Il blogger Saab è atterrato: stanco ma felice

Il tour dei dealer Saab 2011 continua, per me ieri è stato il (veloce) tour di questo affascinante roadshow. La voce è finalmente rovinata e la mia batteria deve essere ricaricata urgentemente.

È stata una settimana fantastica e affascinante con il nostro marchio svedese. I nostri rivenditori, che ho avuto modo di conoscere, sono grandi e fedeli. Molti rapporti dei concessionari e molte foto sono ancora in sospeso e domani continueranno.

Le nostre nuove auto sono assolutamente fantastiche, una settimana nella nuova Saab 9-5 e tra me e il nuovo 9-4x mi hanno completamente convinto. Qualcosa sta arrivando, i rapporti e le impressioni di guida arriveranno la prossima settimana. 2012 sarà un anno Saab, non solo in Germania.

Il team Saab tedesco con Jan-Philipp Schuhmacher, Country Manager della Saab, è, in senso positivo, assolutamente pazzo, Saab. Ragazzi, mi mancherai.

Ma il meglio del marchio sei tu, i fan. Sia a nord, a Berlino o in Sassonia. Il tuo spirito per il marchio, il tuo caloroso benvenuto per noi e la tua lealtà. C'è così tanto cuore e anima dietro di esso, ti rende una grande linfa per scrivere e parlare con te. Un grande grazie a tutti voi.

Oggi vado alla “fase di rigenerazione”. Domani continueremo a scrivere, le mail verranno elaborate e lunedì pomeriggio tornerò per il tour dei concessionari Saab a Bamberg.

Buon fine settimana con tutti voi.

Testo: tom@saabblog.net

4 pensieri su "Il blogger Saab è atterrato: stanco ma felice"

  • Ciao grande,
    Non esagerare e prenditi una pausa!
    Ho letto tutti i rapporti. E 'stato un grande momento.
    Ora rilassati per un po 'e rilassati un po'.
    Cordiali saluti, H.

  • E ovviamente venerdì nella zona di Stoccarda! Contiamo su di te 🙂

  • vuoto

    Ciao Tom,

    martedì l'SZG è in Mittelhessendran. D potrebbe davvero fare il giorno
    ancora da portare via. Tutti qui sono `` pazzi SAAB ''; o))

    Lode per il grande blog !!!

  • vuoto

    Fantastico, poi fino a lunedì a Bamberg. Cercherò di essere lì anche io.

I commenti sono chiusi