Crimine svedese: la genesi del Sonetto Saab II

Una star designer svedese che potrebbe e non dovrebbe consegnare. Un designer inesperto che non aveva mai portato una macchina in produzione. Una gestione che ignora la raccomandazione dei tecnici. Questa è la storia di Sonetto II. Una tragedia di Saab in diversi atti. Sali!

Saab Sonnet II, Saab Sonnet III e Catharina nel Museo Saab
Saab Sonnet II, Saab Sonnet III e Catharina nel Museo Saab

Sono gli anni '60 del secolo scorso: su richiesta del mercato statunitense, la direzione di Saab è alla ricerca di un'auto sportiva piccola e leggera. Il designer interno Saab Sixten Sason fu incaricato nel 1963 di sviluppare un prototipo che doveva essere costruito in serie presso ASJ a Katrineholm. Una rigorosa gestione dei costi faceva parte delle specifiche. Quante più parti possibili della produzione in serie dovrebbero essere prese dalla Saab 96.

Sason, che ha lavorato in parallelo sulla Saab 99, ha voluto utilizzare un ampio parabrezza curvo per il progetto delle auto sportive. Proprio come li conosciamo da Saab 99 e Saab 900 e da come è diventato un pezzo di DNA Saab. Invece, ha dovuto usare il parabrezza diritto e piccolo della Saab 96 e anche il sottoscocca di questo modello.

Il solido, fornito nelle sovrattasse di specifiche, ha portato Sason logicamente a costruire l'auto sportiva con un tetto Targa. Saab avrebbe anticipato l'idea di Targa presentata da Porsche in settembre 1965.

La leggenda del designer Sixten Sason, che aveva progettato fino ad ora tutti i modelli Saab, era un professionista e sapeva che i problemi finanziari a volte dovevano sottostare ai desideri creativi. All'epoca, non era consapevole del fatto che il rispetto delle normative non sempre ripagava. Il lavoro è andato bene, in autunno è stato creato 1964 a 1: il modello 1. A gennaio 1965 ha avvicinato il prototipo, chiamato Catherina, della perfezione.

Il design alternativo ...

Quindi lo shock. Poco prima della presentazione della scheda su 09. Febbraio è apparso sulla televisione svedese, un secondo progetto di auto sportive. Tratto dal designer Björn Karlström, che aveva lavorato solo una volta sul design automobilistico durante la sua carriera. Negli anni 50, una piccola auto era stata firmata come parte del Norrlands Fund, un progetto di mercato del lavoro per la promozione di regioni strutturalmente deboli. Che non è stato costruito In seguito la mancanza di esperienza di Karlström dovrebbe essere l'argomento.

Catherina di Sason e la famiglia Saab Sonett nel Museo Saab
Catherina di Sason e la famiglia Saab Sonett nel Museo Saab

Il progetto è stato realizzato dalla MFI, Malmö Flygindustri, che sperava nell'ordine di produzione. Per la produzione di massa non dovrebbe avvenire a Trollhättan per motivi di capacità e essere assegnato a una società esterna.

Entrambi i modelli a confronto ...

Nei primi giorni di 1965, i tecnici Saab hanno testato entrambi i progetti. Il design MFI di Karlström era più piccolo, più leggero, ma anche più spartano del modello Catherina più confortevole e meglio equipaggiato di Sixten Sason. I collaudatori hanno concordato all'unanimità che la Catherina aveva una migliore maneggevolezza e opportunità di mercato e ha formulato una raccomandazione per il design di Sason.

Il consiglio decide ...

Nonostante questo voto, il consiglio ha deciso contro il progetto del progettista della casa e con una strana ragione. Il peso della Catherina è troppo alto, i chilogrammi 40 in più rispetto al design di Karlströms e le finestre sono troppo piccole. È stato trascurato che Sason si è limitato alle specifiche e ha utilizzato gli elementi della finestra di Saab 96. Anche se ASJ, Sixten Sason e Björn Envall si sono vendicati e hanno presentato un nuovo design, Saab è rimasta alla conclusione. Da una parte, da una parte, e dall'altra, perché era stato trovato un compromesso con entrambe le aziende interessate alla produzione.

Il progetto MFI è entrato in produzione in serie, ma è stato costruito da ASJ nello stabilimento di Arlöv e MFI era solo un fornitore. Allo stesso tempo il progetto è stato ribattezzato Saab 97 Sonett. Un altro successo per Sixten Sason, perché aveva inventato il nome "Sonett" 20 anni prima. Ora un progetto che non era suo ha preso il suo nome.

Dura critica al sonetto ...

