Note dalla Svezia

Alcuni anni fa, il futuro della produzione automobilistica svedese sembrava incerto. La situazione è completamente cambiata, la mobilità dalla Svezia ha un futuro. L'Expressen ha riferito questa settimana sulla "caccia continua" agli ingegneri. Un problema che hanno tutti i giocatori della Svezia meridionale.

Volvo Concept 40. Le rivalità animano il business. Immagine: Volvo Cars.
Volvo Concept 40. Le rivalità animano il business. Immagine: Volvo Cars.

Volvo si ferma, set CEVT e NEVS alimenta ulteriormente la situazione. L'elenco dei posti vacanti è impressionante e più lungo che mai. Il nuovo marchio dell'ex stabilimento Saab ha molto in serbo. La fiducia in NEVS e nel futuro di Trollhättan sembra esistere.

Cliff Models, una società di Göteborg, ha rilevato l'ex "Modelverkstad" nel 2012. Saab ha prodotto per decenni lì prototipi per il proprio marchio e per il gruppo GM. Oltre a Volvo, anche NEVS è un cliente importante. Cliff Models continua a investire, amplia la gamma di servizi e sta attualmente installando un Diamond 30 a Trollhättan, come riporta TTELA.

La macchina 1.5 da un milione di euro, la prima del suo genere in Svezia, sarà utilizzata per la produzione di utensili e produrrà gli strumenti necessari per produrre i nuovi veicoli NEVS. Pronto per la produzione è il Diamond 30 di KW 32.

 

 

La nascita di un marchio

La nascita di un nuovo marchio è qualcosa di speciale. Le persone dell'IT preferiscono spesso i garage come luoghi di nascita, che spesso causano grandi cose. Il mio primo lavoro IT è iniziato in un simile edificio molti anni fa. Altri cercano una struttura pomposa, alcune aziende iniziano in una sala disadorna.

NEVS ha preferito la variante semplice e pochi giorni fa ha pubblicato un video della cerimonia su YouTube. Jonas Hernqvist, in precedenza responsabile per la regione asiatica di Saab Automobile AB, ha annunciato l'inizio nel futuro. National Electric Vehicle Sweden è diventata NEVS. L'ambiente semplice e la semplicità della presentazione non devono indurci a cadere in false conclusioni sul futuro dell'azienda. Perché, come ho detto, le cose interessanti possono iniziare nei garage. O in un semplice capannone di fabbrica.

Auto elettrica dalla Svezia. Distanza 500 chilometri.

Ovviamente NEVS non è nel vuoto. La gamma di auto elettriche è piena di nuovi prodotti quasi ogni giorno. Nel 2012, quando è stata acquistata l'eredità Saab, sembrava il futuro. 4 anni dopo, quasi tutti i fornitori viaggiano con l'argomento. Le cose si sono fatte specifiche ieri a Göteborg. Le prime due auto elettriche di Volvo arriveranno nel 2019. Una grande, presumibilmente basata sul successore della XC60, che è cresciuta in lunghezza, con un'autonomia di 500 chilometri. E uno piccolo basato sulla nuova piattaforma CMA, sviluppata dall'ex capo sviluppo Saab Mats Fägerhag al CEVT. Dovrebbe avere un'autonomia di 300 chilometri.

Anche per i nuovi marchi, non esiste una protezione per i cuccioli. La piattaforma per la nuova generazione di auto elettriche NEVS è, secondo l'annuncio ufficiale, pronta per 2019 o 2020. 8 anni dopo l'acquisto dell'eredità Saab e una nuova piattaforma non rappresenta un nuovo veicolo allo stesso tempo. Potrebbe venire 2021. Se quei dati sono corretti, e se non si inseriscono in profondità Trollhättan.

Può il marchio NEVS, la mobilità elettrica è il fondamento dell'azienda, permettere a Volvo di cedere il passo? Domanda interessante ... La corsa per la produzione in serie della prima auto elettrica svedese è iniziata. Le rivalità tra Gothenburg e Trollhättan, tra Volvo e Saab, sono state buone per l'industria automobilistica svedese dal 1947 e un incentivo per entrambe le parti. Perché dovrebbe cambiare tra Volvo e NEVS?

10 pensieri su "Note dalla Svezia"

  • vuoto

    Mi chiedo solo cosa vuoi (in Svezia !!!) con la gamma di chilometri 300-500.

    inoltre:
    1. I km 500 saranno certamente raggiunti solo come parte di un ciclo di prova del tutto irrealistico.
    2. La batteria deve essere assolutamente nuova per questo.
    3. Il processo di ricarica richiederà molto più tempo del necessario per il rifornimento.

    Tuttavia, gli immobili svedesi sono sempre stati affascinanti. 😉

    • vuoto

      Anche la gamma della mia SAAB non è più grande.

      Soprattutto con l'E85 (potere calorifico basso) ero contento se in città c'erano più di 300 km o quando guidavo veloce in autostrada ...

      Un'e-car con 300-500 km la considero pratica. Anche per lunghe distanze, se può essere caricato nel contesto di pause ragionevoli comunque.

      • vuoto

        Soprattutto in paesi con limiti di velocità come la Svezia, la Norvegia e i Paesi Bassi si adatta quindi alla gamma. I chilometri 300 o 500 sono quindi realtà e l'EV è adatto alla vita di tutti i giorni.

  • vuoto

    Cosa è realmente accaduto alla produzione contrattuale prevista (prevista) a NEVS?
    O uno è ora in grado di fare a meno delle entrate?

    • vuoto

      Non ci sono stati più aggiornamenti sull'argomento. E non ho una prognosi.

    • vuoto

      Ha, ho pensato anche a questa compagnia perché ho letto un articolo a riguardo ieri (http://www.kreiselelectric.com/). È molto eccitante e soprattutto dimostra che anche le piccole aziende sono in grado di inventare nuove idee molto promettenti.

  • vuoto

    Sì, quindi alcuni ritardi si sono già uniti, e probabilmente la consapevolezza che nonostante tutta la modularità Phoenix 1 non è probabilmente così adatta per le auto elettriche. Nel frattempo, la mia preoccupazione sta crescendo di nuovo, il NEVS potrebbe arrivare troppo tardi e potrebbe non offrire nulla di spettacolare a causa della mancanza di tecnologia della batteria. Bene, vediamo cosa può offrire la generazione intermedia.

    • vuoto

      Sarebbe tragico se NEVS fosse "troppo tardi" e davvero inimmaginabile poiché la mobilità verde e sostenibile è all'ordine del giorno. Potremmo anche vedere la generazione intermedia in Europa, NEVS lascia molto aperto. Sarebbe eccitante.

  • vuoto

    Di sicuro che NEVS non è partito a zero, possono passare molto tempo. Se OVLOV atterra di fronte a NEVS, sarebbe biasimevole. Niente di pioniere della mobilità elettronica.

I commenti sono chiusi