Phoenix nei Paesi Bassi: il primo SAAB EV

Una velocità massima di 70 km / h e una gamma di 65 km. I primi SAAB 100% elettrici hanno fatto rotolare la cinghia di produzione in 1974 ad un costo di 14 milioni di SEK. Solo uno dei sei prototipi costruiti nel suo stato originale e questa vettura unica è stato consegnato a una delegazione da NEVS sabato nei Paesi Bassi, a cui hanno assistito quasi tutti gli appassionati di 250 SAAB. Phoenix nasce dalle sue ceneri in un nuovissimo showroom SAAB.

SAAB_EV_Saabpartners

Saab Partners
I responsabili dell'iniziativa per la cerimonia erano Dirk Koppen e Bas Smit, proprietari di Saab Partners. Saabpartners è una società relativamente nuova che è stata fondata nel 2011, proprio nel periodo del fallimento di Saab Automobile. Sebbene inizialmente si concentrassero principalmente sui pezzi di ricambio e si specializzassero in motori e scatole del cambio, ora hanno ampliato in modo significativo le loro operazioni attraverso l'apertura di Saab Youngtimer Lease. Molte persone hanno chiesto a Dirk perché lui e il suo socio in affari Bas hanno avviato questa nuova società allora e perché si stanno espandendo in modo così significativo ora- "se non avessimo avuto piena fiducia nel modello di business e nel fatto che alla fine vedremo di nuovo alcune grandi cose venire da Trollhättan, non lo avremmo mai fatto".

Re-björn in Olanda
"Con i giusti pezzi di ricambio, un SAAB può guidare facilmente oltre un milione di chilometri"Dice Dirk. "Dopo alcuni anni, le cose possono richiedere un po 'di tempo prima che SAAB voglia avere un'auto al suo meglio in ogni momento.I SAAB vogliono continuare a farlo, ma stanno lottando dato che al momento non ci sono nuovi SAAB in vendita. Saab Youngtimer Lease è un nuovo modello di business e affronta questo problema rinnovando completamente i SAAB. Il cliente può selezionare il modello e il team Saabpartners costruisce essenzialmente nuove auto secondo le specifiche del cliente tra cui nuovo motore, cerchi, sedili, cruscotto, ecc. Aggiungono persino sistemi di intrattenimento aftermarket e telecamere posteriori o tuning del motore da Maptun Performance e diverse opzioni di leasing sono disponibili Quindi potresti dire che le auto sono rinate (o "re-björn" nel linguaggio creativo di Saabpartners) in Olanda ...

Il primo SAAB EV torna alle sue radici
Alcuni 250 sono testimoni non solo dell'apertura ufficiale del nuovo showroom Saab Youngtimer Lease, ma anche della consegna del primo SAAB EV alla delegazione di NEVS. Il commissario reale Jacques Tichelaar ha parlato con SAAB e il primo ministro Mark Rutte ne sta guidando uno!

NEVS continua a costruire automobili a Trollhättan
Frank Smit e Hans-Martin poi ha catturato il pubblico con una presentazione sul futuro di NEVS, che era molto in linea con quella di Mattias Bergman discorso, Hanno riaffermato la visione NEVS e hanno confermato che sono sulla buona strada per iniziare a costruire auto a Trollhättan di nuovo. Il primo SAAB EV vuole in ogni caso essere trasportato di nuovo in Svezia nelle prossime settimane, dove vuole ottenere un posto di rilievo nelle fabbriche.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Una delle principali riviste automobilistiche dei Paesi Bassi, Autovisie, ha intervistato Dirk:

Dirk Koppen: l'auto è realizzata in collaborazione tra SAAB e Swedish Mail. La posta svedese è giunta alla conclusione che non potevano consegnare la posta in futuro utilizzando combustibili fossili. In Svezia, devi tenere a mente, quindi sono necessarie lunghe distanze.

D: Non voglio insultare nessuno, ma questa non è l'auto più bella del mondo, giusto?
A: No, non proprio. Credo che il lato pratico sia l'obiettivo principale di questo progetto. Guarda, il volante è posizionato sul lato destro. Tutta la posta potrebbe essere consegnata senza lasciare l'auto. In realtà nella parte posteriore della macchina, tutti i pacchi potrebbero essere caricati così l'auto è molto pratica, quasi come un piccolo furgone.

