Saab su Vox e il futuro del marchio

Ieri era il nostro post su Saab Vox. Una storia di Saab positiva, che è stata molto divertente per tutti i soggetti coinvolti. Ma c'è altro da dire sul futuro di Saab e su ciò che Mikael Östlund ha da dire.

Ruoli alternati - Markus Lafrentz dietro la telecamera @ 2014 saabblog.net
Ruoli invertiti - Markus Lafrentz dietro la telecamera @ 2014 saabblog.net

Perché, naturalmente, non è possibile riportare tutto il film in una breve recensione, 95% del materiale non va mai in onda, ed è per questo che oggi parliamo brevemente della giornata di Kiel.

Il nostro focus è sul partecipante principale, che veniva dalla Svezia. NEV Il capo stampa Mikael Östlund aveva già supportato il team Vox con materiale in anticipo. Ha risposto positivamente alla richiesta editoriale di una connessione in diretta e la sua disponibilità a partecipare da sola è una dichiarazione. Ci mostra che il mercato tedesco occupa un posto nella pianificazione futura della Svezia.

Nel contributo Vox Östlund è stato solo brevemente a vedere cosa è comprensibile. Poiché l'intero 17 minuti in cui è stato attivato, è interessante solo per le persone che hanno Saab sul radar. Ma non per la stragrande maggioranza che non sono interessati ai dettagli che ci muovono.

E ovviamente hai sempre la speranza di ricevere notizie in queste occasioni. Si potrebbe sperare in un annuncio che Saab sta tornando in Germania, ma è la fase sbagliata e il momento sbagliato. Conoscevamo già la maggior parte delle dichiarazioni dall'inizio della produzione a dicembre. Ad esempio, che Saab consegnerà di nuovo in tutto il mondo con i nuovi modelli. La consapevolezza che non dovrebbero esserci nuove auto per noi nel 2014 è un po' frustrante... ma è sopportabile. Da un lato, le case automobilistiche pensano negli anni modello e non negli anni solari e, dall'altro, il futuro un po' più lontano è eccezionalmente più interessante della nuova edizione della 9-3.

NEVS rimane coperto, ci siamo abituati, ed è padrone del deep stacking. Tuttavia, abbiamo sentito alcune frasi di cui Mikael Östlund ha sentito parlare per la prima volta in pubblico. In particolare, sembra così.

Mikael Östlund sulla piattaforma Phoenix:

"... stiamo lavorando sulla piattaforma Phoenix ..."

Finora, la piattaforma Phoenix è stata tenuta segreta. Quando è stato chiesto, c'era un sorriso o semplicemente il silenzio, a seconda della forma della giornata. Prima fai funzionare la fabbrica, quindi produci 9-3 come una nuova edizione, quindi inizierà il lavoro sulla piattaforma. Questo è l'annuncio ufficiale - e questo è con i piedi per terra per eccellenza. Perché la menzione ci dice che si sta lavorando in Svezia. E non solo da ieri.

Ma diventa un po 'meglio, perché nella prossima frase Östlund è diventato più concreto e aggiunge un altro trattamento:

" ... sulla piattaforma Phoenix puoi costruire sia un'auto molto grande che una molto piccola ..."

Siamo abituati a dover tradurre queste affermazioni. Tradotto, ciò significa in un linguaggio semplice: lavoriamo su una Saab piccola e grande. Una piccola city car per l'Europa, una grande e rappresentativa Saab per la Cina. E poiché possiamo presumere che il successore di 9-3 funzioni anche, abbiamo la situazione che in Svezia sta crescendo una famiglia di prodotti completa basata sulla piattaforma Phoenix. Quando arrivano i modelli, chiunque può calcolare se stesso, che si occupa dei cicli di sviluppo dell'industria automobilistica.

Mikael Östlund su Saab EV per l'Europa:

"... potremmo anche vendere l'auto elettrica in Europa. Ma i clienti non lo vogliono (ancora) ..."

Emozionante è la questione se la prima auto elettrica di Saab sarà disponibile anche in Europa. Le vendite in Svezia sarebbero concepibili in primavera 2015, sentiamo. Se la politica tira avanti e promuove l'infrastruttura necessaria. Apparentemente questo vale anche per il resto d'Europa. Sebbene tu sia coperto da NEVS e discuti con la mancanza di richiesta. Ma è davvero così? Non vogliamo veicoli elettrici? Cosa accadrebbe se l'infrastruttura fosse disponibile?

