Crisi di Saab: svedese su e giù

A causa della riflessiva stagione pre-natalizia ... no, non per noi, non per i fan di Saab a lungo sofferente! Fermiamoci un attimo e riprendiamo fiato. Gli eventi degli ultimi giorni ci hanno messo a dura prova e le prossime 72 ore non promettono di essere molto più tranquille. Che succede in Svezia?

La situazione ha, direi, da tempo sviluppato le sue dinamiche, che ha invaso tutti i partecipanti. Alcuni mesi fa, la situazione era relativamente chiara. Da un lato un produttore tradizionale soggetto a crisi, l'ultimo europeo da acquistare. D'altra parte, Pang Da, il più grande rivenditore di automobili del mondo, e Youngman come partner industriale.

Nel frattempo, Pang Da si è dimesso per molte ragioni. L'attenzione è ora focalizzata su una casa automobilistica senza produzione, ma con una squadra di produzione completa e un investitore cinese. Tra le tribune Victor Muller.

Dopo mesi di crisi, l'acquisto di Saab non può più essere supportato da argomenti puramente razionali. Per tutti gli interessati, ora è anche e soprattutto il prestigio. O per salvare la faccia.

Prendi Saab Partner Youngman. I cinesi hanno ora investito una buona cifra di tre cifre in Saab, senza che fosse stata costruita una sola auto. Per Youngman, in questo caso Youngman rappresenta la Repubblica popolare cinese, un'uscita sarebbe fatale. Perché non puoi essere, ciò che non può essere e non vuoi perdere la faccia, ti atterrai a Saab. Naturalmente, tutto è fatto a Stoccolma, tutto ciò che si investe, con la calma benevolenza e sotto lo sguardo del potente NDRC.

Senza la sua approvazione, Rachel Pang avrebbe fatto le valigie molto tempo prima e sarebbe volata di nuovo a Pechino. Saab è il pesce sulla canna da pesca di Rachel Pang, e se ho qualche consiglio, dovresti portare il pesce a riva velocemente. Perché il pesce grosso risveglia i desideri di altri pescatori.

Questo è il punto debole dei nostri amici dalla Cina. La flotta non sembra andare in una grande, mastodontica autorità capitalista comunista. Prima che uno mette finalmente la sua firma sotto i contratti, l'autorità vuole decidere. Allo stesso tempo, si dimentica che i mulini burocratici in Svezia si muovono a una velocità superiore rispetto ai lenti dinosauri del Medio Regno. Se non aumenti drammaticamente la frequenza, finisci in mani vuote a Pechino.

Am giovedi è l'udienza del tribunale di Vänersborg. Victor Muller e Rachel Pang hanno l'opportunità di spiegare le loro opinioni alla corte e chiedere un nuovo amministratore e una continuazione della ricostruzione. Come deciderà la corte è incerto. Muller ha detto oggi che neanche gli stipendi sono in vista mercoledì. Nessuna buona condizione per temperare la corte.

Sfortunatamente, gli ultimi mesi della ricostruzione non hanno fatto avanzare Saab. Se avrebbe funzionato meglio con un altro amministratore, questa è una domanda teorica. Forse la corte non accetterà ulteriori estensioni. La decisione dovrebbe presumibilmente cadere nella prossima settimana.

Poi, poco prima di Natale, verrebbe annunciata una bancarotta, ma non sarà la fine. Come è stato spesso detto, ci sono investitori e terze parti che comprerebbero Saab dalla bancarotta. È così con il grosso pesce. Se aspetti troppo a lungo, faranno fuori Rachel Pang.

Non per i deboli di cuore e niente per la stagione pre-natalizia. Natale 2011 è dramma e pura suspense. Forse 2012 potrebbe essere contemplativo, con una nuova Saab nel posto auto coperto.

Testo: tom@saabblog.net

3 pensieri su "Crisi di Saab: svedese su e giù"

  • Lo scarico di contante va avanti ogni giorno e gli arresti di produzione. Quindi le clausole contrattuali GM sono state trascurate. Cosa puoi dire ????? Dare nuove mani a Saab.

  • Sarei interessato a bruciare ora, chi è questa infausta terza parte.

    Ci saranno le zampe di rana nella mensa SAAB o le nocche?

  • Ben ricercato, scritto facile da capire, è sempre un piacere leggere i tuoi post. Forse questo lo renderà un thriller economico.
    Fino ad allora, auguro a te ea tutti gli amici di Saab un Natale allegro e felice. Speriamo che tutto vada meglio nel nuovo anno.

    Saluto

    Dieter

I commenti sono chiusi