Crisi di Saab: come Victor vuole salvare Muller Saab

Come funziona il blog. Sulla buona gioia in Svezia, principalmente da Stoccolma o dall'ambiente diretto di Saab, le informazioni arrivano in Germania per telefono o e-mail. Controllo queste informazioni con i tre principali quotidiani svedesi, la maggior parte delle volte le informazioni sono quasi identiche al 100%. La parte sensibile e riservata della notizia viene tralasciata, il messaggio va sul blog. Questo principio funziona bene da mesi. Fatta eccezione per l'ultima domenica, il giorno in cui c'è stata per la prima volta una "anatra" su SaabBlog.net.

Il TTELA di Trollhättan oggi ha dato ai lettori un'idea dei piani di Victor Muller. Il piano è, se si guarda da vicino molto bene e realistico tranne che per due piccoli punti deboli. Muller ha imparato durante la crisi. Il motto, per non vincere in una battaglia che non può essere vinta, l'ha notato. Pertanto, Muller o Saab non investiranno con GM e cambieranno la struttura proprietaria di Saab.

Si prevede che Youngman e una banca cinese finanzieranno gli affari in corso nei prossimi mesi e anni e parleranno di 500 milioni. Il prestito della BEI deve essere sostituito. Pertanto, i titoli che sono recuperabili sono gratuiti. Il redditizio business dei pezzi di ricambio, brevetti, strumenti, immobili. La garanzia per il prestito potrebbe anche essere fornita attraverso l'emissione di azioni privilegiate o obbligazioni convertibili. I dettagli non sono ancora noti.

Non è necessaria l'approvazione di Detroit, nemmeno da Stoccolma. I contratti per la produzione della licenza rimangono, perché la struttura della proprietà rimane intatta. L'auto sportiva Saab 9-5 e la Saab 9-4x potrebbero quindi lanciare 2012 anche su strade tedesche. L'intera faccenda sarà solo rotonda, osserverà le altre connessioni.

In Svezia, c'è ancora la società di sviluppo di proprietà di Saab e Youngman, in cui milioni di dollari vengono investiti dalla Cina. Lì, la nuova Saab deve essere sviluppata. I piccoli tipi per noi in Europa, la grande Saab preferibilmente per il mercato cinese. Ciò significherebbe che investiremmo più di un miliardo di euro nei prossimi anni.

Il piano suona bene in questo contesto, la costruzione è coerente. Ma come scritto all'inizio, questa idea ha anche due punti deboli.

Innanzitutto, il fattore tempo è un problema. La prossima settimana, il tribunale di Vänersborg, Saab, vuole fare una dichiarazione chiara e informata per il futuro. Le lettere di intenti non saranno sufficienti. I contratti firmati o le garanzie devono essere sul tavolo.

L'altro fattore è a Pechino. La NDRC deve approvare le imprese e gli investimenti stranieri su questa scala. Qualunque cosa possa pensare Pechino, una previsione è impossibile. Anche il fattore tempo è una domanda aperta con questa mastodontica autorità.

Il piano di Muller è un'opzione. La volontà di tutti gli interessati è lì, altrimenti Rachel Pang di Youngman non avrebbe sistemato in modo permanente le tende a Stoccolma.

Quello che succede nei prossimi giorni è molto eccitante. Una soluzione sarebbe buona. Il più velocemente possibile.

Testo: tom@saabblog.net

8 pensieri su "Crisi di Saab: come Victor vuole salvare Muller Saab"

  • Il primo piano di Victor Muller che non è attento alle dimensioni. Come descritto qui in connessione con la società di sviluppo, suona bene. Finalmente si parla di somme reali. I milioni di 100 di Antonov erano decisamente grotteschi per l'industria automobilistica. Ne sapremo di più presto.

  • Niente di tutto questo mi convince davvero, ancora una volta troppe incognite e, purtroppo, un pio desiderio. Nessuna sillaba sugli stipendi di novembre, che sono dovuti per dicembre presto ...

  • vuoto

    Tanto di cappello al signor Muller. Dopo aver cercato di spingerlo attraverso la "cucina fredda" al raccordo, quest'uomo si assume ancora la responsabilità. In retrospettiva, l'approccio del signor Lofalk può essere descritto solo come amatoriale.

  • vuoto

    Se i cinesi lavorano così duramente sul piano finanziario, allora dovrebbero anche fare il loro taglio negli affari futuri, questo è giusto. Nessuna società europea, tranne la società Mullers e certamente nessun americano era in grado o addirittura tentato di contribuire a una soluzione, non bisogna dimenticarlo.

  • vuoto

    "Mi piace quando un piano funziona...!"
    SAAB e la comunità SAAB hanno senza dubbio molto da ringraziare Viktor Muller. SAAB esiste oggi solo perché la VM è precipitata nell'avventura SAAB con la giusta dose di ingenuità euforica. Che la sua euforia non fosse sufficientemente solida, era consapevole solo tardi.

    Ma se un calabrone riesce a volare, anche SAAB può farlo.

    Se riesce a mettere in atto il suo piano Z (a destra, quindi non ne può ricavare altro), sono anche disposto a interpretare i suoi errori e le sue valutazioni sbagliate a volte irritanti come un processo di apprendimento.

  • vuoto

    "... ha bisogno di strategie" e poi soprattutto di azioni.

  • vuoto

    Molto importante per me è anche il fattore fiducia. E questo è più che solo nel seminterrato. Non trattare con il GMC big player con numerose marche di auto e con i dipendenti 200.000, penso che una decisione saggia. Tutto deve essere chiaro entro la fine dell'anno. Le visioni sono ok, ma ora ha bisogno di strategie.

  • vuoto

    Penso che gli ultimi due anni siano stati una buona scuola per V. Muller quando si tratta di corporate governance. Dall'acquisizione di SAAB ha dovuto affrontare tutto quello che potrebbe fare un manager in 20 anni. Se all'inizio era ancora un novellino, deve essere maturato attraverso i problemi e "dovuto" conoscere l'azienda SAAB con tutti i suoi dipartimenti e interdipendenze in un corso accelerato. Spero che questo lo aiuterà a padroneggiare le sfide future. Anche se avrei sperato che uno dei suoi numerosi piani avrebbe funzionato.

I commenti sono chiusi