Per la direzione di Saab, dovrebbe vendicarsi di aver fatto affidamento su un nuovo arrivato. La stampa automatica non ha lasciato il sonetto buono. Nell'autunno del 1968 la rivista americana "Road & Track" scriveva:

"Il design evoca lacrime di disperazione e rassegnazione in ogni esperto. Le linee raccapriccianti sono una vera tragedia, soprattutto perché Saab ha avuto l'opportunità di produrre qualcosa di completamente diverso. La concezione di base - alquanto ardita e provocatoria - è corretta, mentre la lavorazione e la finitura della carrozzeria in plastica sono ottime. Ma ogni singolo dettaglio - e una singola ispezione dell'auto ne riporta alla luce almeno 80 - mostra che il designer è ingenuo, insensibile, privo di fantasia e incapace di fornire un design costantemente persistente. Ogni singola parte dell'auto sembra essere incollata, avvitata o rivettata, come se uscisse dalla forma di base o scolpita in essa. Non c'è un singolo, consapevole tentativo di inserire una singola parte nel tutto."

Saab ha sentito il rischio che corri se non ti affidi a un designer esperto con una sensibilità per forma, materiale e funzione. Per salvare l'onore di Karlström, va detto che non era responsabile per l'ammaccatura successivamente aggiunta sul cofano V4, né per le aperture di uscita dell'aria. Ha protestato contro entrambi i cambiamenti - senza successo.

Gli acquirenti americani, il principale gruppo target per la Saab 97, sono rimasti lontani dalla Sonett. Hanno interpretato il piccolo atleta come un'auto in kit economica delle Isole britanniche. Il sonetto non ha mai raggiunto il numero di brani previsto. In origine, volevano produrre 1.500 sonetti all'anno, ma non si sono avvicinati a questo numero. Ciò nonostante le riconosciute buone caratteristiche di guida. Perché se hai trascurato il design e hai guidato il sonetto, è diventato una sonata.

Catherina ha perso l'occasione
Catherina ha perso l'occasione

Una possibilità persa per Saab? Probabilmente. Sixten Sason, il grande designer, ha lasciato 1967 e fin'ora è troppo presto per questo mondo. Aveva creato Saab Design sin dall'inizio, fino ai giorni nostri. Anche ora dopo 45 anni, troviamo il suo linguaggio di design su quasi tutte le Saab. Il cofano a forma di conchiglia, introdotto sulla Saab 99, si può trovare anche sulla Saab 900, sulla Saab 9-5 e sul modello Facelift Saab 9-3 II. La mazza da hockey, una caratteristica di design Saab e il parabrezza ampio e arrotondato vivono in molte auto da Trollhättan. Più riconoscimento per il lavoro di una vita non è possibile.

Björn Carlström ha continuato a progettare aeromobili e ha lavorato anche per Scania nella progettazione di camion. Si è fatto un nome nella sua lunga carriera come disegnatore di fumetti per la Svenska Dagbladet. 2006 ha messo la penna fuori dalla mano per sempre.

Nel museo, la sfortunata Catherina, il disegno di Sason e i sonetti stanno insieme pacificamente. È passato molto tempo e quasi nessuno conosce il dramma sulla genesi del sonetto. Catherina saluta il visitatore quando varca la porta a vetri e - sì - Catherina è l'occasione persa.

Porsche ha fatto scalpore con la Targa, Saab avrebbe potuto occupare il segmento davanti a Porsche. La Targa fa parte della storia di successo del marchio svevo ... quali possibilità avrebbe avuto Saab? Catherina è la bellezza dimenticata. Potrebbe essere maturato in un classico per un lungo periodo di tempo. La storia delle auto sportive del marchio di Trollhättan si sarebbe sviluppata in modo diverso. Catherina sarebbe diventata un cult. E sì, sono una fan di Catherina.

Testo: tom@saabblog.net

Immagini: tom@saabblog.net

 

 

2 pensieri su "Crimine svedese: la genesi del Sonetto Saab II"

  • vuoto

    Ora è come allora. Nulla è cambiato per i signori a bordo di una casa automobilistica. Decidono il ahimè e il dolore di un disegno. Se risulta positivo o negativo per il produttore. L'hai visto a Saab negli anni '60. Ieri, oggi e domani in Opel, se i signori di Detroit continuano a determinarlo. Proprio come avevano fatto in Saab dal 1993 ...
    A proposito, i giapponesi non sono migliori, con poche eccezioni (Mazda MX 5) se vogliamo attenerci alle auto sportive ...

  • vuoto

    Ciao Tom,

    non vediamo l'ora di ricevere le tue notizie annunciate.

    Ecco l'opinione di me e mia moglie sulla piccola auto sportiva SAAB degli anni 60:

    "Catherina" ha di gran lunga il miglior design - molto strano che tu non sia riuscito a portarti a questa variante!

I commenti sono chiusi