Passo dopo passo. Verso il futuro.

In Europa, le persone discutono se l'auto elettrica sarà un futuro o solo una soluzione temporanea. In Cina, la questione viene finalmente risolta dal partito e la mobilità elettrica giocherà un ruolo chiave per una Cina più verde e intelligente.

Fabbrica di Saab sotto il sole invernale
Fabbrica di Saab sotto il sole invernale

Il boom dell'auto elettrica

Quest'anno, 600.000 EV dovrebbe essere re-registrato in Cina. Il segmento è in piena espansione e un gran numero di nuovi modelli e marchi stanno entrando nel mercato con potenza. Perché l'anno in corso è solo il preludio di una cosa molto più grande; La ripida salita potrebbe continuare negli anni successivi. Una nuova era di scavo d'oro si sta radunando, ogni partecipante al mercato vuole assicurarsi un pezzo di torta.

Per avere un'idea del boom, ecco un'istantanea dei giorni passati di 7:

Shanxi Tongja Auto annuncia il marchio Kissun. Kissun Auto, specializzata in "veicoli a nuova energia", venderà in futuro piccoli furgoni elettrici. Il leader di mercato BYD sogna il mercato statunitense e consegna il primo autobus a due piani completamente elettrico per Londra.

Zotye E200EV
Zotye E200EV

Zotye delizierà i clienti da aprile con l'E200 EV compatto e di successo. Hawtai, Commerciato come Saab salvatore per alcuni giorni nel 2011, porterà la berlina iEV230 a marzo e il SUV xEV 260 il mese prossimo. Auto Zhiche, Fondata nel 2014 come produttore di veicoli elettrici, mostra lo studio di un SUV puramente elettrico con il nome "Hello". BAIC annuncia una supercar elettrica sviluppata con partner spagnoli per il Beijing Auto Show di aprile.

La mancanza di nuove auto elettriche non è ovviamente in Cina. A partire dal basso costo del veicolo elettrico a bassa velocità, attraverso soluzioni di trasporto, berline di fascia media con una gamma di circa 300 chilometri per gli inevitabili SUV elettrici, tutto è lì. Nuovi sviluppi e nuove aziende spuntano come fiori in primavera. Chi in Cina ha bisogno di un EV dalla Svezia?

La Cina non ha bisogno di NEVS. Ma vuole NEVS.

L'ultima novità nella lista degli stupori è la collaborazione di NEVS con la State Grid Corporation of China (SGCC). Si tratta di acquistare auto elettriche, NEVS è il fornitore preferito e collabora allo sviluppo della tecnologia e delle infrastrutture di ricarica. Con 1.87 milioni di dipendenti, la SGCC è la più grande azienda del settore pubblico al mondo e svolge un ruolo chiave in Cina per la futura mobilità elettrica. Il rapporto dimensioni NEVS - SGCC è quello tra zanzara ed elefante. Ci si potrebbe chiedere perché un'azienda che stabilisce le regole del gioco collabora con una piccola zanzara.

La risposta viene dal punto di vista della situazione dell'industria automobilistica svedese. A Södertälje si determina VW, Volvo è cinese, anche l'ex stabilimento Saab di Trollhättan. La costa occidentale svedese è diventata la porta d'ingresso per i cinesi, anche se lamentano a voce alta la mancanza di cooperazione, entusiasmo e apprezzamento per il loro impegno. Solo il gruppo di veicoli commerciali Volvo è ancora svedese e sta lottando con sempre nuovi programmi di austerità e licenziamenti per il loro futuro. E a parte Koenigsegg, il futuro dell'industria più importante del paese è determinato all'estero.

Il fatto che si sia arrivati ​​a questo è una conseguenza della politica degli ultimi anni. La situazione in Svezia non rende tutti felici. Ci sono promemoria, anche se il Paese finora ha fatto bene con gli investimenti dalla Cina. Perché la strategia cinese è cambiata radicalmente nel corso degli anni. In passato sono state acquistate aziende europee in difficoltà, le fabbriche smantellate, le conoscenze sono state acquisite e la produzione è stata trapiantata in Asia. Si è appreso che questo era troppo breve. Oggi vieni per restare. La storia di Volvo mostra come si fa. La conoscenza non viene più trasferita, è condivisa. Gli ingegneri cinesi collaborano con competenze locali. La Cina si sta sviluppando da banco di lavoro mondiale a China AG globale.

Per il mercato del lavoro sulla costa occidentale svedese, lo sviluppo di una testa di ponte cinese in Europa è incoraggiante. I dipendenti qualificati sono richiesti, la cooperazione con SGCC alimenterà ulteriormente la situazione e creerà nuovi posti di lavoro presso NEVS.

