SAAB Day: note svedesi e donazioni al museo

Non vediamo l'ora che arrivi la Svezia, ma quasi nulla sta accadendo. La vendita di immobili è in forte calo e gli amministratori sembrano determinati a riportare la fabbrica di Saab. Gli edifici della Stallbacka sono stati venduti ben al di sotto del 50.1% la scorsa estate. Una clausola stabilisce che in caso di perdita del noleggio, la parte invenduta del consorzio immobiliare cade.

In origine, il valore immobiliare è stato dato in estate con 800 milioni di corone. Un rapporto recente ha confermato il valore, GM per cui è stata denominata una somma più elevata per l'area. Il consorzio Hemfosa ha pagato solo 330 milioni di corone per il 50.1% della proprietà, e anche quell'importo è stato solo in tranche sui conti. Rimane una differenza di 70 milioni di corone e una strana clausola.

Cosa vogliono gli amministratori? L'inversione dell'acquisto dovrebbe essere eseguita se non altro in tribunale. Ci vorrà del tempo. Un amico svedese, con più intuizioni di quello che vediamo nella costruzione di uno sfondo minaccioso. Hemfosa venderà la proprietà al nuovo proprietario ad un prezzo ragionevole. Forse con qualche profitto, ma per favore non così tanto e rapidamente.

Ciò significherebbe che l'“accordo più stupido” dell'era Muller, l'espressione viene dalla stampa svedese e non mia, sarebbe andato a buon fine per tutte le parti.

Affrontare il passato con un tipo speciale è l'ex ministro Maud Olofsson. Jörgen Hellman e Peter Jonsson, parlamentari socialdemocratici, citano la signora davanti a una commissione d'inchiesta. Su 23. Aprile a Stoccolma chiarisce se nelle cose Vladimir Antonov tutto era giusto. L'ingresso dell'ex banchiere russo fallì nel governo svedese e alla BEI.

Nel frattempo, è passato molto tempo e Antonov ha perso molto. Le sue banche sono sciolte o sotto amministrazione statale. La sua squadra di calcio, il Portsmouth FC, non è più la sua e il sogno in Inghilterra di costruire auto super sportive è finito. L'amico Victor Muller ha raccolto macchine presso il nuovo impianto CPP di Coventry e ricostruito in Olanda per costruire Spykers. Che, naturalmente, non toglie nulla all'amicizia tra uomini. Perché l'olandese è ancora amministratore delegato in alcune (ex) società del russo. A Coventry dovrebbe Zagato Gli italiani appartenevano anche all'impero di Antonov come CPP Milano per un breve periodo. Il CPP di Coventry viene venduto e con ciò è possibile salvare i lavori 120. E nel cuore dell'impero di Antonov, Convers Sports Initiatives, 2011 è sotto amministrazione controllata da novembre.

Triste, triste, si potrebbe dire. Ma Antonov potrebbe essere andato via adesso, tornerà di sicuro. I tipi duri come lui che sono sopravvissuti agli assassini stanno sempre comparendo da qualche parte. Garantito.

Ecco perché non dobbiamo donare per l'ex investitore. Il Museo Saab di Trollhättan ne ha bisogno. Al momento abbiamo 295,00 € nel fondo delle donazioni. Questo è di prim'ordine, ma potrebbe essere un po 'di più. Continua a donare. La raccolta è costosa da mantenere. Ogni euro aiuta.

Se non ne hai avuto abbastanza dell'argomento Saab, c'è un piccolo articolo sulla Saab 99 Turbo dopo il lavoro. "Non solo Volvo è arrivata dalla Svezia“Quindi il titolo. Quasi giusto. Dovrebbe essere chiamato "... non solo Volvo vieni". Forse presto e in futuro...

Testo: tom@saabblog.net

 

2 pensieri su "SAAB Day: note svedesi e donazioni al museo"

  • Ora sono 300.
    Saluto

    Ulrich

    • Grazie per la donazione Ulrich e per tutti gli altri donatori.
      Il 300 € abbiamo crackato (Toll

I commenti sono chiusi