Plan B

Da quando la richiesta di riorganizzazione da parte di NEVS è stata approvata dal tribunale distrettuale di Värnersborg in agosto 29th, molte speculazioni stavano girando. Innanzitutto il motivo per il rifiuto iniziale e quindi l'approvazione solo un giorno dopo l'applicazione, ma poi in particolare

© 2014 saabblog.net
© 2014 saabblog.net

2011 quando SAAB Automobile AB ha presentato la prima richiesta di ricostruzione e successivamente è fallita.

Nella domanda più recente presentata da NEVS quest'anno, il piano era essenzialmente quello di trovare un nuovo proprietario di maggioranza e di avviare una joint venture di ricerca e sviluppo. In nessuno dei casi le parti interessate sono state menzionate per nome e NEVS ha successivamente rifiutato di confermare se stavano effettivamente negoziando con l'indiano Mahindra, il cinese Dongfeng e persino la francese PSA, come suggerivano diverse fonti.

Di oggi lettera ai creditori e la versione preliminare dettagliata del piano di riorganizzazione "SAAB per un marchio premium globale fornendo sia risorse finanziarie e infrastrutture industriali" sia "collaborazione sullo sviluppo e la tecnologia del prodotto", incluso il completamento e lo sviluppo della piattaforma Phoenix ". Questo è ancora "piano A".

Pianificare A nella ricostruzione.
Scenario A nel piano di ricostruzione.

NEVS continua ad agire come un piano, con ulteriori ostacoli come il (temporaneo?) Ritiro della licenza per utilizzare il marchio SAAB e l'annuncio Licenziamenti dei lavoratori 155 all'inizio di questa settimana. Molte domande non hanno ancora risposta: chi sono queste aziende? Qual è l'argomento della chiusura dell'affare? Sarà sufficiente per garantire una soluzione a lungo termine o vogliamo vedere un'altra ripetizione di ricostruzione / fallimento nel prossimo futuro?

Scenario B nel piano di ricostruzione.
Scenario B nel piano di ricostruzione.

Sembra che l'amministratore della riorganizzazione e la stessa NEVS non siano davvero sicuri di se stessi come un "piano B" è stato introdotto ora: avviare "NEVS Industrial Services", una nuova società che si concentrerà sulla fornitura di diversi servizi al mercato automobilistico aperto. Il documento di riorganizzazione lo colloca sia come scenario complementare al “piano A” sia come alternativa completa ad esso, dove essenzialmente NEVS verrebbe reinventato come azienda e cambierebbe significativamente rotta.

Servizi forniti come parte dello scenario B.
Servizi forniti come parte dello scenario B.

Uno degli scenari si materializzerà o alla fine ci sarà un "piano C"? Difficile dirlo e il tempo non è proprio dalla parte di NEVS con la riunione dei creditori prevista per mercoledì 8 e la scadenza per la riorganizzazione del 29 novembre. Nel frattempo i costi continuano a crescere e i danni al marchio persistono. Il lato positivo è che il lavoro di sviluppo su quelle che sembrano essere le risorse chiave di NEVS - la piattaforma Phoenix e l'EV di nuova generazione - non si è interrotto durante l'intero periodo e continua ancora oggi.
Spero davvero che sarà sufficiente.