L'eterna startup e il nemico tedesco

Era un inverno profondo. La bancarotta di Saab era ancora fresca. Mark e io ci incontrammo nel Trollhättan notturno con una personalità ben nota. Il loro nome non ha importanza, abbiamo parlato delle trattative di vendita in corso.

NEVS, l'eterna startup.

L'opinione del nostro interlocutore aveva molto peso, gli amministratori di insolvenza lo hanno chiesto ancora e ancora per un consiglio. Siamo venuti in BMW, la società che voleva continuare il marchio Saab. Una mini-piattaforma Saab nuova e piccola era in uno studio di design italiano. Insieme ai veicoli del marchio Mini, avrebbe potuto essere costruito a Trollhättan.

Il nostro interlocutore era contro BMW. Parlò inaspettatamente del nemico tedesco, che in nessuna circostanza Saab avrebbe dovuto ottenere. Per un lunghissimo secondo le mie caratteristiche facciali hanno deviato, il sangue si è congelato nelle mie vene. Mai prima d'ora la mia nazionalità era stata giudicata in modo così negativo in Svezia, nessuno aveva in precedenza assunto una posizione così chiara. Fortunatamente, l'argomento è stato modificato rapidamente e la serata è stata salvata. Più tardi, chiesi a Mark se avevo sentito bene. Sì, ho avuto.

La Cina invece della Germania, quindi 2012 ha avuto le azioni. Trollhättan ha ottenuto la Cina, e quindi NEVS. I cinesi non furono accolti con esuberanza, ma con simpatia, e forse furono percepiti come il male minore. NEVS aveva una buona possibilità in quel momento. La storia di Volvo-Geely sembrava un buon modello, anche se non tutto è così brillante come sembra.

Bambini fortunati dalla Cina

Denaro cinese, ingegneria e design svedesi. Questo avrebbe potuto funzionare se ci fosse abbastanza liquidità. E se tu avessi Saab sul lungo guinzaglio. A quel tempo le scritte del marchio brillavano nella notte, molto sembrava possibile. Che NEV era mal capitalizzati fin dall'inizio che il fondatore Kai Johan Jiang aveva l'immagine di un bambino fortunato, in cui tutto sembrava cadere in grembo a causa di connessioni politiche, non era ancora noto.

La simpatia per i cinesi a Trollhättan si sciolse, come la neve di aprile. Fallimento e ricostruzione 2015; un riavvio che non era nessuno. Ogni visita alla ex città di Saab era pessima. Soprattutto gli anziani, i veterani della Saab, erano apertamente sospettosi. Si parlava di smantellare l'equipaggiamento nello Stallbacka, il trasferimento tecnologico in Cina.

La critica divenne più forte. I vecchi, noiosi ingegneri di Saab videro cosa non andava bene. Quello nella stablebacka non aveva piani né obiettivi. Invece di concentrarsi, si sono imbattuti in molte attività. Diversificazione, come se avessi dipendenti 10.000 e non solo alcuni 100. Produzione a contratto, sviluppo di terze parti, un'auto per la Turchia. Partnership con altri produttori altrettanto deboli. Investire in una fabbrica in perdita cronica in Cina. Tutto con perdite, fallito, o poco prima.

L'inaspettato aumento di valore degli immobili di Saab

Il finanziamento a lungo termine non è mai stato dato. Anche i prossimi 12 mesi vedono i revisori come non protetti. Per garantire la sopravvivenza, NEVS vuole prestare il bene immobile. Per questa operazione, le proprietà, inclusa la pianta, che è rimasta ferma per anni, acquistano valore. 3.5 miliardi di corone, attorno a 367.000.000 €, valgono attualmente gli edifici di Stallbacka. Devono essere prestati con circa 84.000.000 di € milioni.

2011, sotto Victor Muller, divenne il Valore stimato dalla fabbrica e dal centro di sviluppo di 53.000.000 €. Una fabbrica di produzione, badate bene, e gli uffici pieni di vita. Prestare quindi 51%. Nel dolore, in termini molto sfavorevoli, come abbiamo appreso in seguito. Sono passati molti anni da allora. Lo stato non è migliorato, il portafoglio di investimenti è cresciuto. Il lavoro si ferma.

Il futuro è incerto. Anche se l'impresa ha successo, e NEVS a Tianjin può iniziare la produzione, questa non sarebbe la salvezza. Gli ordini presenti non sono vincolanti, non ci sono specifiche stabilite per la consegna e il prezzo. Non esiste una rete di vendita in Cina, la società non ha nome. E chi dovrebbe comprare un prodotto da una società sconosciuta, 2018, le cui radici risalgono al millennio precedente?

