Saab Electric Car (Part 2)

Gli ultimi testimoni del Saab e-Power Concept sono ancora con noi. Perfino in posti dove non sospetteremmo i veicoli a prima vista. Un'automobile elettrica Saab dalla flotta di prova, un'auto sportiva e-power continua a guidare in Svezia ed è 2012 di proprietà privata.

BAIC SAAB EV a Pechino. © Christian Buttkereit
BAIC SAAB EV a Pechino. © Christian Buttkereit

Più Saab e-Power può essere trovato in Cina. Ironia della sorte, a Pechino, in alcune zone della Città Proibita, si possono trovare Elektrosaabs. Non sono identificabili a prima vista perché portano il logo BAIC, ma sono veri svedesi. Come è successo? Una ricerca di indizi!

Svezia avvolta nella città proibita.

BAIC aveva comprato non solo i vecchi motori Saab, trasmissioni e il pavimento Saab 9-5 di Saab, il pacchetto anche 50% del pre-lifting Saab 9-3 erano pieni berlina. I diritti erano quindi metà ciascuno a Trollhättan ea Pechino. L'attuale berlina, tuttavia, 2010 apparteneva a 100% GM, con una licenza a Saab e il diritto di sublicenza. Questo design imperscrutabile significava che sia GM che BAIC detenevano i diritti su parti della piattaforma Phoenix. Una circostanza che successivamente causa alcuni problemi agli amministratori di insolvenza e oggi a NEVS. Ma non era chiaro al momento.

Trollhättan ha pianificato un "aiuto allo sviluppo" per BAIC: sono stati considerati l'ulteriore sviluppo delle piattaforme e lo sviluppo di una gamma di modelli, il reddito previsto era già previsto nel piano aziendale del 2011.

BAIC e Saab erano strettamente intrecciati l'uno con l'altro, e il concetto di e-Power catturò anche l'interesse e l'attenzione dei cinesi. Ad un certo punto in inverno 2010 o primavera 2011, i fatti non sono molto chiari, i primi veicoli sono passati dalla Svezia alla Cina. Sono le auto elettriche che vediamo sia come veicoli di polizia e di governo di un fornitore di energia a Pechino.

Una decisione sbagliata fa storia.

Tuttavia, la relazione tra BAIC e Saab, o meglio tra Victor Muller e Xu Heyi, si raffreddò rapidamente. BAIC, in quel momento partner di GM, pianificò di conquistare completamente Saab. A GM piaceva, Muller non era contrario. I contratti erano già stati negoziati, Muller avrebbe guadagnato in breve tempo qualche milione, la Saab Automobile AB esisterebbe ancora oggi.

Nel proverbiale ultimo minuto in cui Muller era uscito, il BAIC era profondamente turbato, la fine di Saab era sigillata. Muller aveva, quello che non sospettava, da quel momento in nessun caso in Cina. Da allora in poi è stato in amministrazione come inaffidabile. BAIC è una società statale, che è meglio non negare un desiderio se si vuole continuare a fare affari in Cina.

Tutto ciò che seguì fu una lotta contro i mulini a vento, senza alcuna possibilità. Perché ha rifiutato la vendita e un profitto decente è speculativo. Il governo svedese ha dato il via libera all'ingresso dell'amico di Muller Antonov proprio quando la transazione doveva essere chiusa. Gli ex dipendenti di Saab vedono questo come una ragione. Muller aveva, così dicono, i segni del dollaro nei suoi occhi. Insieme al suo amico russo, ha visto l'opzione per un profitto ancora maggiore.

Muller ha perso la partita, un solo errore può cambiare la storia per sempre. La Saab Automobile AB è una cosa del passato, incluso il concetto di e-power. Oggi i partner di cooperazione di Saab sono attivi con altri partner, NEVS deve sviluppare molte cose da zero e sta attraversando un periodo difficile con loro.

Le auto elettriche Saab, sotto l'etichetta BAIC a Pechino, sono l'ultimo testimone di una possibile storia di successo. I lettori che sono stati in Cina ripetutamente inviano le foto di questi veicoli, oggi possono essere viste sul blog.

Testo: tom@saabblog.net

10 pensieri su "Saab Electric Car (Part 2)"

  • vuoto

    Grazie Tom! Il tuo oggetto è turbo-tip

  • vuoto

    Mi chiedevo quali fossero i cinesi imprevedibili, dubbi e inaffidabili ... Devi conoscere tutti i fatti e grazie a Tom, ora è così!

    • vuoto

      Trovo inappropriato definire inaffidabile il popolo cinese. Ha a che fare con la tolleranza. Se le informazioni di Tom sono corrette, è una buona ricerca. I negoziati con la Cina devono essere condotti in modo diverso, vedi qui:
      http://www.chinaseite.de/china-wirtschaft/china-verhandlungen.html
      Questo fa parte dell'1 × 1 della negoziazione di successo. Ciò che spinge gli investitori a prendere decisioni è la speculazione.

      • vuoto

        Sembra che le mie parole siano state male interpretate. Avrei dovuto usare le virgolette perché mi riferivo alle opinioni pubblicate qui. A proposito, ho molta tolleranza!

  • vuoto

    Informazioni importanti, Tom, consegnato! Grazie.
    Se BIAC è sul motore EL., perché una città cinese dovrebbe partecipare anche a un'azienda come NEVS ???? Soprattutto perché NEVS porta il vecchio SAAB ... .. Il fatto che alcuni quadri non siano "divertiti" è quasi comprensibile ... La storia sta crescendo in tensione .... drammatica!

  • vuoto

    Ecco come sarebbe una scarpa. 2. Il produttore asiatico che vuole sviluppare e utilizzare la piattaforma Phoenix è Baic. Se sono stati coinvolti all'inizio, sanno cosa hanno e vogliono finirlo. Forse poi viene in cambio qualcosa della vecchia e-car sapere come tornare in Svezia.

  • vuoto

    Grazie per le informazioni - non sapevo di Victor! Il cane è sepolto lì ... Non sappiamo ancora perché Kai abbia sviluppato il veicolo elettrico una seconda volta - sarà emozionante scoprirlo ...

    • vuoto

      I veicoli elettrici sono ovviamente sviluppati da NEVS in modo che un veicolo elettrico SAAB sia disponibile per la vendita oltre ai veicoli convenzionali - dopotutto, i veicoli elettrici non sono guidati solo in Cina.

      Secondo i rapporti all'epoca, BAIC aveva solo una quota molto piccola nella piattaforma PHOENIX (fase iniziale), quindi sarebbe del tutto possibile che BAIC fosse interessata allo sviluppo avanzato di PHOENIX ed è quindi il secondo partner negoziale oltre a Mahindra.

      • vuoto

        Se il mio articolo ha fatto una tale impressione che attualmente esiste un collegamento tra BAIC e NEVS, non era previsto. I tempi sono cambiati, anche gli orientamenti. A quel tempo, BAIC era un partner di GM ed è ora un partner di Daimler. Non vedo la probabilità che il BAIC sia attualmente seduto al tavolo.

I commenti sono chiusi