Inoltre, la tendenza verso l'azionamento elettrico sembra essere lentamente in via di sviluppo nel nostro paese e un EV innovativo per la Germania sarebbe positivo per l'immagine del marchio. Perché il marchio deve reinventarsi. Non c'è modo di aggirarlo.

Testo e immagini: tom@saabblog.net

 

8 pensieri su "Saab su Vox e il futuro del marchio"

  • vuoto

    La maggior parte dei cavalieri Saab odierni sono cavalieri a lunga distanza. Questo è possibile solo molto limitato con le batterie attuali. È al di fuori dell'area di NEVS cambiarlo perché, per quanto ne so, non esiste un'università affiliata con strutture di ricerca per l'elettrochimica, né a Trollhättan né in Cina. Tutto richiede molto più tempo di quanto pensassi.

  • vuoto

    L'ho guardato dal vivo, ovviamente ... Il mio ex rivenditore Saab mi ha anche detto all'epoca che avrebbe potuto vendere Saab se solo ce ne fossero stati alcuni ... Ma è bello che ci siano concessionari che mantengono il marchio basso e, come mostra il concessionario di auto Lafrentz, loro stessi si prende anche cura attivamente delle Saab e fornisce loro parti speciali. Superiore! Grazie per quello.

    Saluti a Vienna a tutti ea voi Mr. Lafrentz (lo scorso autunno, il nero 9-3 SC di Burger King 🙂
    Joachim

  • vuoto

    Devo essere d'accordo con Franken Troll. Se SAAB piccoli o grandi.
    Al momento, non ti sei nemmeno posizionato tra i nostri rivenditori. Ciò sarebbe stato indipendentemente dal fatto di dover vendere e vendere con un serio interesse in Europa.
    Ora dissolverò anche lentamente la mia flotta SAAB (5 !!!) e andrò al rinnovo con altri marchi. Aspetta, e le ipotesi vaghe non possono essere la soluzione. Un vero peccato! Ho ancora qualche speranza, ma il tempo sta per scadere.

  • vuoto

    Sarebbe comunque bello se potesse fornire un collegamento 9-3 in D. C'è un bisogno e molti clienti sono costretti ad emigrare.

    • vuoto

      Quindi penso che se ne vuoi davvero uno nuovo presto ci saranno rivenditori Saab dedicati che conoscono qualcuno in Svezia ...
      Un bel film, e anche se a noi appassionati non piace, il comunicato della NEVS evita il ritorno disinvolto dall'officina Saab delusa: "In fondo non esistono". Sicuramente un buon contributo da ottenere da "Saab? Non sono al verde?" A "Saab, è una grande macchina".
      Solo qualcuno dovrebbe mettere un 9-3BJ 2002 vicino a un BJ 2014, non c'è tutto tranne che diversi. Ci sono altri esempi di manifattura rinomata in cui la struttura ha avuto una durata simile.

  • vuoto

    È già stato ascoltato il fatto che già lavorano sulla piattaforma Phoenix o sull'EV-2. Era tutto fin dall'inizio, l'EV-1 pronto per la prima volta e poi l'EV-2, e se vogliono iniziare in pochi giorni con la produzione di EV-1, allora lo sviluppo dovrebbe essere completato a lungo. =)

    “….Ma i clienti non lo vogliono”. In Europa esiste un mercato per le auto elettriche. Funziona bene in Norvegia, nei Paesi Bassi ho l'impressione che alcune auto potrebbero essere vendute lì, e in Germania da allora, e-Golf, anche i politici sono stati pronti a investire nell'infrastruttura elettronica. Inoltre, ci sono abbastanza persone facoltose in questo paese che troverebbero particolarmente attraente possedere un e-convertibile.

    La mia opinione, tuttavia, è che NEVS si sta muovendo nella giusta direzione e che mio figlio sarà anche in grado di acquistare una nuova Saab se lo desidera. 8)

  • vuoto

    Sembra buono e motivante! Avevo paura che si mettesse molta energia nel vecchio 9-3, per quanto bello com'è. Il futuro sembra molto migliore in questo modo!

  • vuoto

    Moin.

    Bel post ieri! Complimenti!

    E con tutti gli speciali Saab di Kiel, la mia saliva mi è quasi uscita dalla bocca! 😉

    Se questo è vero con NEVS, vale la pena aspettare 1-2 (o, se necessario, 3?) anni. Le "vecchie" Saab sono ancora buone!

    Purtroppo devo portare il mio vecchio asino svedese al laboratorio dopo un viaggio sulla costa…. (la speranza è solo una piccola cosa: canticchia molto forte). 🙁

I commenti sono chiusi