NEVS sembra essere una partenza eterna. La direzione non è pronta per la resa, sta combattendo. Per i nostri dipendenti Trollhättan e Saab, mi sarebbe piaciuto qualcosa di diverso. Il nemico tedesco sarebbe stata la scelta migliore.

Anche i pensieri di 30 "L'eterna startup e il nemico tedesco"

  • 16. Ottobre 2017 su 12: 34 PM
    Permalink

    BeeeeeMWeeeeee ...... Ove avrebbe detto e andato.

    ... ho visto senza paraocchi come Monaco ha fatto molto bene, passato ....

  • 16. Ottobre 2017 su 12: 55 PM
    Permalink

    Sempre molto amaro ...
    Che dire di NEVS è: amen.
    Grazie per la recensione aperta e critica!

  • 16. Ottobre 2017 su 1: 00 PM
    Permalink

    Quando ero a Trollhättan in estate, ho trovato i terreni estremamente trascurati e gli edifici in buone condizioni. Per la prima volta, ero contento che non fosse più SAAB. L'area NEVS sta diventando sempre più impoverita, chi dovrebbe accettarlo come una sicurezza che vorrei sapere.

  • 16. Ottobre 2017 su 1: 07 PM
    Permalink

    Con queste informazioni in mente, vorrei dire che ognuno ottiene i partner che merita. Se preferisci continuare la tua ostilità per qualsiasi motivo e intraprendere un'avventura con un consorzio fondato due settimane prima dell'acquisto, con un passato nebuloso, devi anche sopportarne le conseguenze. Inoltre, non ho mai saputo che SAAB considerava la BMW una nemesi.

    A qualcuno piace stare per BMW, i veicoli e il prototipo del pilota BMW come si vuole, qui, a mio avviso, si è persa un'opportunità nell'illusione ideologica. In un punto in cui SAAB non poteva più permettersi l'ideologia. Vediamo i risultati ora, come in Trollhättan un non morto chiamato NEVS sta girovagando.

    • 16. Ottobre 2017 su 8: 51 PM
      Permalink

      Per una volta non era diverso.
      Vedi gm.
      Non era esattamente il partner dei sogni.
      Ma è stato sufficiente per circa 15 più anni.
      E a Volvo hai qualcosa di simile dietro.

  • 16. Ottobre 2017 su 1: 39 PM
    Permalink

    Penso che BMW non fosse desiderata perché hai visto cosa è successo a Rover. Ma qui le condizioni erano diverse. Una fabbrica moderna e macchine, alcune in via di sviluppo, un buon nome. Ora è tutto finito. Potrebbe essere stato qualcosa.

  • 16. Ottobre 2017 su 1: 52 PM
    Permalink

    Se un SAAB su mini-piattaforma sarebbe stato un grande successo, rimane aperto come piuttosto incerto - rimane anche aperto come incerto se la BMW sarebbe stata fondamentalmente la scelta giusta. Rover sotto BMW fu presto un disastro.

    Speriamo che NEVS ancora in qualche modo ottenga la curva - la gestione è ancora abbastanza senza paura.

    • 16. Ottobre 2017 su 4: 16 PM
      Permalink

      Bene, e al contrario, il noto marchio Mini è stato portato al mainstream. Le macchine possono essere viste in ogni città oggi, popolare tra giovani e vecchi. Chissà cosa sarebbe successo se ci fosse stata una Saab in formato 96 o 9-X. Forse allora oggi molte piccole Saab compatte guideranno le città. Nella speranza, ovviamente, che i grandi fratelli 9-5 e 9-4x esistessero ancora.

  • 16. Ottobre 2017 su 1: 58 PM
    Permalink

    Ciao Tom
    L'hai giustamente descritto. Non c'è mai stata una strategia o una visione su come usare il nome Saab per iniziare una nuova era a Trollhättan. I segni di "riattivazione" del marchio Saab e della fabbrica sono peggiori che mai. Siamo tutti amanti di un marchio che purtroppo è e rimane storia. Nonostante e soprattutto per questo, terrò sempre la mia lealtà nei confronti di Saab.

    • 16. Ottobre 2017 su 8: 25 PM
      Permalink

      Posso trovare 100% in Irhem commentare Bjoern.

  • 16. Ottobre 2017 su 4: 39 PM
    Permalink

    Strano che si ascolti dal lato della politica svedese niente e solo poche notizie dalla stampa svedese su NEVS / SAAB.

    • 16. Ottobre 2017 su 5: 25 PM
      Permalink

      Potrei ben immaginare che questo argomento non sia interessante, poiché NEVS non ha mai prodotto nulla di svedese e non è realmente percepito come un produttore. E i "pochi" impiegati non valgono la pena. Scusi.