Il futuro di Trollhättan è scritto a Pechino, tutto è possibile. Dalla fine della ricostruzione in aprile 2015, è passo dopo passo verso il futuro. L'elenco delle cooperazioni è impressionante e le possibilità finanziarie sono stabili. Forse NEVS inizierà una ripida salita da 2017. Gli ordini esistenti e i nuovi modelli di 2018 rendono questo possibile ... se i finanziamenti continuano a funzionare e le partnership si dimostrano solide.

Siamo interessati allo sviluppo di NEVS? Il tema ricorda l'apprendimento del vocabolario per l'aula. Polvere secca, senza emozioni, ma deve essere. È la base per di più. Quindi combatti per ogni frase, soppesa le parole. Sarebbe più comodo ignorare l'argomento. Ma la scritta Saab è ancora blasonata al lavoro. Questo da solo è abbastanza impegno.

12 pensieri su "Passo dopo passo. Verso il futuro."

  • vuoto

    Buon articolo di recensione Due piccole percezioni di immagini; 1) SAAB è ancora chiaro e visibile sull'impianto THT. 2) Perché le piccole auto elettriche sembrano così brutte?

    • vuoto

      Non riesco a capire perché la maggior parte delle auto elettriche (indipendentemente dalle dimensioni) debba sembrare così orribile. Toyota Prius e Mirai, Opel Ampera, Nissan Leaf, BMW i3 ecc. Non sono auto piccole. Tecnologia innovativa, ma anche il design è una catastrofe. Può essere una questione di gusti ...
      Che funzioni diversamente mostra Tesla con il Modello S.
      Penso che i produttori ritengano che i veicoli elettrici debbano distinguersi in qualche modo dalle auto normali. Va bene, ma per favore fallo con stile!

  • vuoto

    Deciderà non solo l'accettazione degli acquirenti. Una macchina deve essere pratica e adatta alle esigenze personali. Certo, dipende dall'offerta futura. Un EV puro che potevo presentarmi in quel momento solo come seconda macchina per la città e l'area circostante. E almeno dovresti avere abbastanza spazio per prendere alcune casse al mercato delle bevande. Poiché attualmente siamo veloci nell'area intorno a 30.000 €, che è semplicemente troppo costoso per una seconda auto. Gli ibridi plug-in forniscono attualmente circa 50 chilometri di raggio, che è certamente sufficiente per un tour della città. Tuttavia, la scelta è ancora molto limitata qui. Penso che se il sig. Jiang non si ritirerà di nuovo dai funzionari del partito della Cina, NEVS avrà un brillante futuro in Cina. Ma loro non hanno bisogno del nome Saab per quello. Per l'Europa, il prezzo e la gamma hanno ancora molto da fare per uscire dal business di nicchia. Dal momento che non vedo un grande boom di EV nel prossimo futuro. Se nient'altro viene da NEVS che solo EV puro, allora sono sulla strada giusta in Cina. Fino a quando i tempi saranno maturi in Europa e nel resto del mondo, il nome Saab non sarà necessariamente necessario per NEVS. Come scrive Thylmuc, le auto non vengono acquistate per namezets o fabbriche, ma per la loro utilità ed esecuzione, qualità e, in definitiva, rapporto qualità-prezzo. Penso che sia troppo tardi per vendere alla gente un EV come una Saab. Uno avrebbe dovuto mantenere la presenza del marchio più velocemente con i prodotti di transizione. Cosa pensa la gente oggi quando sente il nome Saab? Se ci fosse un sondaggio su questo argomento, sono abbastanza sicuro che la maggior parte delle risposte non si chiamerebbero auto elettriche, ma termini come Turbo, 900er o auto da turismo cadrebbe. Nuova società, nuovo prodotto, nuovo nome, perché no?

  • vuoto

    Conosco altri modi. Toyota ha rilasciato un'auto a celle a combustibile che ha una gamma più ampia di veicoli elettrici. Erano più veloci di Mercedes. Come sappiamo Toyota, spingono nei mercati che non hanno ricevuto la priorità dai cinesi e quindi da Nevs. Se questo succede (specialmente negli Stati Uniti) come la Prius come ibrido, sarà stretto per i veicoli elettrici fuori dai mercati cinesi.

  • vuoto

    L'auto elettrica come soluzione temporanea? Non l'ho ancora sentito. Dove andare? All'immobilità? Dopo uno studio approfondito dell'argomento, non vedo alternative. Oh, anche un'auto a celle a combustibile è un'auto elettrica, solo senza una grande batteria, ma con un'efficienza inferiore. Se un concetto vince e quale sarà il risultato di un mix di sviluppi della batteria tra cui prezzo, costi dell'elettricità e praticità.