D: Quanto SAAB è questa macchina in realtà?
A: Bene, cosa no? La parte più importante è il telaio. Le ruote, i paraurti, il volante. Potete vedere che sono presi in prestito da poche altre case automobilistiche. Ad esempio, SAAB non aveva queste luci di coda dritte, che possono provenire da una Volkswagen, e si possono vedere altri elementi stilistici di quel periodo. Elementi di design SAAB come le ruote, ma anche la serratura per chiudere il cofano. Quello è lo stesso blocco sul SAAB 95 e sul lunotto posteriore del SAAB Sonnet.

D: Questa macchina è ancora nei Paesi Bassi, anche con targa olandese, ma cambierà velocemente, giusto?
A: corretto! Abbiamo acquistato questa macchina da una collezione privata. In occasione dell'apertura del nostro nuovo showroom, abbiamo voluto presentare questa vettura a NEVS, e hanno risposto di si. In realtà sono parzialmente finanziati.

D: Allora, NEVS, ricordami cosa significa? Questo è il successore elettrico di SAAB, giusto?
A: NEVS sta per National Electric Vehicle Sweden e sono i nuovi proprietari delle fabbriche SAAB a Trollhättan. Quindi la macchina torna alle sue radici, alla fabbrica di Trollhättan.

D: Sarà immagazzinato da qualche parte in un magazzino e raccogliere polvere?
A: Beh, non proprio, vuole essere posizionato all'ingresso della fabbrica, nell'area dei visitatori.

Q: Quali sono le specifiche di questa macchina?
A: La sua velocità massima è 70 km / h e il suo raggio è di 75 km. Dopo che le batterie sono state sostituite. Stavano usando le vecchie batterie di trazione in modo che volessero trovarle nei carrelli elevatori. Questa macchina usa 14 di queste batterie e quando sono state scaricate tutte le batterie sono state sostituite in un colpo solo. Puoi vedere questo sul retro, un bel dettaglio. C'è una lunga mensola che contiene tutte le batterie, quindi l'intero scaffale viene sostituito. In realtà un sistema molto efficiente!

Copyright foto: agenzia di stampa Jos Schuurman e Lennard Schaap.

7 pensieri su "Phoenix nei Paesi Bassi: il primo SAAB EV"

  • vuoto

    Grazie Michèl,

    molto interessante. Soprattutto l'attività "Re-Björn". Immagino che da tutti i conducenti SAAB in tutto il mondo, gli olandesi siano i più impegnati ed entusiasti. Per favore continuate così, mi piacerebbe saperne di più.

    • vuoto

      Grazie Herbert. Fan della SAAB in molti altri paesi, ma sono d'accordo con questa iniziativa.

  • vuoto

    @Detlef: I ragazzi stanno facendo un ottimo lavoro alzando la bandiera SAAB e credendo nel futuro di NEVS e di un nuovo E-SAAB. Ciò che il vecchio e-mobile dovrebbe mostrare è che SAAB ha costruito un veicolo elettrico a scopo di test anche prima di 41 anni fa. E ricevono anche molti 9-5 e 9-3. Al momento puoi ridere di VW. Cosa sarebbe successo se lo scandalo di scarico 2006 fosse diventato noto? Gli svedesi avrebbero acquistato al posto di Volkswagen e AUDI SAAB e VOLVO e hanno scoperto la tenuta GM 9-5 II e 9-4X. Ma sarebbe stato se. In ogni caso, certamente non tutti i fan di SAAB conoscevano questo divertente scooter e talvolta si ha l'impressione che TUTTE le case automobilistiche abbiano sempre reso le loro auto elettriche più brutte possibili in modo che non si mettessero nei guai con i servizi di intelligence dei paesi produttori di petrolio.

    • vuoto

      Citazione: ... a volte non puoi liberarti dell'impressione che TUTTE le case automobilistiche abbiano sempre progettato le loro auto elettriche il più brutte possibile in modo da non finire nei guai con i servizi segreti dei paesi produttori di petrolio.
      Un pensiero perfettamente legittimo ...
      Una volta che lo "spauracchio" infesta i media = cervelli, i potenziali acquirenti sono saltati fuori da tempo ... :-(
      Fortunatamente, TESLA z. Attualmente più positivo!

  • vuoto

    poi sfortunatamente dovresti aspettare, ci vorrà un po 'più di tempo ……. Stiamo parlando del passato e che Saab ha a che fare con auto elettriche da molto tempo.

  • vuoto

    Dovresti ridere o piangere ...

    Finalmente vogliamo che ci venga presentata una vera “macchina elettrica”!

I commenti sono chiusi