    • 16. Ottobre 2017 su 5: 48 PM
      Permalink

      NEVS non è rilevante per la Svezia. Una piccola azienda che non produce nulla. Inoltre, ora c'è un problema di credibilità. 2016 è stato promesso di produrre da 2017 in Cina. 2017 promette che 2018 è pronto.

      • 17. Ottobre 2017 su 8: 21 AM
        Permalink

        Ho dei dubbi sul fatto che ci saranno ancora NEVS dopo 2018.

  • 16. Ottobre 2017 su 5: 19 PM
    Permalink

    Grazie per questo report. Ciò che è incomprensibile a questo punto è l '"ostilità" nei confronti di BMW. Fu in quel momento che esisteva già una partnership nel campo del powertrain. Il successore di Saab 9-3 dovrebbe ottenere 1,6er da Mini / BMW. Questi negoziati dovrebbero aver lasciato un retrogusto così amaro? O gli svedesi sono solo "Ove (iger)" come previsto, che a sua volta contraddice la scelta dei cinesi, anche Ove avrebbe preferito BMW piuttosto che i cinesi. Per me, ogni articolo solleva sempre più domande e la certezza che non sapremo mai tutta la verità.

    • 16. Ottobre 2017 su 5: 39 PM
      Permalink

      PS: Quello che ho trovato divertente / pensare che la Saab come il proprietario del nome della società non nella decisione (elezione del nuovo acquirente) è stato strettamente coinvolto, credo che questo gruppo mondiale avrebbe avuto una visione più grande del curatore fallimentare. E dipendeva in modo cruciale dal fatto che Saab l'avrebbe passata come un'auto. O dovrebbe essere stato il SAAB AB non importava poi (ricordo, tuttavia, che hai sempre avuto una parola da decidere)? O era SAAB AB contro BMW?

    • 16. Ottobre 2017 su 5: 50 PM
      Permalink

      L '"ostilità" è la testimonianza di un singolo ex dirigente di Saab. Penso che sia stato fatto dalla (allora) situazione e non è né un rappresentante della Svezia né della ex forza lavoro di Saab.

  • 16. Ottobre 2017 su 5: 22 PM
    Permalink

    È inutile discutere della decisione forse sbagliata a Saab. La compagnia è piatta.
    Solo le macchine in parte magnifiche e le persone che guidano e si prendono cura di loro vivono.

    • 16. Ottobre 2017 su 9: 06 PM
      Permalink

      Non c'è molto da aggiungere!
      (E chi spera ancora di NEV, probabilmente gioca anche Lotto: non si può escludere completamente che ci sia qualcosa viene fuori, e se qualcosa dovesse sorgere anche vantaggi Trollhättan stessa; e se ci dovesse accadere qualcosa in Svezia, questo da remoto da fare con Saab ..)
      Tom, grazie per questa nota personale dal momento in cui il corso è stato fissato per l'ultima volta!
      Forse c'è una speranza per il tempo dopo NEVS, forse proveniente da Saab AB ..?
      Vado a giocare alla lotteria ora ...

  • 16. Ottobre 2017 su 11: 38 PM
    Permalink

    Ho diverse BMW nel garage e una Saab. Per me sarebbe stato fantastico ... e penso che Saab avesse molto di più da offrire rispetto a Rover. La tecnologia turbo avanzata in quattro cilindri, un design elegante e nordico, di buona qualità e una bella immagine ... e se Saab sarebbe stata quella di avere la rete di distribuzione BMW ... purtroppo un'occasione mancata, a mio parere ...

    Almeno mi piacciono gli ultimi giorni autunnali con il mio 9000er.

  • 17. Ottobre 2017 su 12: 09 AM
    Permalink

    Questo è uno dei post per cui amo così tanto questo blog! Grazie Tom!
    Mi viene in mente la domanda sulla possibile entrata di BMW in SAAB da quando, qualche mese fa, ho letto per la prima volta su Saabblog.
    Tutto avrebbe funzionato così bene: entrambe le società hanno le loro radici nella costruzione di aerei, la BMW ha molta esperienza e una moderna piattaforma di trazione anteriore. SAAB sarebbe stata un'adeguata aggiunta al portafoglio BMW. E il capitolo Rover è stato sicuramente anche un apprendistato per BMW. La BMW può avere successo e si può vedere il coraggio dopo l'ingresso in Mini, Rolls Royce e gli innovativi modelli i. Puoi sicuramente discutere del design. Ma devi garantire a BMW la più innovativa casa automobilistica tedesca. Loro osano qualcosa! L'investimento sarebbe stato buono per SAAB e BMW. Un vero peccato che non sia mai arrivato.
    Ma forse la BMW ha ancora tenuto d'occhio SAAB. Sarebbe bello! Con la Brexit BMW dovrà anche chiedersi se Mini debba essere costruita esclusivamente in Inghilterra?

