera. Ammette rapidamente che non vedeva l'ora dell'autostrada tedesca. Infine, concedi all'Aero il meritato esaurimento prima che diventi di nuovo più civile in Scandinavia.

Le abitudini svedesi

Quindi continua tutto il viaggio in traghetto e alla fine solo le dogane svedesi possono separarci. La Saab rossa viene sventolata direttamente e siamo interrogati. Cosa vogliamo in Svezia? Rispondiamo sinceramente con la visita del festival. La signora della dogana sembra irritata. Festival? A Trollhättan? Lei non ne sa nulla. Spieghiamo brevemente, ma l'aspetto irritato rimane. Se vogliamo stare insieme vuole ancora sapere. Diciamo di no, ma probabilmente avrebbe potuto rispondere di sì anche alla risposta. Ci lascia passare e lasciamo il turbo rosso alla dogana.

In prima serata arriviamo a Trollhättan. Infine. Dopo poco meno di 30 gradi sulla strada lì si raffredda a Trollhättan in pochi minuti. Tre temporali dopo e zack - gradi 16 e vento. Si mette a disagio. Basta mangiare qualcosa, fare rifornimento di carburante e andare all'alloggio, quindi almeno il piano. Justus ha trovato un tipo speciale di alloggio. Anche nel suo alloggio - Saab prima! Il suo padrone di casa lo saluta con le parole "Penso di aver costruito la tua auto". Invece di presentarsi per nome, l'anno del modello di 900 ha la priorità. Solo più tardi si scopre che Per (qualche volta sappiamo il suo nome dopo tutto) ha lavorato negli anni 80er presso Saab sulla catena di montaggio per 900er. Un ex dipendente della Saab come padrone di casa - e il festival. Cosa c'è di meglio?

Una visita a Saab ANA

Più tardi quella sera, ci dirigiamo verso una stazione di benzina nell'ex edificio Saab ANA. Invece di 5 minuti trascorriamo quasi un'ora alla pompa. La colpa sono le innumerevoli Saab che si precipitano nell'enorme rotonda ogni pochi secondi. Vari modelli 9-3 Griffin, 9000er recentemente restaurato, 9-5er sintonizzato e 96er classico.

Smettiamo di contare dopo pochi minuti, è solo inutile. È uno di quei brevi momenti in cui sembra quasi che Saab non sia mai stato via. Così tanti Saab - un sogno. E il festival non è nemmeno ancora iniziato. Ma il grande logo BMW sull'edificio ANA ci riporta rapidamente alla realtà. Basta con le fantasticherie. Le macchine sono state piene per molto tempo. Quindi raccogli tutte le carte di credito e torna alla sistemazione. Finalmente ci sono abbastanza punti salienti che ci aspettano!

13 pensieri su "Saab Festival 2019 - Recensione Parte 1: Approccio a Trollhättan"

  • Grazie per il viaggio soleggiato. Ora non vedo l'ora che arrivi l'incontro ...

    Con mia grande vergogna, devo confessare di essere particolarmente curioso riguardo al tuning 😉

    Questo non è praticamente un problema in D con i driver SAAB. Tranne forse un piccolo cervo e altre ottimizzazioni piuttosto discrete e non spettacolari. A questo proposito, trovo l'ala sinistra all'interno del gruppo di piloti SAAB svedesi davvero spettacolare - ovviamente per pura curiosità. Mi piace il mio SAAB per tutti i giorni e i viaggi.

    * lasciato nel senso di corsia preferenziale

  • Grande scritto, ottimo video. Mi piacerebbe anche essere stato lì. La signora della dogana ti chiede cosa vuoi far domandare alla Svezia. Sicuramente non saresti stato l'unico ad essere lì.

  • Ciao alla Saabgemeinde.
    Ottimo rapporto e così sicuro da provare solo con Saab. Semplicemente fantastico. Non sono stato a Trollhättan da molto tempo. Ma il rapporto rende la città e i resti del nostro marchio meno attraenti da visitare. Le "fazioni Jalla" non vivranno certo un'esperienza del genere.
    Tutti i Saabiisten si divertono e si divertono con le loro macchine

    • Frazione di Jalla? ? ?

      Mi interessano le scienze linguistiche e sociali, ho esaurito il dizionario Duden, mia moglie (compresa una laurea in tedesco e un'insegnante), i miei figli (compresa almeno una pubertà) e anche Google ...

      ... ma non ho ricevuto risposta su cosa dovrebbe essere effettivamente. Solo Google mi ha offerto un singolo e molto discutibile hit sotto la contro domanda, "Intendevi fazione Jalla". Un singolo colpo su Google? ? ?

      Caro Björn,

      per favore aiutami a capire meglio il tuo commento. Cosa sono le "Frazioni di Jalla"?

      Grazie in anticipo
      H. Hürsch

      • Non troverai nulla nel Duden perché la parola è scritta con "Y": Yalla. Originariamente proviene dall'arabo ed è stata Parola dell'anno per i giovani nel 2012. La parola (frazione di Yalla) è usata facoltativamente per descrivere certi ambienti giovanili o migranti. La connotazione non è necessariamente positiva ...

        • Grazie per l'illuminazione, ma capisci chi vuole.

          A volte il "benefattore" viene scelto come parolaccia dell'anno perché si suppone sia usato solo per diffamare l'impegno civico volontario e libero (ergo politicamente voluto) in circolazione.
          E nello stesso decennio, vengono premiate altre parole per la loro qualità diffamatoria?
          Questo è probabilmente confuso. Molto confuso.

          Bello che qui articoli e commenti siano raramente scritti nello stile del recente grido.

      • Buongiorno Sig. Hürsch
        Nella nostra zona, il termine è un termine "amorevole" e non malvagio per le auto BMW, Audi e Mercedes guidate (principalmente) da giovani migranti. Inoltre, non è una valutazione, ma solo un fatto che tali marchi sono guidati da tali persone in Bassa Sassonia. Ho un amico siriano. Lui stesso chiama molti dei suoi compatrioti Jallas e ride. Quindi non tutto è inteso male o male.

        1
        1
        • Non male e non significa male? Una questione di interpretazione e il corrispondente movimento politico certamente non approvano positivamente questo termine. Non voglio identificare erroneamente le persone con un background di migranti, né tollererò il pensiero di destra sul blog.

          Per questo motivo, la funzione di commento per questo post è chiusa.

    • Caro Björn,

      Potresti spiegarti più in dettaglio il termine "frazioni di Jalla"? Potresti non avere familiarità con la connotazione razzista diffamatoria (quotidiana). Si prega di essere informati di questo.

      Ciò che tale terminologia e modelli di pensiero - forse usati involontariamente - hanno a che fare con la partecipazione a una riunione automobilistica è oltre il mio orizzonte.

      3
      4
  • Caspita, grazie per la prima parte della meravigliosa partecipazione alle foto!
    Grazie per il film! Emotional! Continua gab del pari a: https://www.youtube.com/watch?v=e2bjhTZkBDM
    Non vedo l'ora che arrivi la prossima parte ...

    • An Attentive Reader 😉 Il seguito è stato progettato per un'altra parte della serie, più è stato trovato bello!

  • Ottima foto di copertina, foto e film fantastici, ottimo report, scritto molto interessante e stimolante! E ovviamente un grande festival, a cui purtroppo non ho potuto partecipare. Quindi non vedo l'ora che continui il tanto atteso rapporto di partecipazione! 🙂

  • Wow, è un'ottima offerta per il titolo. Grazie per il (tanto atteso) rapporto - Non vedo l'ora che arrivi il seguito 😉

    11
    1

I commenti sono chiusi