    Inutile dire che dovremmo essere interessati al futuro di NEVS, almeno quelli che credono che le macchine siano progettate e costruite dagli umani, non dalle etichette dei nomi sulle fabbriche.

    Nonostante i problemi principali - ma solo con le batterie - l'auto elettrica per me è il futuro a lungo termine e noi Saab ci chiediamo se preferiamo comprare questo alla fine di Tesla, BMW, Toyota o le persone care di Trollhättan.

    • vuoto

      In Europa, gli ibridi plug-in potrebbero svolgere il ruolo più importante e sarà l'accettazione degli acquirenti che decidono. Un'auto a celle a combustibile non è necessariamente percepita come un'auto elettrica, sotto un EV molti lettori comprendono un veicolo con batterie, e questo si riferisce all'articolo, alle dichiarazioni e alla situazione in Cina.

      • vuoto

        Grazie per le aggiunte. Tuttavia: un ibrido guida con combustibili fossili. _Questa è una soluzione temporanea. Cosa succede se il petrolio non viene più utilizzato dopo il completamento del turnaround di energia?

        Dopo molti calcoli avanti e indietro, mi è stato chiaro che gli agrocombustibili non possono essere prodotti a sufficienza. Neanche lontanamente, nemmeno rovinato l'intero pianeta e tutte le misure di austerità.

        Anche il metanolo estratto dall'aria non verrà.

        Per chiarire, una calcolatrice e alcuni dati chiave da Wikipedia, ecc.

        Il futuro sarà elettrico o immobile.

      • vuoto

        Complementazione: In effetti, credo che in generale l'uso di energia, vale a dire la conversione in elettricità, idrogeno e stoccaggio / trasporto, sarà il tema più importante dei prossimi decenni. E ci sono in particolare due campi di ricerca che devono essere affrontati, vale a dire:
        Energia di fusione come alternativa al vento e al sole; perché può essere generato in modo più affidabile.
        Tecnologia della batteria per l'archiviazione. Maggiore densità di energia a un costo inferiore.

        E con la ricerca, non intendo alcuni milioni qui o là. Altrimenti, qualsiasi futuro governo statunitense prenderà il posto degli europei e perderemo la prossima tecnologia chiave, processori, sistemi operativi, RAM e telefoni cellulari. Sto parlando di qualcosa come l'Apollo Energy Program. Ciò costerebbe 2009 miliardi di dollari ai prezzi 120. Qualcosa dell'ordine di grandezza.

  • vuoto

    Il fattore tempo giocherà contro i NEVS in Europa. Le nuove auto 2018, che non credo, saranno lanciate sul mercato in Germania 2020 o qualcosa del genere. Intorno agli anni 10, dopo che le ultime auto nuove erano state al rivenditore? Puoi dimenticare completamente. Fino ad allora, il marchio è storia e NEVS non ha nulla a che fare con l'arte per anni.

  • vuoto

    Ciao Tom,

    un'istantanea migliore non è possibile. Gli ultimi sviluppatori di SAAB AB non dovrebbero decidere troppo tardi per quanto riguarda i diritti di denominazione: una decisione ritardata o addirittura negativa (rifiuto completo dei diritti di denominazione) sarebbe solo un ostacolo alle enormi imprese di NEVS.

    La direzione presa da NEVS avrebbe anche effetti piuttosto positivi sullo stesso SAAB AB se il nome SAAB fosse rilasciato. Come cosiddetto marchio (automobili + aeromobili / armamenti), SAAB avrebbe ancora una volta un maggiore grado di riconoscimento in tutto il mondo con tutti i vantaggi associati, anche per SAAB AB stessa.

  • vuoto

    È davvero notevole come sta andando NEVS, in qualche modo funziona con i finanziamenti ei contratti / collaborazioni / dichiarazioni di intenti riempiono certamente intere cartelle. Ma dal 2012, cioè in 4 anni, nessun prodotto è stato messo sulle ruote. Nel 2018 saranno 6 anni, forse. Ai miei occhi, un record negativo assoluto. (Ma un ottimo articolo lunedì di Tom 😉)

  • vuoto

    Grazie per questa visione completa!
    Un bene per la regione della Svezia occidentale..., un bene che alcuni top performer cinesi abbiano "imparato".
    Ciò che rimane sono i "se":
    Citazione: gli ordini attuali e i nuovi modelli di 2018 rendono questo possibile possibile ... se il finanziamento continua a funzionare e (se) le partnership si dimostrano solide.
    Se il favore continuerà così, chissà….
    Aspettiamo e vediamo, e usiamo i nostri SAAB!

I commenti sono chiusi