Saab day: Saab ombra del passato e del presente

Gli svedesi hanno l'opportunità di vedere Victor Muller in TV oggi. Il programma "L'ultimo combattimento di Saab" va in onda alle 21:4 come documentario su TV13 Väst. Muller parla dei soldi che ha preso in prestito da Antonov. E parla dei XNUMX milioni di euro della sua fortuna personale che ha perso sull'investimento svedese. Parla anche di Jan Ake Jonsson e della sua partenza da Saab.

Per la prima volta ammette che la partenza dell'amministratore delegato di Saab per i fornitori e gli investitori ha avuto più significato di quello che in origine voleva credere. Che Jonsson abbia visto la realtà della Saab molto più chiara di quella che l'olandese arriva anche qui. Per Saab la partenza fu un punto di svolta. Poco dopo, iniziarono i nastri e il dramma.

Jan Ake è tornato oggi a Trollhättan. In qualità di "business angel" in Innovatum, si occupa di nuove aziende quando diventano lavoratori autonomi. La sua reputazione in Svezia ea Trollhättan è ancora impeccabile. Jonsson è considerato semplice e affidabile e la sua opinione conta.

Victor Muller è un'ombra del passato. Jan Ake Jonsson fa parte della storia, ma ha anche un ruolo nel presente. A Stoccolma e ora di nuovo a Trollhättan. Perché il mondo Saab è piccolo e ti incontri ancora e ancora. Quando siamo entrati nel museo venerdì, ci siamo quasi ricordati dei vecchi tempi. Sono stati raccolti molti volti familiari di Saab e all'inizio speravo in un evento "Saab Reborn".

Sfortunatamente, è stato solo un incontro di Lean Nova, uno spin-off di Saab che ha un sacco di esperienza in Trollhättan. Ciò che è buono per il presente e potrebbe essere cruciale per il futuro. Non ci sono ancora buone notizie dalla Svezia che stiamo tutti aspettando.

A Göteborg, "Svenska Bil", un grande rivenditore Saab, chiude la sua filiale e si concentra solo a Stoccolma. Proprio come ANA a Trollhättan, che lascia l'edificio alla rotatoria ANA, anche la situazione a Göteborg è stata duramente colpita.

Questi sono messaggi che derivano dalle conseguenze del passato. Il futuro potrebbe apparire migliore se gli amministratori scegliessero l'investitore giusto. I nostri amici svedesi hanno idee molto precise su chi vorrebbero vedere nello Stallbacka - e chi no.

Le notizie del nostro viaggio sono quasi terminate. Domani è la prima parte. Impressioni e valutazioni della situazione attuale di prima mano.

Testo: tom@saabblog.net

 

 

 

2 pensieri su "Saab day: Saab ombra del passato e del presente"

  • Saab sta scomparendo sempre di più dalla percezione pubblica, è semplicemente fatto per molti proprio come era con la Rover allora. Questo è fatale per una marca.

    Nel frattempo essere Saabs nelle strade meno, almeno qui in Austria, soprattutto a Vienna, manca semplicemente il nuovo forniture auto, e le vecchie Saabs dalla 90ern espellere sempre più di tali 9000 e 900 II. Molti Saab semplicemente Volvo o BMW o Audi ha sostituito.

    Il tempo stringe !!!

  • Non solo per me è altamente incomprensibile che, nonostante i molti incaricati degli avvocati della questione, non sia ancora stata fatta alcuna selezione in merito al nuovo proprietario.

    Con questo approccio estremamente lento, in realtà si promuovono casi come "Svenska Bil" - anche agli occhi dei commercianti, solo questo noto dondolio sembra essere riconoscibile al momento. Per quanto tempo vuoi trascinare la questione senza una decisione?

    Alcuni lettori del blog avevano paragonato il tutto ai gialli scandinavi (come è noto, questi sono “allungati” quasi all'infinito) – purtroppo non si può che essere d'accordo con questa opinione.

I commenti sono chiusi