    • 17. Ottobre 2017 su 9: 46 AM
      Permalink

      La Brexit potrebbe diventare una (piccola) possibilità per la fabbrica di Saab. Forse l'ultimo. Se la gestione dell'isola, come sembra attualmente, sta davvero prendendo una via difficile, molti produttori potrebbero essere interessati a un impianto in Svezia. Forse anche BMW, perché la produzione MINI ha come unica alternativa lo stabilimento Nedcar. E quello non potrebbe essere abbastanza.

  • 17. Ottobre 2017 su 3: 48 PM
    Permalink

    Sembra una tipica Saab, anche nei momenti di bisogno, uno è troppo privato e troppo testardo per aprirsi a ciò che potrebbe averti salvato. Anche se io non ho molto abgewinnen BMW (che prima ancora che il film Ove fosse il caso) ci sarebbe stata solo una situazione win win, con la BMW anche socio significativamente più grave rispetto a GM. Un vero peccato, ma chissà cos'altro sta arrivando, spero di non arrenderti, i diritti di denominazione esistono ancora.

    Che dire di possibili brevetti e licenze? ad esempio il vecchio 900 o il primo 9-3? È anche SAAB AB?
    Così mi ha sorpreso dopo la vendita di Opel che devono continuare a costruire l'Insignia liberamente Saab, ma non ha mai avuto la possibilità di 9-5 NG o essere in grado di produrre 9-4x possedere anche due piedi (anche se sarebbe stato molto improbabile.)

    • 17. Ottobre 2017 su 7: 50 PM
      Permalink

      Spyker è stato autorizzato a costruire il 9-5 NG. Dovevo solo pagare enormi tasse di licenza.

    • 17. Ottobre 2017 su 8: 21 PM
      Permalink

      I diritti sui vecchi design e sui veicoli classici sono più probabili con gli amministratori di insolvenza. NEVS ha acquisito poca proprietà intellettuale da Saab Automobile AB, i classici non erano tra loro.

  • 17. Ottobre 2017 su 8: 51 PM
    Permalink

    Grazie per l'interessante articolo. Nonostante tutte le difficoltà, NEVS deve guardare al futuro. Se sono in bancarotta, allora - "così sia"! Devi capire che il mercato delle auto elettriche e dei relativi servizi di mobilità è ancora un mercato di nicchia, e c'è molto clamore e non penso che nessuno stia facendo soldi lì. E molte aziende che si muovono in questo mercato non sopravviveranno. NEVS non ha migliori possibilità solo perché ha comprato Saab Cars. Solo, finché l'azienda esiste ancora, sono fiducioso e auguro al team ogni successo.

  • 18. Ottobre 2017 su 11: 00 AM
    Permalink

    Che emozione! ! !

    Non pensavo che ci potessero ancora essere notizie su SAAB che mi hanno toccato così tanto.
    E ci sono anche due eccitatori ...

    1. Il capitolo VM e le cattive condizioni che ha ottenuto, anche se i nuovi modelli erano all'inizio. Mai più sembrava così luminoso come prima.

    2. Quello con BMW. Non devi amare il gigantesco "Minis" e la BMW. Ma devi far sapere a BMW che hanno successo e che le BMW non sono certamente cattive. E il mini che agisce in modo indipendente.
    Gli svedesi avevano già saputo come continuare a costruire SAAB. Bello stupido, meglio fallire che provare almeno sotto la BMW.

    Il valore aggiunto è il pio desiderio di NEVS o da chi provengono i numeri? Non hai ancora il credito?

    • 18. Ottobre 2017 su 11: 08 AM
      Permalink

      Le cifre sono tratte dalla relazione attuale dai revisori dei conti. Una banca d'investimento nordica è responsabile per il prestito degli immobili. Il rilascio dei documenti è previsto per questo mese.

  • 19. Ottobre 2017 su 2: 13 PM
    Permalink

    Una Saab su base mini, l'avrei presa subito, peccato.

  • 2. Novembre 2017 su 2: 39 PM
    Permalink

    Potrebbe essere diventato qualcosa. Un SAAB con un motore BMW sarebbe stato un sogno e, soprattutto, negoziabile. Anche con il mini, avrebbe potuto funzionare.

    Un altro, forse l'ultima occasione mancata. Il blitz nazionalista non aiuta molto nelle decisioni di business in un business globale. Se vedo quante parti Toyota e GM sono già state installate nel mio passato 9-5er, una tale visione è semplicemente stupida.

    A causa di tali decisioni, guido SAAB dopo x anni SAAB oggi non più e ho dovuto cercare altri produttori. Dove non c'è niente da comprare, non posso più aiutare.

I commenti sono chiusi