Review Weekly. Saab nel cuore. E nell'aria.

  • Lensch & Bleck. Saab nel cuore.
  • Sanicole Airshow. Classici svedesi nell'aria.
  • Automechanika. Orio celebra la sua anteprima.
Lensch & Bleck. Saab nel cuore.
Lensch & Bleck. Saab nel cuore.

Saab nel cuore di Lensch & Bleck

Amburgo è ed era una roccaforte Saab. Abbiamo acquistato la nostra ultima Saab nuova di zecca nel 2011 da Lensch & Bleck. In realtà, quella era la mia impressione all'epoca, un concessionario Opel con una piccola Saab sullo sfondo. Ma il marchio Saab è ancora importante e la pubblicità è arrivata sul mio tavolo pochi giorni fa.

Lensch & Bleck ha ancora a bordo il team dell'officina Saab e continua a offrire competenze per il marchio svedese. Parallelamente si richiede l'aggiornamento dei dati del cliente e si regalano buoni per servizi di officina fino a € 50,00. Saab come fattore economico, anche 5 anni dopo la fine del marchio? Anche quest'anno i workshop dedicati hanno un registro completo degli ordini e ci sono sempre tempi di attesa prima di ottenere un appuntamento.

Saab funziona come un modello di business. Tuttavia, solo dove il marchio vive davvero. Perché noi piloti Saab sono esigenti in questo senso.

Saab nell'aria.

I classici ei giovani Saab sono popolari. Non solo quando hanno quattro ruote, ma anche quando volano. L'Airshow di Sanicole si è svolto in Belgio dal 9 all'11 settembre. Saab AB era lì, anche con i classici volanti Saab. Le radici del marchio sono nella costruzione di aeromobili e fino alla fine degli anni '80 la costruzione di automobili era una divisione di Saab AB Nyköping.

Il Saab 29 Tunan potrebbe essere visto in Belgio, il primo jet svedese a rompere la barriera del suono. Anche la Saab JA 37 Viggen, la cui silhouette è inconfondibile, e la Saab JAS 39 Viggen. Le immagini delle Saab volanti e degli altri partecipanti possono essere viste sulla homepage dell'airshow.

Orio all'Automechanika

Era una lunga strada da Saab Automobile Parts AB a Orio AB. Oggi, Orio è un'azienda moderna le cui origini si trovano nel marchio Saab, ma che si sta espandendo fortemente in altri mercati. Orio si considera un moderno logista e fornitore per molti marchi e offre una garanzia di anni 3 sui pezzi di ricambio.

Orio Germany ha celebrato una prima questa settimana. Per la prima volta la filiale tedesca è stata rappresentata con uno stand all'Automechanika. La fiera B2B si svolgerà nei padiglioni espositivi di Francoforte fino al 17.09 settembre. L'aspetto fieristico di Orio Deutschland GmbH è nel padiglione 4.0, stand F31.

9 pensieri su "Review Weekly. Saab nel cuore. E nell'aria."

  • vuoto

    Il SAAB J 29 'Tunnan' è con il 'gula R' l'ultimo esemplare idoneo al volo IN TUTTO IL MONDO! Dovrebbero esserci ancora diversi pezzi idonei al volo della Viggen. È stata un'esperienza duratura poterli "volare" nel simulatore nel 1996.
    È bello vedere ancora i classici aerodinamici in volo!

  • vuoto

    Mi è capitato di trovarmi a Leopoldsburg sulla 9. Settembre con il mio 9-5 che ha guidato questo Saab JA 37 sull'aerodromo di Sanicole.
    Wat molto orgoglioso di vedere questa Saab con la sua forma caratteristica dal mio 9-5er ... e di sentire!

  • vuoto

    Il fatto che SAAB AB con le sue attività di marketing possa ora essere trovato anche qui nel blog non mi si rivela - l'associazione alla fine ha contribuito al fatto che le automobili SAAB non ci sono più - pensa solo alla vendita consequenziale a GM, perché tu era troppo stupido anche per la divisione auto a lungo termine o il comportamento riguardo ai diritti del marchio SAAB.

    Davvero superfluo!

    • vuoto

      Saab AB e aerei come Saab Tunan sono tra le radici del marchio. I confini tra la produzione di automobili e la costruzione di aeromobili erano fluidi fino agli anni 80, e spesso c'erano sovrapposizioni di personale. Ecco perché gli aerei valgono una nota sul blog.

    • vuoto

      Lo rendi troppo facile per te stesso quando maledici SAAB AB ... Pensa a Scania, un produttore di autocarri, erano lì fino all'inizio degli anni '90 e dove sono oggi? Esatto, acquistato da VW ... Il fatto che la divisione auto sia stata finalmente venduta completamente a GM (che aveva già quote di AB da alcuni anni) non era solo dovuto a SAAB AB (che ora è passata completamente allo stato svedese). Per inciso, qui nel blog, penso che una volta Tom abbia portato un articolo su chi era interessato all'acquisto delle restanti azioni nella divisione automobilistica Saab e ha offerto più soldi?

    • vuoto

      Il tuo commento, signor Rudolf,

      Non capisco. Senza Maria non ci sarebbe Gesù e senza SAAB AB non ci sarebbe una sola macchina SAAB ...

      La storia potrebbe essere macchiata a un certo punto, ma la nascita della macchina SAAB non lo era!

      Quello che qui mi ricorda di regimi autoritari con le loro storie ufficiali e falsi.

      • vuoto

        Dipende sempre da cosa fai con un'azienda - non ho scritto di Maria con il piccolo Gesù o della nascita della divisione automobilistica SAAB. Quest'ultimo è nato solo perché SAAB "ha frequentato" la divisione aeronautica dopo la seconda guerra mondiale ed era alla ricerca di nuovi campi di attività imprenditoriali.

        Negli anni '80, la divisione auto non era più chiara e cercavano un acquirente - dov'è la "scrittura della storia" sbagliata qui?

        Cosa c'è di sbagliato nella gestione aziendale incasinata di SAAB AB? Anche se ad alcuni non sembra piacere, la gestione della divisione auto è stata chiaramente incasinata. Questo è già iniziato all'interno di SAAB AB e, come è noto, è stato gestito meglio solo per un breve periodo sotto l'egida di GM - il risultato finale negativo è anche dovuto a una gestione aziendale incasinata. Definire il tutto solo una macchia, penso, d'altra parte, sia banalizzante e quindi del tutto impreciso!

  • vuoto

    A proposito, all'Airpower 2016 in Austria due settimane fa, erano in azione anche i “bidoni volanti” Saab 2 (Tunnan), Saab 29 (Draken), Saab 35 (Viggen), Saab 37 (Gripen) (www.airpower. gv. a)! Si dice che la Saab 39 sia stata l'ultima copia ancora in grado di volare.

    • vuoto

      Ero lì ed è stato davvero fantastico (con l'ingresso gratuito!). Credo anche che Viggen fosse l'unico esemplare aeronavigabile in Europa.

I commenti sono chiusi